Gli scienziati affermano: un litro di Whiskey e un piatto di peperoni prima di andare a dormire, possono aiutare a metterci in contatto con gli alieni

alien connectionDa quando i racconti di Jules Verne hanno fatto bisboccia nel nostro inconscio collettivo, dopo la goliardia radiofonica di Orson Wells, che costò la vita a molti, la gente non smette di affascinarsi agli alieni, con tutta se stessa.
Centinaia di università si dedicano a studi alienanti, molti centri seri fioccano come cipster, in tutto il mondo. Si sono costruite gigantesche orecchie radioelettroniche per sentire qualche boutade degli alieni, per capire il loro modo di approcciare l’altro, per sentire se gli alieni cercassero altri "alieni" (si è sempre gli alieni di qualcuno), per capire se bestemmiano o se sanno fare gli scioglilingua o ordinare una pizza al telefono imitando Gillo Pontecorvo.
Dopo innumerevoli miliardi gettati in polvere, un piccolo gruppetto di scienziati, ha scoperto un modo molto più dualcore ed economico per mettersi in contatto con gli alieni:

"Fino ad ora l’errore che abbiamo commesso è stato puramente metodologico; si era convinti che per mettersi inAndrew Rotfl contatto con gli alieni abbisognasse colmare la distanza fisica, concetto la cui stupidità è inversamente proporzionale alla distanza che toccherebbe coprire, in caso di galassie sperdute.
Bisogna mettersi in contatto non spazialmente o temporalmente, ma trovando una dimensione comune, dove le regole spazio-tempo sono belle che buggerate."
Questa è l’autorevole opinione di Andrew Rotfl, un astrofisico fino a pochi giorni fa famoso solo per aver corso nudo a Vienna con una marmitta in testa.

"Abbiamo scoperto che bere un litro di whiskey e mangiare un piatto di peperoni, immediatamente prima di mettersi a letto, in molti casi, con persone predisposte dal punto di vista alienante, favorisce un contatto extraterrestre! Abbiamo già registrato le opinioni di moltissimi uomini, compreso il mio, che raccontano di lunghi colloqui avuti con alieni di tutte le razze e religioni. Presto i nostri studi saranno divulgati integralmente, per ora, vogliate gradire solo queste mie modeste anticipazioni."

Il metodo Rotfl, com’è stato definito in onore del suo inventore, è nato un po’ per caso. Il professore, dopo aver letto un libro di William Blake Huxley, con prefazione di Cioran, stava studiano su se stesso quali effetti l’alcool potesse riservare a un astrofisico di chiara fama a venire (l’episodio della marmitta chiarisce molto, ma non tutto); poi un giorno si corica dopo aver bevuto un litro di whiskey in un sol boccone, mangia dei peperoni arcipepati, e si sveglia raccontanto incontri ravvicinati del terzo tipo da tutte le parte.

"Ecco, io voglio profondamente sconsigliare atti emulativi di questo genere. Occore un’assistenza preparata, un controllo continuo, dacché l’indigestione è sempre dietro l’angolo, così come  il coma etilico, e poi, non si sa mai con quali alieni si ha a che fare, per cui proibisco severamente ai dilettanti di mettere a repentaglio la loro vita solo per concedersi un’avventura o per chissà quale morbosa curiosità."

3 Responses to “Gli scienziati affermano: un litro di Whiskey e un piatto di peperoni prima di andare a dormire, possono aiutare a metterci in contatto con gli alieni”


cribbio
Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)