Gli spettatori di Clerks

Come raccontare/scrivere di qualcosa di estremamente generazionale, ché ogni generazione ha il proprio film di riferimento quel misto perfetto di libri-musica-film-fumetti-pruderie divorati e disciolti nei neuroni, senza essere pericolosamente nostalgici o patetici o peggio ancora accademici? Non si sa. Quel che si sa è che Clerks è stato l’American Graffiti dei nati negli anni settanta, adolescenti negli anni ottanta, ragazzotti negli anni novanta e attualmente quasi tutti precari se non lavorativamente, di sicuro sentimentalmente (e non fate gli scongiuri).
Dopo dodici anni dal folgorante primo capitolo Kevin Smith riprende i suoi commessi – bianco e nero, produzione indipendentissima, dialoghi irriverenti e disquisizioni scurrili sui massimi/minimi sistemi che gli adepti sanno citare a memoria – succede che ritroviamo Dante all’atto di aprire il drugstore Quick Stop come ogni mattina ma questa volta lo attendono le fiamme…


Così capita anche che dal bianco e nero amarcord si viri al colore e con l’amabilissimo terribile Randal (sempre devoti saremo a questo ragazzo per il suo santo cinismo terapeutico), finiscono a lavorare in un fast food gestito dalla bella Rosario Dawson.

Niente di meglio per Randal che mettersi a tormentare l’amico perché si vuole sistemare con la cheer leader di turno ma soprattutto crocifiggere impunito Elias, lo svagato-spanato-impedito aiutante. Una specie di cellino made in america che crede nell’esistenza di – prego segnate, segnate bene nelle memoria questi tre concetti/nomi – Pio Bernardo, Dio e il Signore degli Anelli. Ma altrettanto prontissimo a disconoscere i propri dogmi con una memorabile battuta (clicchi solamente chi non teme gli spoiler) se messi nella giusta relatività.

Ritroviamo anche Jay e Bob il Silente: usciti di prigione dopo essere stati pizzicati a spacciare, vivono nuovamente appiccicati al muro col loro inseparabile e truzzissimo (eh quanto tempo dall’uso corrente di tale aggettivo, finito un po’ la come lira, diremmo) stereo e che per passare il tempo s’ingegnano sino a partorire un altro rimando assai applaudito: l’imitazione del killer de “Il silenzio degli innocenti”. Da antologia la parodia geniale ad opera di Randal della Trilogia cinematografica di Peter Jackson: mentre litiga con un patito estremista opponendo che l’unica trilogia universalmente riconosciuta dai veri cinefili, è Star Wars, con l’ausilio della mimica del corpo, sintetizza i tre titoli tolkeniani consegnandoci per sempre una tesi recensiva pressochè indiscutibile. Si dirà che il resto della storia è fragilina e anche inauditamente romantica, che in alcuni punti s’innalza eccessiva sopra le righe ma capita di ridere di gusto e liberati e quasi felici sapendo che da qualche parte, stai sor-ridendo anche di te. Per fortuna.

PS capita tra le altre cose che ti siedi
in platea e che arrivi Gherardo Colombo.
Giusto lo spettatore che ti aspetteresti a un
film del genere. Eppure…

2 Responses to “Gli spettatori di Clerks”


cribbio
Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)