Alcune cose

– La foto non c’entra nulla ma mi ha strappato un sorriso mentre sceglievo le zucchine alla coop, quindi l’ho pubblicata.

– Lo sconto di pena ottenuto grazie all’indulto dal mostro di Foligno ha fatto arrabbiare molti. Buona parte di questa arrabbiatura è strumentale. Altri, spesso impegnati a difendere l’indulto, si sono affannati a dimostrare che se io riduco il termine della pena dal 2023 al 2020 sostenere che "il mostro uscirà presto di prigione" è una fragorosa stronzata. Sacrosanto.
I giudici dicono di aver applicato la legge, io avevo capito che gli autori di reati sessuali contro i minori non avrebbero beneficiato dell’indulto e non credo che il fatto di far seguire l’uccisione del bambino alle molestie e agli abusi possa far sparire la componente della pedofilia dal reato. Quindi sicuramente avevo capito male all’inizio. Lo spero.

Cosa ne penso complessivamente di questi tre anni di sconto per Chiatti?
Che non se ne sentiva il bisogno.

– A Deaglio e ad altri non è piaciuta la prima puntata di Report, quella che ha mostrato stralci di un documentario sull’11 Settembre che lancia pesanti dubbi sull’attendiblità delle tesi ufficiali sugli attentati.
Quando ho letto che sarebbe stato questo il tema della puntata non ne ero particolarmente felice, ma mi sono potuto ricredere.


Tutto il lavoro dei "complottisti" non è stato presentato come una verità assoluta, ma come un punto di vista, un documento che mostrasse qualcosa di parzialmente nuovo (per la tv italiana) e potenzialmente interessante. Con sguardo distaccato, disincantato e sostanzialmente neutrale.

La chiosa finale della Gabanelli è la sintesi del mio pensiero in merito: non tutte le tesi di chi è convinto del complotto sono sufficientemente forti e fondate, alcune sono palesemente frutto di manipolazioni a senso unico e gettano fumo negli occhi più quanto faccia un segretario di stato qualunque, ma quelle della versione ufficiale hanno molti punti oscuri e si è data più di una volta l’impressione che fosse poca la volontà di chiarirle e di colmarne i vuoti.

In realtà non mi tormento da un po’ con questo genere di questioni.
Il problema di chi ha fatto crollare le torri realmente è un fatto di secondaria importanza, la questione è politica e sociale. La verità ufficiale detta l’agenda degli eventi attuali, il resto sono esercizi retorici.
Data per buona la tesi secondo la quale Bin Laden e Al Queda sono responsabili degli attentati io non condivido e biasimo ogni singola decisione di politica estera dell’amministrazione Bush da quel momento in poi.

I dibattiti sul punto di fusione dell’acciaio fanno perdere di vista la questione concreta: la guerra non è la risposta al terrorismo e non favorisce la pacifica convivenza fra Oriente e Occidente.
I risultati, pessimi, degli ultimi 5 anni fra Afghanistan e Iraq sono sotto gli occhi di tutti quelli che vogliono vederli.

Senza bisogno della consulenza di un ingegnere. Non so a voi, ma la cosa mi tranquillizza.

2 Responses to “Alcune cose”


  • Io sinceramente non ci vedo niente di tranquillizante…

  • Hai capito benissimo la legge. Il fatto è che, così mi sembra di ricordare, Chiatti non è stato condannato per alcun reato sessuale contro minori: le uniche imputazioni dimostrate furono omicidio, occultamento di cadavere e sequestro (quest’ultimo solo per una delle sue due vittime).

cribbio
Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)