Il Piccolo Principe

Si arrischia di piangere un poco se ci si è lasciati addomesticare…

Luogo: cucina. Ore nove del mattino. In attesa di uscire, come ogni giorno. Rimuginavo sulla volpe, sul Principe, sulla Rosa. Il latte, pensiero dopo pensiero, svaniva dalla tazza, inesorabilmente.
Mi chiedevo “cosa ci guadagno io, se non ha nemmeno i capelli del colore del grano”? Piccoli, dolci pensieri, per una giornata ancora nascente.
Si apre la porta della stanza. Due ragazze siedono accanto a me. In coro: “Oh, Il Piccolo Principe! E’ il mio libro preferito!”. In coro, dico. Perfettamente in sincrono.


Le guardo. Non voglio cominciare ad essere cattiva e perfida, cerco di sorridere e tento di recuperare il filo delle mie sensazioni. Ma è inutile. Oramai il dialogo è aperto, volente o nolente. “Se vuoi ho la versione in francese… “. Stancamente, poso il cucchiaio. “Non so il francese. Non così tanto bene da poter leggere un libro, per lo meno”. E, con aria di sufficienza, ricevo un: “Peccato. In lingua originale si ottengono molti più risultati. L’Italiano non è una musicale”. A parte il fastidio per questa scarsa considerazione del nostro “gergo” (e non va bene per la musica, e non va bene per i libri… Basta, Dannazione…), il mio cervello focalizza l’attenzione sul termine RISULTATI. Leggi “Il piccolo Principe” per dei risultati? Non è un vocabolo un po’ troppo materiale per essere associato a un capolavoro del genere? Non è finita, ovviamente. “Perché, sai, non è un libro per bambini…”. A questo punto non posso resistere. Guardo attentamente il mio interlocutore (anzi, la mia interlocutrice): sembra normale. SEMBRA. Accolgo la sfida. “Davvero? Cosa intendi?”. Penso si intuisca che è un tono derisorio. Mi sbaglio. “o, no. Ha un sacco di secondi significati”. Mi cadono le braccia. Nessuno accenna a raccogliermele. Anzi. Lei, sadica, ci salta sopra. Mi stritola le ossa. Perché non ha finito: “Per esempio la storia della rosa… Non è solo una rosa”.

Mi alzo. Prendo il libro, la borsa. Non saluto, esco e sbatto la porta.

Poche ore più tardi.
 
Sono a scuola. Per la cronaca è doveroso precisare che si tratta di una serale. La varietà quindi dei personaggi che incontro è estrema. Dai vent’anni ai cinquanta, grosso modo.
Mi siedo al mio posto. Tiro fuori di nuovo il mio libro. Sto cercando di preparare un pezzo per Albatros, quindi lo porto con me ovunque. Cerco degli spunti. Prendo il mio quaderno e scrivo:

“Ma cosa sei venuto a fare qui?”.
“Ho avuto delle difficoltà con un fiore”, disse il piccolo principe.

Come è vero! Quante volte siamo mossi dal dolore… Quante volte è proprio l’insoddisfazione dell’amore a portarci lontano, fisicamente e materialmente. In fondo il viaggio del bambino biondo per i pianeti non è il peregrinare nel nostro cuore, nascondendoci da coloro che amiamo fortemente, per timore di soffrire? Quante volte abbiamo scambiato le spine di una rosa per delle spade pronte a trafiggerci? E quanto abbiamo sofferto quando abbiamo finalmente capito che era affetto, che erano dichiarazioni d’amore quei piccoli gesti indispettiti? L’essenziale è invisibile agli occhi… ma io non l’ho colto mai…

I miei ragionamenti vengono rotti da un urlo. “MA NON TI SEMBRA DI ESSERE UN PO’ GRANDE PER LEGGERE I LIBRI PER BAMBINI?”. Alzo lo sguardo di scatto. Cerco di nascondere il mio fastidio e sorrido, mio malgrado (che sorriso falso…). Non rispondo, ovviamente. Il mio vicino di banco mi guarda, con compassione. E quella che ha parlato continua: “E’ il mio libro preferito”.

Ci avrei giurato.
Si accodano altri due miei compagni. “L’ho letto cento volte”.  “Ma lo hai letto in francese???”.

Sono sempre stata contornata da geni e da acculturati e non me ne sono mai resa conto.

Il fatto è che certe cose non coincidono. Innanzitutto definire, anche solo per scherzo, il libro di saint exupery “per bambini” è un sacrilegio e mal si addice al fatto che dovrebbe essere il “libro preferito”. In secondo luogo, come ha fatto, quella, a leggere “Il piccolo Principe” in francese??? La domanda non è posta per retorica. Subito dopo il nostro dialogo, ecco quanto accade:

Inizio della lezione. La ragazza deve cercare una penna. Prende l’astuccio. Rovescia il contenuto sul banco. Escono milioni e milioni di penne colorate. E lei asserisce: “Io ho la FOBIA per le penne colorate”.
MANIA! Si dice MANIA! Le parole sono importanti, direbbe qualcuno…
E Così avresti letto il piccolo Principe in Francese, cogliendo le “Sfumature” linguistiche, da sofisticata letterata quale sei????
Ma mi faccia il piacere.

La realtà è che ora mi vergogno. Ho sempre definito la storia del bimbo biondo fondamentale per la mia vita. Ho pianto e imparato e sorriso e riflettuto ogni qual volta ho aperto quelle pagine colorate. Credo di conoscere a menadito ogni sua parte eppure mi stupisce puntualmente.
La partenza del principino, l’addio con la rosa… L’ubriaco che beve per dimenticare il fatto che beva.. L’uomo che accende e spegne il suo lampione… i quarantatrè tramonti..
Ogni volta che amo, sbaglio. Soppeso i gesti. Non comprendo che ognuno ama a suo modo.
Eppure lui mi avverte sempre, quando vado a trovarlo… :

“Non ho saputo capire niente allora! Avrei dovuto giudicarlo dagli atti, non dalle parole. Mi profumava e mi illuminava. Non avrei mai dovuto venirmene via! Avrei dovuto indovinare la sua tenerezza dietro le piccole astuzie. I fiori sono così contraddittori! Ma ero troppo giovane per saperlo amare”…

Io continuo ad essere ingenua. O infantile. O semplicemente giovane. Con gli occhi velati dalle lacrime mi ripeto che ha ragione. Avrei dovuto indovinare la sua tenerezza dietro le piccole astuzie.
Ma bando ai sogni. Le Petit Prince è un marchio di fabbrica. Un Business.
Pigiami del Piccolo Principe.
Segnalibri del Piccolo Principe.
Magliette Fiorucci del Piccolo Principe.
Agende del Piccolo Principe.

E’ un’invasione di testine bionde. Dovrei esserne felice?
Forse.
Sinceramente, rimango sbigottita.

Domanda numero 1:
E’ vero che l’hanno letto?
Non è poi così scontato. Enrico Brizzi l’ha infilato nel suo romanzo (“Jack Frusciante è uscito dal gruppo”) e lo stesso passo da lui citato (quello della volpe) viene fatto sempre leggere a scuola.

Domanda numero 2:
possibile che abbiano veramente CAPITO ciò che l’autore ha scritto?
Viviamo in città gremite di stolti. Questi beoti modaioli dubito che abbiano più di due o tre neuroni nella loro scatola cranica.

Pochi giorni fa, nella trasmissione di Maria De Filippi (il guru di queste non-menti) una ragazza ochetta ha regalato un libro all’uomo che stava corteggiando.
Indovinate?
Sì, proprio lui. “Il Piccolo Principe”, di Saint Exupery.
Com’è possibile?

E’ Moda. E’ Business.
La poesia del bambino in fuga è svanita.
La volpe è stata uccisa dai cacciatori.
La rosa è stata mangiata dai bruchi.
Il pianeta B 612 è stato invaso dai Baobab.
L’aviatore è morto nel deserto.
Il serpente ha finito il veleno.

Il Piccolo Principe non è più tornato a casa.

5 Responses to “Il Piccolo Principe”


  • “… si, ma intanto leggono, e prendono nota. Se svejieranno? E che ne so? Voi che te li svejio io? A serciate sulle finestre?… ” un dialogo a memoria che ricordo da Nell’anno del Signore, di Luigi Magni. E chi parla è Pasquino, che qui a Roma è un simbolo di un certo peso. Mi sembrava che ci stesse bene. E poi Il piccolo principe è il mio libro preferito ;D

  • Il piccolo Principe NON è il mio libro preferito.
    Anzi,confesso di essere andata avanti per tutta l’adolescenza a snobbarlo,non tanto perchè per bambini,quanto perchè “di moda”.
    Poi l’ho letto,e mi è piaciuto parecchio. L’ho letto in italiano(una lingua che -transeat- ha una musicalità e una espressività linguistica incredibile,da sempre, e che per fare un esempio pratico ha molte pià sfumature lessicali dell’inglese,atte proprio alle produzioni di arte).
    Morale della favola: continuo ad amare il libro, ma probabilmente non come tanti altri che ho letto, e continuo a credere che finchè sarà “di moda” un po’ della sua poesia si disperderà.Giocoforza.

  • Ma la cosa veramente strana è come un libro del genere, nonostante la grandissima diffusione e l’universale apprezzamento (almeno a parole…) sembra non lasciare traccia sulla maggior parte dei suoi lettori che lo ripongono sospirando di gioia sullo scaffale e lo dimenticano in 3 secondi 3. E comunque il mio libro preferito è Pilota di guerra, sempre di Saint Exupery, che ho provato anche a leggere in francese… lo so, sono uno stronzo snob.

  • mai letto…
    a questo punto mi sembra un consiglio da prendere al volo…
    Comunque, è quello che ho cercato di dire. Mi sembra che sia un libro preferito “fuffa”, come dicono da noi. Che viene utilizzato per dire spazzatura, ma anche mille altre cose… (insomma, ben si adatta ad ogni occasione).
    In pratica: dove finisce cotanta sensibilità???

  • io sono una di quelle stupide che si è fatta regalare mille gadget dopo averlo letto.ma nn credo che ciò abbia grande importanza.mi è stato regalato da una persona che ho sempre considerato davvero esclusiva ancor prima che me lo regalasse..è stata un pò l’epilogo di una bella storia..la rovina..forse.il mio amico non ha più visto altro in me che una ragazzina sensibile che ha saputo capire l importanza di un legame..e invece nn ho capito mai nulla.ho sempre fatto finta di accontentarmi d essere una volpe.in realtà muoio di invidia per quella rosa di cui lui nn ha mai parlato ..ma con cui ha sempre sperato di ritrovarsi.come posso dirgli che magari quella volpe tanto saggia fingeva e basta?non c è proprio speranza che una stupida volpe possa bastare a un piccolo principe?è due anni che me lo chiedo..odio quell omino smilzo..nn doveva chiedermi di disegnargli una pecora quel giorno..

cribbio
Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)