Dolce&Gabbana, grazie di cuore!

Modelle nude nelle sfilate, immagini di corpi femminili venduti in bound affianco ai prodotti, “adultizzazione” forzata di adolescenti e bambine, commercio di minorenni e via dicendo. Nulla di nuovo in questa parte del mondo. La crudeltà e la spersonalizzazione della donna e del corpo femminile in questo angolo del pianeta assume una sua forma, commercializzabile, e di immagine, non lesiva di tutti quei sacrosanti diritti che l’occidente sbandiera a destra e a manca.
In altre parti del pianeta la mercificazione assume aspetti differenti che colpiscono la persona, la carne, più che la sua immagine astratta. La cosa che accomuna lapidazioni e prostitute minorenni è che in occidente ci sono solo le seconde (semplifico), in altri parti del mondo ci sono entrambe. Nulla di nuovo dunque?


No, qualcosa di nuovo c’è anche qui da noi. Sono i cartelloni di Dolce&Gabbana, che ormai da anni, in maniera sempre più audace, ci sbattono in faccia qualcosa che merita attenzione: la mercificazione del corpo maschile.
Al posto di what are you fighting for, vicino all’ormai famosa metropolitana Moscova, hanno montato un megacartellone che mi fa rimpiangere il leopardo rincoglionito e tutto il resto. E’ una roba da girare lo sguardo, sul serio. La suddetta pubblicità è costituita da una congerie di ragazzotti in atteggiamenti insignificanti a bordo di qualcosa che sembra una nave militare. Tutto sembra rispettare una certa estetica gay, come l’ambientazione militare, la spersonalizzazione e quindi il risaltare del corpo, la giovinezza plasmabile, un certo machismo condotto ai danni di un passivo e via dicendo, estetica che (sia detto) a sentire i massmedia, avrebbe letteralmente colonizzato qualunque principio di estetica moderna e contemporanea. Sinceramente, questo tipo di estetica, mi fa vomitare al pari delle prostitute minorenni di Viale Cassala e chissenefrega se ha colonizzato questo o quello.
La suddetta pubblicità è costituita da ragazzotti vestiti (D&G), da altri in mutande e via dicendo. Tutti hanno l’occhio appannato e lubrico, il capello e il muso di borgata (Ah! Pasolini! Ah Walter Siti!), quello in primo piano ostenta un’erezione sommaria nelle mutande, e gli altri lo guardano e via dicendo, insomma una spazzatura. Peraltro, la stessa spazzatura che la tranquilla e colta comunità gay che conosco, rifugge come il fuoco.
Allora, dov’è la novità? La novità è che ci volevano degli uomini (D&G), per far sentire un uomo come un oggetto. Dopo millenni di strumentalizzazione del corpo femminile ecco che finalmente ci siamo! Anche gli uomini (magari quelli come me) finalmente sanno che cosa vuol dire essere visti sotto la lente del possesso carnale, dell’occhio lubrico, della spersonalizzazione a fini sessuali! Evviva! Era ora! direbbe qualche femminista di mia conoscenza (mia madre, per esempio).
Sinceramente, era meglio farne a meno, era meglio superare l’empasse della questione femminile, che precipitare pure in quella maschile. Grazie Dolce&Gabbana! Grazie di cuore per questa schifezza.

State bene, Cyrano.

4 Responses to “Dolce&Gabbana, grazie di cuore!”


  • W la mercificazione dei corpi! W la gregoraci che la dà al politico di turno per arrivare a far la vallettina… Queste facili prese di posizione erano già stucchevoli, credo, ai tempi di “Less than zero”, romanzo quantomai sociologico di Bret Easton Ellis, figurati vent’anni dopo!

  • Sarà anche una facile presa di posizione, ma quel cartellone è, e rimane una schifezza. Quando ti vedremo in viale Cassala a prostituirti per lo stilista di turno, ti faremo il coretto: Evviva la mercificazione dei corpi! 🙂
    Stai bene. Cyrano.

  • …hai ragione, esclusa la prostituzione indotta con la costrizione.

  • Nick, è un bel discorso. Ci tenevo ad aggiungere che non ritengo sintomo di progresso civile la mercificazione del corpo, nemmeno dal punto di vista, per così dire, “volontario”. La mercificazione del corpo, lo dice la parola stessa, fa parte di un contesto più ampio, e appartiene a realtà come la mercificazione degli spazi pubblici, dei sentimenti, dell’amicizia, dell’infanzia, dell’ambiente, dei valori (what are you fighting for?) e via dicendo. La mercificazione del corpo distoglie l’attenzione da quello che si presume esistere dentro il corpo, e cioè l’intelligenza, l’emotività e più in generale tutto ciò che costituisce quella parte intangibile e privata che ciascun individuo possiede e che lo rende a pieno diritto un essere umano. In una società democratica, dove si punta al pieno riconoscimento dei diritti dell’individuo (dell’individuo, non SOLO del suo corpo, ma di corpo E spirito) la mercificazione estrema del corpo appare come una contraddizione in termini. Ma qui siamo sul piano della filosofia politica, e infatti stiamo ragionando di una società, che in questo inizio millennio appare estremamente mercificata e poco gestita politicamente. Concludendo, non mi pare un dato entusiasmante quello di vivere in un mondo in cui le sfere di vita (tutte le sfere di vita) siano puntualmente e volgarmente mercificate. A scopo di lucro, naturalmente, mica per ideali di libertà e chissà cosa, neh? E bada che non mi riferisco a un bell’uomo o a una bella donna su un cartone pubblicitario, o su un dipinto, ma all’estremizzazione di questa facoltà: in altre parole: la donna nuda nella doccia per vendere silicone (!!) e la banda di giovani borgatari militari gay di dolce&gabbana. Poi per carità, ognuno faccia quel che gli pare e magari parliamo pure di cattolicesimo…
    Stai bene e grazie delle riflessioni!
    Cyrano

cribbio
Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)