Monthly Archive for October, 2006

Page 2 of 5

Danke

1157577061_extras_albumes_0.jpgPoi per un momento, preso dallo sconforto per una situazione che appariva ostica ed irrecuperabile, mi è parso succedere l’Impossibile. Lo Sfidante, in un impeto di foga sbagliare l’imbocco della curva e uscire rapido tra la polvere e i copertoni ordinati a bordo pista, imprecando por todos los diablos y de puta madre tambièn. E di colpo farsi chiaro nella mente di tutti cosa c’era da fare. Il Campione stava passando.
Di colpo uno ad uno i piloti davanti a lui iniziano a rallentare, come se mancasse loro la corrente e non avessero che da spegnersi lungo il circuito al passaggio del Re. Come un leone che fiero si fa largo tra la folla alla conferenza degli animali e raggiunge la prima posizione che gli spetta, come riconoscimento alla carriera, alle emozioni ed al glorioso passato che ancora brilla gli ultimi lampi di genio. Supera anche il suo compagno, primo nel circuito di casa sua come sognava da ragazzino. Così va a vincere, ma non è tanto un merito quanto un riconoscimento e un caloroso ringraziamento di un mondo intero che a lui deve tantissimo e che a lui ancora per anni dovrà rapportarsi. Sul podio, tutti i piloti stretti in un abbraccio collettivo portano in trionfo il freddo tedesco che alza al cielo le mani prima di saltellare durante l’Inno di Mameli e profumarsi di Moet et Chandon.

Così pensavo mentre vedevo per l’ultima volta una (ormai) Leggenda volare dall’ultimo al quarto posto con gli occhi lucidi e il cappello in mano. Danke Schumi.

Dolce&Gabbana, grazie di cuore!

Modelle nude nelle sfilate, immagini di corpi femminili venduti in bound affianco ai prodotti, “adultizzazione” forzata di adolescenti e bambine, commercio di minorenni e via dicendo. Nulla di nuovo in questa parte del mondo. La crudeltà e la spersonalizzazione della donna e del corpo femminile in questo angolo del pianeta assume una sua forma, commercializzabile, e di immagine, non lesiva di tutti quei sacrosanti diritti che l’occidente sbandiera a destra e a manca.
In altre parti del pianeta la mercificazione assume aspetti differenti che colpiscono la persona, la carne, più che la sua immagine astratta. La cosa che accomuna lapidazioni e prostitute minorenni è che in occidente ci sono solo le seconde (semplifico), in altri parti del mondo ci sono entrambe. Nulla di nuovo dunque?

Continue reading ‘Dolce&Gabbana, grazie di cuore!’

Fallen leaves

Nastrone autunnale di vecchi classici arcinoti, dettato dalla pioggia e dal grande freddo che imperversa da queste parti, e manco un po’ dal mio stato d’animo, tutt’altro che triste… 😉

Ludovico Einaudi – Nuvole bianche
Beck – Everybody’s gotta learn sometimes
Gary Jules – Mad world
Ella Fitzgerald – Night and day
Rachael Yamagata – I wish you love
Damien Rice – The blowers daughter
Nancy Sinatra – Bang bang
Nino Rota – Amarcord
Gianmaria Testa – Città lunga
Tiromancino – Per me è importante
El Muniria – Shalimar Hotel
Cesaria Evora – Sodade
Groove Armada – At the river
Nellie McKay – David
Franz Schubert – Moment musicaux n°3 in F minor
Edith Piaf – Les feuilles mortes
Scout Niblett – Dance of sulphur
Vinicio Capossela – Morna
Yann Tiersen – La valse d’Amelie (piano solo)
Dredg – Walk in the park
Carmen McRae – Round about midnight
Dave Brubeck – Take five

Europa sì, Europa no… /1

E’ ufficiale: dal 1 gennaio 2007 sarà un’Europa a 27… dopo una lunga e faticosa attesa anche Romania e Bulgaria entrano a far parte dell’Unione Europea. Rallegramenti, grandi feste e sorrisi, cerimonie… tutti sembrano dirsi contenti e soddisfatti di questo traguardo tanto sospirato. Ma cosa c’è davvero dietro a questo “portone europa”? E’ vero, c’è chi ha lavorato molto perché il processo di integrazione si velocizzasse, perché i risultati fossero visibili, perché finalmente si tenesse fede agli impegni presi con quella Europa che imponeva vincoli e scadenze da rispettare. La posta in gioco in effetti era alta. Lo è tuttora.

"Romania e Bulgaria sono entrambe in grado di farsi carico dei diritti e dei doveri connessi all’allargamento a partire dal 1° gennaio 2007". Con queste parole, il Presidente della Commissione europea Barroso conferma al Parlamento europeo di Strasburgo l’entrata nell’Unione europea dei due paesi balcanici. Se fino adesso ci si era rimboccati le maniche per combattere povertà, corruzione, disagio sociale, ora bisogna prepararsi all’impatto. L’impatto con paesi ricchi, con standard economici mai raggiunti prima, l’indispensabile adeguamento di strutture pubbliche e private. L’impatto con l’Euro. Tutto si sta proporzionando all’euro-trend: il costo della benzina, delle case, delle sigarette, della tecnologia –sembrava un processo graduale, inizialmente lento- oggi sempre più frenetico e incontrollabile. Ma se anche una famiglia media italiana fatica ad arrivare alla fine del mese, cosa ne sarà di una famiglia media rumena o bulgara? Moltissimi, specialmente rumeni, se ne sono già andati dal loro paese (proprio adesso che c’è bisogno di manodopera, di braccia che sostengano l’orgoglio europeo). Emigranti, chi perché non vedeva altra via d’uscita, chi perché sognava ad occhi aperti guardando un mondo dorato alla televisione. Indubbiamente diventare cittadini europei alleggerirà molti dei problemi riguardanti burocrazia e documenti: visti, passaporti, assicurazioni, per regolari e non. Niente più code infinite alla dogana, niente più controlli o quasi.. quello che si dice “libera circolazione”..

Purtroppo il quadro non risulta affatto chiaro. Sì, ci si farà carico dei diritti, ma quanto peseranno di più i doveri? E soprattutto: le spalle dei neo euro-cittadini saranno abbastanza forti per reggere questo peso?

Luci e ombre di un allargamento…

Lo sdoganamento della bestemmia

Da diversi anni ormai nel mondo della televisione e – soprattutto – dei reality show si è fatta strada quella norma per cui il concorrente che bestemmia in diretta si macchia di una mancanza di rispetto verso il pubblico talmente grave da meritare l’eliminazione dal gioco. Sia chiaro, quindi, fin dall’inizio, a tutti i concorrenti: questo è un paese cattolico. Potete picchiarvi, insultarvi, minacciarvi, accoppiarvi, tradirvi, fumare, drogarvi, dare prova della vostra totale ignoranza, lanciare messaggi fortemente diseducativi. Ma bestemmiare no, se no ci offendiamo.
Ora, se all’eliminazione dal reality facesse seguito l’eliminazione del bestemmiatore dalla televisione, il ragionamento – per quanto ridicolo – avrebbe un filo logico. Si dice: la bestemmia è una cosa così grave e offensiva  (più di tutto quello sopra) che te non metti più piede in tv. La cosa, per quanto degna di uno stato khomeinista, avrebbe un senso. Dato che, però, il bestemmiatore la settimana successiva all’eliminazione fa il suo ingresso da star in studio e da lì in poi sarà ospite di mezzo palinsesto della rete, sorge qualche dubbio.
Sembra quindi che la bestemmia in tv sia una cosa talmente grave ed offensiva che per il bestemmiatore la sua conseguenza più appropriata e proporzionata sia l’eliminazione da un gioco televisivo. Quindi, cari bacchettoni e moralisti che state corrodendo peggio di un cancro questo paese (e magari ieri stavate pure a Verona), sappiate che state dicendo all’Italia che bestemmiare è una cazzata, e se bestemmi rischi – nella peggiore delle ipotesi – di essere eliminato da un reality show. Mi fate un po’ schifo, se non si era capito

Ritirato dal mercato il farmaco “Xtron”: in molti soggetti causava licantropia

Dopo i nefasti risvolti della pillola Lipobay, foriera di una lunga sequenza di morti spietate, La Bayern torna a far parlare di sé in greve modo, trascinando dietro il suo marchio scudocrociato un nuovo e persistente brivido orrifico. Il suo medicinale Xtron, che in teoria dovrebbe curare l’enuresi adolescenziale associata alla balbuzia di Hamington (i soggetti colpiti balbettano solo i rutti), è stato celermente ritirato dal commercio per tutta una serie di effetti collaterali, che nessuno può esimersi di ritenere intollerabili in una società civile come la nostra, pena l’imbecillità.

Continue reading ‘Ritirato dal mercato il farmaco “Xtron”: in molti soggetti causava licantropia’

Che cos’è l’amor?

Non è l’amor che fa soffrire, ma la sua assenza. Alessandro Morandotti.

Che cos’è l’amor? Forse è poter dire, con tono deciso e netto, “Io sto come mi pare”. Perché dalla Liberà nascono i fiori più belli, più colorati e gioiosi. Poco importa se il fiore ha vita breve. Chi dice che il segreto della felicità sia la durevolezza? Già la parola stessa, “durevolezza” non è scorrevole. Quasi aspra, poco serena. Molto cruda.

Continue reading ‘Che cos’è l’amor?’

Fregnoni

farina.jpgRicordate Renato Farina, il giornalista di Libero sospeso dall’Ordine della Lombardia per 12 mesi dopo lo scandalo del Sismi? Ebbene pare che quel furbone di Feltri lo piazzi sovente in prima pagina con la diabolica scusa delle "Lettere al Direttore".
Un po’ come se dopo l’editto bulgaro di Berlusconi a qualcuno in Rai fosse saltato in mente di telefonare ogni puntata ad Enzo Biagi per chiedergli il fatto del giorno.

AbacadA

Apprendo da Alice della scomparsa di Andrea Parodi, mitica voce dei . L’avevo visto di recente in tv, ospite con il gruppo a cantare ancora i suoi vecchi successi in dialetto sardo, magro, ormai duramente provato dalla malattia, ma con ancora uno spirito e una forza interiore incredibile e una voglia di reagire che mi ha colpito. Ennesima perdita importante per la musica italiana e un filo di malinconia per quei bei brani che negli anni novanta hanno portato all’attenzione di molti uno stile nuovo e un sound inconfondibilmente originale…

Lavorare con Lentezza

…Lavorare tutti e lavorare meno.
Questo era l’imperativo dei ragazzi rivoluzionari del 77. Questo il grido di Rivolta che echeggiava per le strade di Bologna (e non solo, certo) in quei giorni non troppo lontani. Radio Alice ha dato voce a questo desiderio, portando nelle sue onde le parole di chiunque avesse voglia di uscire allo sciopero.
Non esperti di comunicazione. Non politicanti. Ma ragazzi normali, di quelli che ci sono ancora oggi, e che ci saranno sempre.

Continue reading ‘Lavorare con Lentezza’

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)