Salvate San Salvario

san_salvario.jpg 

Si chiamano Scampia, Zen, San Salvario.
Sono solo alcuni fra i cosiddetti “quartieri a rischio”. Isole infelici dove vigono altre regole, diversi equilibri, meccanismi sotterranei di potere e di violenza che sopravvivono alla giustizia ordinaria. Luoghi in cui si spaccia a qualsiasi ora, in cui ci si prostituisce per poco agli incroci delle strade, e troppe sono le lingue parlate e le miserie vissute per potersi comprendere l’un l’altro.
La promessa (obbligata) di ogni amministrazione comunale prevede che si ripeta sempre la stessa litania: riqualificare. Ma si fa poco (o comunque non abbastanza) per mantenerla davvero.
 
San Salvario rientra a pieno titolo nella categoria. Qualunque torinese sa che non è saggio addentrarvisi a una certa ora, specie di notte, e che forse, nella pratica, non è saggio addentrarvisi mai.
Perché nel reticolo di strade che costeggiano la stazione di Porta Nuova può succedere di tutto. E puntualmente succede.
Oggi molti fra coloro che abitano nel quartiere, e spesso ci vivono da una vita, immigrati anch’essi in altri tempi e stagioni, sono stanchi. Stanchi di non poter camminare tranquilli, di non sentirsi mai sicuri, di fare “il giro largo” per non imbattersi in quelli che, a San Salvario, ormai la fanno da padrone.

Il caso di Francesco Picciotto è emblematico. 71 anni, ex-artigiano, quasi un’esistenza intera trascorsa tra quelle vie, ha deciso di sbloccare la situazione affiggendo sui muri oltre 250 manifesti: offre mille euro a chiunque sia in grado di fornirgli una descrizione dell’uomo che ha aggredito sua moglie, 71 anni anche lei, mentre andava a prendere il pane.
Il bottino, peraltro, è stato magro: 7 euro, i documenti e una vecchia borsa di cui certo non si può fare granché. Ma il punto non sono i soldi. Il punto è la paura, il disagio diffuso di chi affronta ogni giorno sulla propria pelle il degrado di un quartiere intero.
Inutili i passanti, che non sono riusciti a fermarlo in tempo. Inutile anche la telecamera in via Principe Tommaso, dove lo scippatore è fuggito: dicono che non funzioni.
E dal momento che è difficile scoprire chi sia stato, quella mattina, un po’ perché la polizia si dà per vinta in partenza, un po’ perché nessuno sembra sapere o voler parlare, Francesco Picciotto ha scelto di farsi giustizia da sé.
Quei mille euro, li sta racimolando insieme ad altra gente del quartiere. Negozianti, soprattutto.
Mille euro, come le taglie del vecchio Far West. Il sintomo tangibile che qualcosa deve cambiare.
Picciotto dice soltanto: «Non ne possiamo più», e ti mostra le cicatrici che ha sul braccio: i segni di una coltellata ricevuta quando, per protesta, si era incatenato alla saracinesca di un negozio.
 
Si può spiegare l’atmosfera di San Salvario solo con un folto elenco di aneddoti e altre amenità assortite.
Raccontando di quella volta in cui un turista inglese è stato picchiato e derubato.
Di quell’altra volta in cui un uomo, accorso in difesa della ragazza che stavano molestando, è stato aggredito a sua volta con calci, pugni e sputi in faccia.
Oppure, potrei parlarvi di ciò che ho visto coi miei occhi nell’ultimo anno: spacciatori che si feriscono tra loro a coltellate, gente che urina sui bidoni della spazzatura oppure sullo sportello per la benzina delle auto in sosta.
O piuttosto, di quando un uomo, a cui avevo fatto segno di attraversare la strada, ha pensato bene di abbassarsi la cerniera dei jeans per farmi ammirare il contenuto delle sue mutande.

È facile demonizzare o tirare fuori epiteti d’impronta calderoliana, tanto cari a un certo tipo di destra in cui non mi riconoscerò mai. Ma persino alcune menti della sinistra (orientamento in cui senz’altro mi vedo di più) dovrebbero evitare di indulgere in considerazioni all’acqua di rose. E non sono d’accordo con chi intravede nell’apertura di un nuovo locale “alla moda” il segnale di un vero riscatto.
Laddove esiste un problema di criminalità ad altissimi livelli, di qualunque etnia o provenienza geografica si tratti, è inutile tapparsi le orecchie in nome della tolleranza fra popoli.
Sono le azioni, e non la pelle, a distinguere un uomo dall’altro.

1 Response to “Salvate San Salvario”


cribbio
Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)