Meglio non (far) sapere

In questo post si parla del documentario di "Diario" sui presunti brogli elettorali, l’argomento è delicato e complesso, impossibile sintetizzarlo con efficacia. Sicuramente è lungo, ma secondo me ne vale la pena visto stiamo parlando del più importante diritto dei cittadini, il voto. Se non ve ne frega nulla accendete pure la tv e state tranquilli: per voi, come al solito, non è successo niente.

Il nuovo Dvd prodotto dagli autori di Diario ha provocato un certo clamore.
Il precedente era stato "Quando c’era Silvio", un documentario sulla genesi delle fortune, la crescita e il trionfo di Berlusconi vista al termine della sua esperienza di presidente del consiglio.
Nonostante io sia un estimatore di Deaglio e de Il Diario in generale l’avevo trovato piuttosto deludente, precotto, qualitativamente scadente e in difficoltà nell’aggiungere qualcosa di nuovo a quanto non era stato già abbondantemente detto (e soprattutto scritto nei libri di Marco Travaglio e altri).

Se "Quando c’era Silvio" era passato praticamente sotto silenzio, il nuovo "Uccidete la Democrazia!" ha animato il dibattito politico aprendo uno squarcio sul mistero delle elezioni di Aprile scorso.

Visto con occhio critico "Uccidete la Democrazia!" è estremamente povero, brutte le ricostruzioni (pericolosamente sull’orlo del trash), confusa la trattazione del tema con salti continui ed incoerenti fra dialoghi di "docufiction" e brevi interviste di Deaglio a personaggi americani che indirettamente hanno a che fare con la vicenda.
Il vero elemento forte del documentario è il fatto che va finalmente ad accendere i riflettori su fatti inquietanti che molti avevano già subodorato nelle drammatiche ore dello scrutinio che ha consegnato all’Unione una vittoria sul filo di lana ed una maggioranza più che traballante al Senato.

La tesi è nota: la quota delle schede bianche, per la prima volta nella storia delle elezioni in Italia, ha raggiunto una cifra molto bassa (l’1,1% nazionale) dopo essere stata per 50 anni abbondantemente sopra il 3-4%. Questo sarebbe stato causato da un clamoroso broglio elettorale che avrebbe tramutato buona parte di queste "bianche" (stiamo parlando di 1.200.000 schede) in voti per Forza Italia.


Ci sono diversi elementi che contribuiscono ad alimentare i sospetti sulla regolarità dello spoglio:

1) Il clamoroso passaggio a vuoto, ben oltre il margine di errore considerato fisiologico, dei sondaggi effettuati da tutti gli istituti prima del voto, degli Exit-Poll e delle prime Proiezioni successive alla chiusura delle urne
2) La lentezza del Viminale nel fornire i dati, lentezza esasperante e completamente ingiustificata vista la semplificazione che la riforma elettorale "Porcellum" di Calderoli imponeva al sistema di voto (nessuna indicazione di preferenze, forze politiche tutte inglobate nei due schieramenti)
3) La convocazione del ministro Pisanu a Palazzo Grazioli durante le fasi più calde dello spoglio, proprio nel momento in cui il Viminale è l’arbitro della partita elettorale
4) La diminuzione delle schede bianche avvenuta in maniera "statisticamente" improponibile. Per rendere l’idea: se nelle politiche del 2001 la percentuale delle schede bianche era diversa da regione a regione (si passava dal 2,3% dell’Emilia, al 9.9% della Calabria, al 4,4% del Trentino e via dicendo) nelle ultime politiche il dato è per tutte le regioni compreso fra l’1% e il 2%, nessuna esclusa.
5) Il distacco dei due schieramenti che con l’andare delle ore e l’affluire dei risultati da nuove sezioni, inesorabilmente si riduce. Con un risultato finale tanto vicino, circa 25 mila i voti di differenza, e un consenso tanto frammentato fra regioni del nord veloci nello spoglio e regioni del sud tradizionalmente più lente, l’andamento avrebbe dovuto essere molto irregolare portando di volta in volta uno schieramento a prevalere sull’altro. Al contrario la trasposizione grafica di quanto è avvenuto è sorprendentemente questa.

Insomma, dei fatti ci sono, ma Deaglio e gli altri autori oltre a dare questi elementi e a partire dalla tesi (per loro indiscutibile) che i brogli ci sono stati, non forniscono particolari dettagliati sulle procedure di conta dei voti, mentre si impegnano ad inseguire un programmatore americano che realizzò un software su commissione per l’alterazione dei dati elettorali trasmessi telematicamente.
Per la cronaca quando fu girata l’intervista il programmatore, Clinton Eugene Curtis, era impegnato nella campagna elettorale che lo vedeva contrapposto in un collegio della Florida proprio a Tom Feeney, il repubblicano che gli avrebbe richiesto la compilazione del software. Il 7 Novembre ha perso di una decina di punti.
Tirando le somme nel lavoro di Deaglio e Cremagnani manca quasi del tutto "l’inchiesta", non si aggiungono fatti nuovi a quelli che un attento osservatore avrebbe già potuto mettere insieme seguendo la cronaca.

Questo non toglie che il tema resti delicato, gli interrogativi sollevati validi e sicuramente meritevoli di una attenta verifica.

Le controdeduzioni alla tesi del broglio sono state diverse, in parte efficaci, sicuramente incapaci di rispondere a tutti gli interrogativi.

In Italia non vi è una trasmissione telematica come negli USA, per quanto sia vero che una sperimentazione fosse stata avviata in alcune regioni proprio dal ministro Pisanu in quell’occasione, e i dati vengono raccolti ancora in forma cartacea circoscrizione per circoscrizione e poi comunicati all’ufficio elettorale nazionale presso la Corte di Cassazione che comunica i risultati definitivi e ufficiali.

I dati che nella notte fornisce il Viminale sono raccolti telefonicamente e via fax da Comuni e Prefetture e hanno una pura valenza informativa, non ufficiale, è stato più volte detto da Pisanu e dagli esponenti di Forza Italia chiamati in causa.

Queste circostanze potrebbero mettere la parola fine alla teoria del complotto, ma in realtà sono lacunose.
Nei fatti nessuno si è ancora preoccupato di chiarire in maniera inequivocabile e dettagliata quali sono nel nostro paese le procedure di verifica del voto.

Nel pieno della polemica, 4 giorni fa, il Presidente Aggiunto della Corte di Cassazione ha rilasciato queste dichiarazioni al Corriere della Sera, dichiarazioni completamente ignorate dalle parti in causa: «Per quanto riguarda l’elezione del Senato della Repubblica la legge non prevede alcun intervento dell’Ufficio elettorale centrale nazionale costituito presso la Corte di Cassazione». «L’Ufficio elettorale centrale nazionale, costituito presso questa Corte per l’elezione della Camera dei Deputati dell’aprile 2006, ha svolto i suoi compiti sulla base dei dati risultanti dagli "estratti dei verbali" degli Uffici centrali circoscrizionali costituiti presso le corti di appello ed i tribunali circoscrizionali. Tali estratti contengono soltanto il numero dei voti validi riportati da ciascuna lista nell’intera circoscrizione. Quindi la Cassazione non è a conoscenza del numero delle schede bianche o nulle, né del numero di voti validi riportati in ciascun seggio».

Quindi?
Ammesso che la tesi della manipolazione telematica portata avanti da Deaglio sia risibile non si può dire "la magistratura effettua i controlli e i dati non sono manipolabili" e nemmeno si può risolvere il tutto sostenendo che non essendo i dati del Viminale "ufficiali" non vi è possibilità di brogli.

Chi effettua i controlli per l’elezione del Senato? Senato dove, va ricordato, la CDL ha ottenuto la maggioranza dei voti in Italia e l’Unione l’ha sopravanzata al fotofinish nei seggi solo grazie al consenso delle circoscrizioni estere.
Gli "estratti dei verbali circoscrizionali" da chi vengono compilati? Chi verifica la corrispondenza degli stessi con i singoli verbali delle 60 mila sezioni sparse nel paese? Se la Corte di Cassazione non conosce "il numero di schede bianche o nulle, né il numero dei voti validi riportati in ciascun seggio" perchè non è possibile pensare che questi dati siano stati corretti (con lo spostamento di un buon numero di "bianche" a Forza Italia o altrove)?

Insomma, molti interrogativi restano aperti, ed è palese che la procedura non è chiara e trasparente come dovrebbe essere. Il compito di svelare questi aspetti in maniera stringente spettava al documentario di Deaglio, che proprio per questa mancanza non merita la sufficienza. Poca sostanza e molto sensazionalismo.

La Procura di Roma, prima che il dvd fosse effettivamente pubblicato, ha avviato prontamente un’inchiesta d’ufficio. Sembrava proprio che saremmo arrivati ad una qualche verità. I due magistrati avrebbero proceduto ad un riconteggio delle bianche (probabilmente a campione) con la verifica di corrispondenza fra i verbali delle sezioni, quelli circoscrizionali e gli estratti pervenuti alla Corte di Cassazione.

Oggi invece la notizia che qualsiasi tipo di verifica sui numeri, sui verbali e di riconteggio in genere è da escludere. Come mai? Perchè il prefetto Fabbretti (direttrice dell’ufficio elettorale del Viminale), interrogata come persona informata dei fatti, ha spiegato ai magistrati che "i dati del viminale hanno solo valore divulgativo e che non vi è trasmissione telematica tramite la quale sarebbe avvenuta la presunta manipolazione".

In sostanza una persona che, dirigendo l’ufficio elettorale, potrebbe essere chiamata in causa se i brogli venissero dimostrati dice una cosa nota e senza nessuna ulteriore verifica, senza attendere la testimonianza di nessuno dei giornalisti autori del dvd e di nessuno dei protagonisti reali del documentario stesso la Procura di Roma si preoccupa di diffondere di sua iniziativa una nota nella quale sancisce la morte prematura di un’inchiesta mai realmente iniziata. Perchè tutta questa fretta?
Che senso ha aprire un fascicolo sulla base di una notizia di reato tanto grave e tanto destabilizzante per l’intero sistema democratico se non si ha alcuna intenzione di andare fino in fondo?
Qualche anno fa alcuni avrebbero parlato di "depistaggio".

Il modo in cui si sta mettendo in archivio la vicenda è ancora più allarmante della denuncia stessa.

Sembra di assistere ad un gioco delle parti ben oliato: da una parte c’è la politica che chiede, ma senza far seguire alcun atto ufficiale alle dichiarazioni, che "venga fatta chiarezza" (l’Unione) e che "si riconti tutto" (la CDL), dall’altra la magistratura che ne avrebbe facoltà ma che si limita a sfruttare le debolezze e i limiti dell’inchiesta giornalistica per evitare di andare a sollevare il coperchio svelando la verità, comoda o scomoda che sia, "aldilà di ogni ragionevole dubbio".

Nel mezzo, come al solito, ci siamo noi: cittadini della "Repubblica dei Misteri" ai quali nessuna certezza, nessuna verità è dovuta. Partendo dalla bontà del risultato referendario che pose fine alla Monarchia nel ’46 e passando per 50 anni di stragi infinite senza colpevoli e senza mandanti.

Unica cosa consentita tanti dubbi e una montagna di disillusione.

11 Responses to “Meglio non (far) sapere”


  • Chissà. Forse non tutte le toghe sono rosse, ed alcuni magistrati hanno paura che l’Unione possa raggiungere una più cospicua maggioranza in Senato scongiurando così una possibile caduta preventiva del governo Prodi (fantapolitica). Comunque non ho ancora visto il documentario. Cercherò di trovare anche questo su internet come fu per “Quando c’era Silvio”.
    p.s.
    mi commuove tutto questo tuo interesse a favore di un governo da cui non ti senti rappresentato 🙂

  • Stone, non hai capito il senso del mio post.
    Non credo ci sia alcuna manovra contro l’unione, credo che archiviare la cosa in questo modo dimostri che c’è poca voglia di andare in fondo alla faccenda, troppa paura indagando sul serio di arrivare a mostrare che il re è nudo.
    Meglio indagare deaglio per un reato da metà del secolo scorso e cercare di mantenere inalterati equilibri che nessuno ha il coraggio di toccare.
    Unione compresa.

  • Eppure Diliberto ha parlato di “tentativo di colpo di stato”…

  • Diliberto, infatti, non conta una ceppa 🙂

  • Il film è alquanto mediocre, inconcludente e fuorviante. Il dato delle schede bianche è molto strano, ma non si può dire che le ultime elezioni siano state “normali” ed il dato si può interpretare in infiniti modi. Ad ogni modo, i dati si trovano anche su internet nei siti delle Prefetture e personalmente credo che brogli a livello locale possano esserci stati (come probabilmente ci sono sempre stati), ma dubito fortemente che si possa creare una rete capillare così infiltrata ed efficiente come quella che dovrebbe esserci stata (non saremmo qua a parlarne). Non si possono paragonare le passate elezioni nazionali a quelle provinciali di Gorizia.
    Diliberto si riferisce alla divulgazione anomala (questo è un dato di fatto) del ministro Pisanu, nonché all’idea di Berlusconi (stoppata da Ciampi) di approvare un decreto di urgenza che congelasse le elezioni.
    Spero si faccia chiarezza al più presto e si verifichi che cose simili non possano accadere in futuro, così ogni pensiero complottista dei due schieramenti si sgonfierà.

  • A me sembra una cosa alla Michael Moore. «Oggi sul Corriere della Sera gli autori de “Il broglio”, alla ricerca della prova regina, forniscono un indizio di quello che sarebbe accaduto durante la notte in cui sarebbe scattato l’ordine: “uccidete la democrazia”. L’indizio è eloquente: in un paese della Puglia, a San Nicola Garganico, governato dal centrodestra, le schede bianche sono zero e gli autori del libro hanno trovato una signora che afferma di aver votato scheda bianca. Eloquente lo è di sicuro ma come indizio difetta non poco: – in Italia non esiste alcun “Comune di San Nicola Garganico”; – in Puglia non esiste un Comune in cui le schede bianche siano pari a zero. Se questo è l’indizio più che indagare sui brogli di ieri bisognerebbe farlo sugli imbrogli di oggi». (Maurizio Turco, deputato radicale, capogruppo della Rosa nel Pugno nella Giunta delle elezioni)

  • il confronto tra le schede bianche del friuli nel caso delle politiche e nel caso delle provinciali è imho un FATTO che dovrebbe far storcere un pò di nasi. a parità di elettori alle politiche abbiamo 1091 schede bianche mentre alle provinciali 2215 (Gorizia, ma lo stesso accade per Trieste, Pordenone ed Udine). strano.

  • Non sono mai state paragonabili le elezioni nazionali con quelle locali. Figuriamoci le ultime elezioni nazionali che tutti pare abbiano dimenticato come più che elezioni sembrassero il diluvio universale. Mentre immagino (con tutto rispetto), che a Gorizia, ma lo stesso a Trieste, Pordenone ed Udine, non ci fossero “sfidanti” come Prodi e Berlusconi. Il dato sulle schede bianche, ammesso che sia veritiero, può essere interpretato in svariati modi e, per questo, spiegato in nessuno, allo stato attuale delle cose.

  • E’ finita nel solito modo in cui finiscono le inchieste in Italia: come sono finite Portella, la Banda della Magliana, Ustica, Peteano, Moro, il caso Cirillo…un volume che diventa sempre più corposo.
    Del reto Bertinotti dixit ” qualunque siano le risultanze dell’inchiesta, il risultato elettorale eè valido e non cambia”. Primum difendere la poltrona, al diavolo la necessità di difendere i contenuti della democrazia.
    giuseppe galluccio

cribbio
Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)