Monthly Archive for November, 2006

Page 2 of 4

Blogger Instinct

Una che di istinto se ne intende...Pur essendo uno dei padri fondatori di questi ameni territori cicciosofteschi, compaio di rado con nuovi contributi. Un po’ per mancanza di tempo (ultimamente mi occupo di più del dietro le quinte, devo fingere di studiare, devo organizzare una spedizione a Capo Nord, ecc.), un po’ per mancanza di stimoli, un po’ perchè trovo spesso quello che volevo scrivere già pubblicato qui o altrove, e quindi aggiungere la mia voce (nel momento in cui non ne sento io il bisogno fisiologico di farlo), non ha nemmeno senso per il sito. Eppure non ci vorrebbe poi così tanta fatica e spremiture di meningi, per postare qualcosa di decente e appetibile, basta guardarsi attorno per rendersene conto. In giro compaiono tanti post senza pretese, post onesti e asciutti ma che si fanno leggere e spesso commentare. Scivolano naturali dalle menti dei blogger più svariati, specialmente da quelli più affermati. Personalmente, senza alcuna arroganza da parte mia, li classifico nella categoria cosidetta "l’avrei potuto scrivere anchio". Durante il corso della giornata, capita in diverse occasioni (seduti in metro, la sera davanti al tg, al mattino mentre si naviga) di cogliere dettagli o situazioni, senza bisogno di essere particolarmente acuti. Il vero blogger non lascia sedimentare gli spunti, banali o lampanti che siano, li coglie e ci confeziona sopra un onesto post. E può "sopravvivere" così per giorni, settimane… E’ un istinto innato penso,che si può affilare col tempo, magari una robusta dose di del.cio.us e repubblica.it (per dire), e uno spirito portato a tenere sempre gli occhi vispi. Alcuni esempi:

Continue reading ‘Blogger Instinct’

Annamaria Franzoni

Non ho ucciso mio figlio, altri lo hanno fatto.
Queste sono le parole di Annamaria Franzoni, pronunciate ieri, in tribunale.
Taormina si dimette, viene assegnato un avvocato d’ufficio e la signora afferma che "per lei il processo finisce qui".
Non solo, una delle novità è che la Franzoni possa aver commesso il delitto in stato di sonnambulismo (è mai successo????).
La frase che più fa ridere di tutto questo processo è: Si tratta di un attacco al cittadino da parte dello Stato. E a chi gioverebbe? E perchè?

Continue reading ‘Annamaria Franzoni’

Salviamo La Piola!

piola.jpg Riceviamo e diffondiamo il seguente triste comunicato:

La Piola esiste come locale dal 1962, come Piola dal 1985, nel corso degli ultimi vent’anni ha dato la possibilità a più di una generazione di giovani ferraresi di esprimersi liberamente come musicisti e come dj, senza contare la possibilità che ha dato ai frequentatori (non solo ferraresi) di ascoltare e conoscere gruppi noti e meno noti, musica di ogni genere. Le contro culture giovanili della nostra città hanno trovato sempre in questo luogo la possibilità di alimentarsi e confrontarsi, punks, rockers, darks, mods ecc hanno tutti almeno una volta avuto il loro centro di aggregazione in via Tambellina. Anzi spesso è stato l’unico posto ad ospitare queste realtà che in ogni altra città europea hanno numerose chanches in più! E tutto questo senza tessere, fondi, sponsor, o associazioni varie a ficcarci il naso. Molti di noi sanno che gran parte di tutto ciò è indiscutibilmente merito dello storico gestore amato e odiato Angelo Fabbri scomparso nei primi mesi del 2006.
Ora un gruppo di frequentatori di questo fantastico posto ha deciso sacrificando il proprio tempo e il proprio denaro di non lasciare morire questa isola felice, ma come nel peggiore degli incubi sembra che all’improvviso La Piola si sia trasformata nella pecora nera da allontanare e sono bastate una manciata di firme per negare il permesso di apertura fino alle 3 che rende impossibile le 2 serate sulle quali l’economia del locale si regge. Il venerdì di Piola Fridays è da 12 anni l’unica alternativa che hanno molti ragazzi di ascoltare  e ballare non le solite cazzate da discoteca, il sabato, nato di recente per mano di tre giovanissimi, ha organizzato una programmazione di concerti live fino ad aprile 2007 che farebbero impallidire qualunque localone bolognese.
I permessi, che inizialmente sembravano oramai pronti, sono stati invece negati a causa di una piccola petizione fatta dagli abitanti del paese. Non sappiamo quante siano le firme raccolte, ma sicuramente non tante… Fatto sta che una voce di minoranza (come spesso accade) ha prevaricato sul resto. Dai controlli effettuati non è stata rilevata nessuna anomalia. La raccolta firme che stiamo facendo noi non avrà nessuna valenza legale, ma solo dimostrativa. Vogliamo sottolineare l’importanza che riveste e che ha rivestito questo locale per la cultura giovanile della nostra città.
Insomma la Piola sta per morire e a noi non sta bene.

Ciccsoft organizza una raccolta di firme per sostenere l’impegno dei ragazzi che attualmente gestiscono la Piola. Aiutiamoli ad ottenere i permessi per proseguire l’attività e la programmazione artistica di un posto che Ferrara non può davvero permettersi di perdere vista la povertà dell’offerta musicale dal vivo nella nostra zona. Se sei di Ferrara o dintorni e vuoi sostenere la Piola puoi lasciare il tuo nome e cognome e la tua mail nei commenti di questo post, oppure direttamente alla nostra casella mail@ciccsoft.com, e spargere la voce via mail a tutti i tuoi conoscenti ed amici…
 
Un gesto semplice che nel nostro piccolo ci impegniamo a fare e che può significare davvero molto per i giovani della nostra città. Grazie!

The end – Racconto dei miei primi sedici anni

Una mano gelida si posò sul collo del ragazzo che, come preso da un orgasmo, sentì un forte piacere pervadere nel corpo e nel pensiero impazzito. Aveva atteso questo momento da un’infinità, finalmente il Destino lo aveva catturato. La sua vita era quasi giunta al capolinea e la resa dei conti era prossima. L’odio era suo padre e la vendetta propria madre. Creatura creata da una realtà cinica e sadica, essere nato nell’immpotenza di evitare i fatti che presto lo avrebbero intrappolato. Spesso una scena compariva ai suoi occhi, un’immagine che nemmeno Morfeo riusciva ad eliminare: lui, posseduto da un incontrollato e folle desiderio maniaco, compiva finalmente l’atto tanto agognato.

Continue reading ‘The end – Racconto dei miei primi sedici anni’

Gli idioti di Roma non mi rappresentano

Ieri a Roma ha sfilato quel che di più fetido e marcio può mai riconoscersi nella sinistra.
Il peggio del peggio, il fango, la feccia: sub-umani fascisti e antidemocratici ubriachi di violenza e intolleranza che rappresentano un tumore per il paese e per la sinistra. Rivoluzionari falliti colmi di contraddizioni, convinti di cambiare il mondo preservando lo status quo e urlando cretinaggini in piazza; vigliacchi insani di mente che ad ogni tre per due si permettono pure di dire al governo cosa ha sbagliato, cosa non deve fare, cosa non deve toccare.
Mai più al governo con chi asseconda simili manifestazioni di idiozia pur di accaparrarsi i voti di queste incrostazioni.
Altro che "compagni che sbagliano". Questa gente non è di sinistra. Questi fascisti con la sinistra non c’entrano nulla. Mi rivolgo a tutte le persone che si riconoscono in una qualsiasi delle tante anime del centrosinistra italiano, visto che mi sembra che parole di forte condanna siano arrivate anche da diversi illustri esponenti della sinistra radicale. Sarebbe bene, una volta per tutte, evitare equivoche e imbarazzanti equidistanze e dirlo forte e chiaro: gli idioti di Roma non mi rappresentano.

I Puffi

Voglio rendere partecipe il mondo di una teoria che mi assilla da tempo. A volte, non dormo la notte per cercare nuovi indizi che mi indichino se la strada giusta sia proprio quella che sto percorrendo. Nei momenti più impensati, nuove immagini si mostrano a me, quasi come delle apparizioni ultraterrene. Segno, scrivo, elaboro. Quindi, dopo tutto questo elaborare dati, sono giunta alla conclusione che questa scoperta debba essere conosciuta nel mondo.
Per farla breve, ecco la Verità: I Puffi sono Hare Krsna.

Continue reading ‘I Puffi’

Sfogo di una notte di mezz’autunno

Sono sempre stato contrario alle dimostrazioni matematiche. Non ne colgo il senso, l’utilità pratica, la ragione di studio. Costrette ad essere imparate per sostenere diversi esami, vengono dimenticate nel giro di UN solo giorno una volta che l’orale viene superato. Sono quelle assurdità che non verranno mai riformate e fanno parte del sadismo di certi professori. Perchè pretendi da me quello che nemmeno tu a lezione ricordi e ti affretti a chiarire "Essendoci il libro, non pretendo le sappiate a memoria"? Salvo poi chiedere teoremi dimostrati che il malcapitato di turno ha incollato in mente nei giorni precedenti per fare bella figura.

Santo cielo quando la finiremo di essere così ipocriti? Io capisco un matematico, che può anche appassionarsi a certe cose, ma da che mondo e mondo l’Ingegnere è quella figura che bada al sodo, che quando ha bisogno di una formula o un teorema prende un manuale e lo legge, lo consulta, lo applica. E’ quella figura che fa i conti con la calcolatrice per semplicità. Ci hanno insegnato, inculcato la cultura dell’ingegnere come colui che utilizza la conoscenza che altri campi (la matematica, la fisica) hanno studiato.
Perchè dobbiamo sostenere esami in cui scioriniamo a memoria passaggi assurdi per dimostrare teoremi la cui validità è pienamente riconosciuta? Perchè non ci viene chiesto invece come lo potremmo utilizzare concretamente tale teorema? Perchè non proporre un caso pratico, un’applicazione, una domanda di collegamento per vedere se un domani, il laureato è in grado di utilizzare con profitto tale conoscenza acquisita?
Ecco perchè non vedrò mai la luce in fondo al tunnell. Perchè non supererò mai un esame che contiene una simile dimostrazione (oltre le due pagine mostrate c’è un’altra piacevolissima mezza paginetta). Non riuscirò mai in tempi umani ad impararla, a capirla e a saperla riproporre senza sembrare e soprattuto sembrarmi un imbecille matricolato. Tanto di cappello a voialtri, che ne siete capaci.

Liberi di obbedire

Riguardo il caso della satira sul Papa, sento dire da persone anche molto equilibrate e stimate che invece di prendere il giro il Santo Padre dovremmo ringraziare il cielo di essere nati in Italia e non in Arabia Saudita, di avere Ratzinger e non Khomeini, per dire.

Mi sembra una argomentazione insensata.
Si chiede, in soldoni, di non esercitare la libertà di espressione per rispetto verso colei o colui che ci fanno la grazia di concedercela, al contrario di quel che accade nei paesi islamici (il tutto senza ricordarci che i colei o colui in questione ci concedono la la libertà personale solo grazie a quel che accadde nel ‘700, e che negli anni del fascismo non è che abbiano fatto moltissimo per tutelare le libertà personali dei cittadini, anzi, meglio non aprire questo taglio).
Insomma, è come se il primo ministro di un paese democratico togliesse il diritto di voto alle donne e poi dicesse: "E vi arrabbiate pure? Abbiate rispetto verso me, che in fondo sono un buon uomo.. mica come quelli che vi fanno prendere a pietrate se solo osate a togliervi il velo!"

Ciuff Ciuff

Trenitalia sta fallendo. "Siamo ad un passo dal portare i libri in tribunali", lo dice l’amministratore delegato Moretti. Non si tratta di facili allarmismi o del solito pessimismo dei comunisti, quindi.

Per 5 anni abbiamo vissuto nella comoda favola berlusconiana: "siamo ricchi perchè abbiamo due telefonini", "le opere pubbliche sono già realtà" e così via. L’ultima finanziaria del governo berlusconi "azzera i trasferimenti di cassa" a Trenitalia e determina un "definanziamento degli investimenti".
Per 5 anni Tremonti si è preoccupato di bloccare ed ostacolare gli aumenti delle tariffe per Trenitalia, facendo correre ulteriormente l’indebitamento delle Ferrovie (quindi di noi tutti) mentre consentiva continui ritocchi dei pedaggi autostradali facendo correre i profitti di Autostrade Spa (quindi dei Benetton): il trionfo dell’ipocrisia.

Si litiga per fare un’alta velocità fra Lione e Torino che costa 20 miliardi di euro e sarà pronta fra 15 anni mentre Trenitalia ha bisogno di 700 milioni per non andare in amministrazione controllata fra sei mesi ed è tutto normale. C’è di che sentirsi presi in giro, soprattutto quando si è a conoscenza del fatto che questa benedetta alta velocità è un’opera pubblica bipartisan non solo per il consenso che riscuote, ma anche per gli interessi che muove. Basta leggere un paio di articoli (lunghi ma interessanti) di Gianni Barbacetto che spiegano parentele e vicinanze politiche delle aziende che hanno vinto gli appalti per realizzarla.

Continue reading ‘Ciuff Ciuff’

Che volpe!

Sono già due volte nell’ultima settimana che capita di trovare clienti con talmente tanti casini su Internet Explorer da non riuscire in alcun modo ad evitare che bachi ed errori si continuino a propagare senza controllo, nonostante firewall, antivirus e pulizie manuali. La soluzione?
Installo Firefox, spiego loro la bontà di tale software alternativo, la sua semplicità e leggerezza. Poi cancello  del tutto l’icona con la E blu di Microsoft in ogni menù e sono a posto. Anche il cliente sembra sempre soddisfatto del nuovo giocattolo con la volpina arancio.

E niente, mi andava di dirvelo l’ennesima volta.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)