Starving for attention

Esiste un mostro chiamato bulimia.
Un mostro di cui non si parla, perchè non porta con sè quell’aura di "purezza" che circonda l’anoressia.
Perchè non si vede, perchè non ci colpisce, perchè possiamo ignorarla più facilmente.
E poi, diciamoci la verità, perchè fa schifo a tutti pensare a una persona che vomita tutto ciò che mangia sistematicamente, oppure che si imbottisce di lassativi onde svuotarsi per ore sulla tazza del cesso, che può associare un comportamento violento verso se stessa per punirsi per aver fatto una cosa che per le persone "normali" dovrebbe essere istintiva.
Mangiare.
C’è un esercito di bulimiche là fuori, pronto a divorare il mondo per vomitarlo, e voi non lo vedete, spesso vi ritrovate a non saper "vedere" la vostra stessa madre, moglie, amante, amica, fidanzata…
Perchè una bulimica non si nota, una bulimica è "normale", e nessuno potrà pensare che una bulimica possa aver bisogno d’affetto, d’aiuto, di rispetto ed amore. Ma quella stessa bulimica ad ogni crisi rischia la sua vita per scompenso cardiaco, per squilibrio elettrolitico, là, proprio dietro la porta del bagno di casa vostra, lasciando scorrere l’acqua della doccia in modo che voi non sentiate quel che si consuma dentro quella stanza carica di dolore. Oppure per la strada, negli angoli, nei secchi della spazzatura, nel buio della notte.

Fa schifo vero? Per quello se ne parla poco.
Eppure c’è chi da più di dieci anni conduce la sua vita in questo modo.
E piangono, e gridano, e sognano d’essere anoressiche, d’essere "ana", e scrivono plan che poi non rispettano, sprofondando nella depressione, nel circolo vizioso, nell’abbuffata. E barano. Barano con loro stesse, giocandosi così la loro vita. Vi stupiate che possano sognare un controllo sul cibo loro che ne sono schiave? Loro che sognano restrizioni apocalittiche ma non sono in grado di assaporare una briciola di tortasenza divorarla tutta?
Tu una sera mi dicesti "Rache, qualsiasi cosa è meglio di una vita così".
Tu, e i tuoi tredici anni di bulimia alle spalle, alle prese con l’ennesimo tentativo per perdere quei chilo che nel tuo cervello ti separava dalla "magrezza"

Muoiono queste ragazze, spesso, più di quanto si possa immaginare, muoiono senza amore, sole nell’anima, chiuse nel loro dolore, combattendo quel nemico, ilcibo, che le ha sopraffatte. Muoiono all’improvviso e chi resta le piange, con tutte le lacrime che ha in corpo.

In Italia le strutture per curare adeguatamente persone che soffrono di ed non esistono, esiste un protocollo, esistono medici più o meno cani. Ma un protocollo non basta, perchè ogni caso ha un substrato a sè.
In Italia per comodità si guarda il peso delle persone, i giornalisti parlano di modelle e magrezza, il vociare è enorme ma nessuno punta il bersaglio giusto, si parla senza creare nulla che possa aiutare davvero. Questi disagi sono una piaga sociale di proporzioni che voi che vivete nella vostra beata ignoranza con le vostre belle fette di prosciutto sugli occhi non potete neppure immaginare. Voi, anoressiche, bulimiche, o iperfagiche che siano vi ergete paladini della vostra "normalità" e dite che quel che fanno è sbagliato.
E nessuno parla con loro, nessuno le conosce veramente, nessuno le "vede".
E siete voi a ridurle a quel numero sulla bilancia, voi che per mancanza di tempo, insensibilità o menefreghismo guardate la cosa come non vi riguardasse mentre vostra sorella si sfonda lo stomaco con la sensazione d’essere invisibile, che voi non vediate il suo disagio solo perchè "non le si vedono le ossa".

I disturbi alimentari son figli anche della vostra indifferenza, della poca cura e del poco valore che viene dato all’essenza delle persone al giorno d’oggi, è la crisi dei valori più elementari e tutti stiamo facendo finta di non vederlo. Nascondendoci dietro ad un dito.

3 Responses to “Starving for attention”


  • in effetti bisognerebbe avere maggiore attenzione per il problema. Di sicuro la nostra società impone determinati canoni che il più delle volte sarebbe saggio evadere. Sia per quanto riguarda le donne che gli uomini. Personalmente non conosco ragazze particolarmente magre o con questi problemi. O almeno credo. Ma non si è mai sicuri. Però, per esempio, mi colpisce (tanto per fare un esempio mediatico) la magrezza della Borromeo (quella di Anno zero). Anche questo potrebbe essere un cattivo modello. Ma in fondo la tv da solo cattivi modelli. Quindi…

  • Sono stata colpita dritta dritta al cuore.Nel punto che più mi duole in questo periodo.
    Cercavo la poesia di Hoffman e senza neanche occorgermene mi sono ritrovata qua.Senza accorgermene mi sono ritrovata a piangere mentre leggevo parole piene di cruda realtà.
    Ho un’amica anoressica.Cioe,non è proprio amica,perchè io e lei non parliamo poi così tanto.Ma da quando so che è anoressica la colmo di attenzioni,di bacini,di abbracci.E’ brutto sapere ke bisogna che una sia anoressica perchè riceva attenzioni.Potevo pensarci prima.E’ diventata la mia piccola gnoma “toffolosa”.
    Da qualche giorno va meglio.L’altra volta,quando alla ricreazione mi ha kiesto di accompagnarla a mangiare l’ho abbracciata e mi è spuntato un sorriso a 52 denti.Anche lei ha sorriso.Io e lei comunichiamo con gli sguardi non con le parole.
    Non la lascerò mai e dico MAI più sola.
    E’ la mia piccina.
    La mia tesorina.
    E io le voglio tanto bene.

  • il commento lasciato da Giovy e’ l’ennesima dimostrazione di come sia sempre e solo l’anoressia ad attirare attenzione, affetto,commiserazione quando non addirittura ammirazione e invidia…
    Le ossa che sporgono al giorno d’oggi sono indispensabili per attirare su di se un minimo di considerazione da parte degli altri.Altrimenti sei solo una cicciona mangiona superficialona che non ha “veri” problemi e quindi poco degna di nota.Che tristezza…

cribbio
Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)