Abbiamo (ri)scoperto il Polonio

1902. I coniugi Marie e Pierre Curie scoprono il radio F, poi ribattezzato polonio in onore della Polonia, appunto, terra madre della Curie.
Si tratta di una mossa geopolitica, per porre l’attenzione pubblica sull’indipendenza del Paese, allora provincia dell’Impero Russo (guardacaso).

2006. L’ex spia del KGB Alexander Litvinenko muore in Inghilterra, ucciso da una dose letale di polonio, non prima di avere (pare) appestato mezza Londra. Compreso un sushi-bar, l’aereoporto di Heathrow, un albergo, uno stadio, due aerei British Airways (che nel frattempo hanno svolazzato su Mosca, Atene, Vienna, Barcellona, Stoccolma e Dusseldorf) e infine un certo Scaramella, che promette di rivelare – in punto di morte – scottanti verità sui politici legati al KGB. [se si tratta di Cossutta, lo sapevamo già]

L’occasione è ghiotta e i mass-media ci si gettano a peso morto, pronti a costruire una nuova psicosi collettiva: che diavolo è il polonio?
Finita chissà dove e chissà quando l’Era dell’Aviaria, quasi estinti il Fenomeno Bullismo e la Vendetta dei Pittbull, i giornalisti si dedicano a ricordarci che esiste il polonio e che dobbiamo tutti averne un po’ paura.

«Il Polonio si compra su Internet», titolano. Ed è solo una mezza verità, atta a mettere in guardia contro il demone di Ebay (dopo quello di YouTube e VideoGoogle, per quanto concerne il succitato Fenomeno Bullismo).

Ma se è vero che la vendita di polonio è autorizzata dalla Nuclear Regulatory Commission (per scopi scientifici ed esperimenti di laboratorio), è anche vero l’isotopo 210 del polonio può essere prodotto solo attraverso processi industriali molto costosi.
Basti pensare che la dose che si suppone abbia ucciso Litvinenko costerebbe circa 1 milione di dollari.
Dubito che qualsiasi contribuente spenderebbe una cifra simile per far fuori l’amante della moglie.

Ma la notizia è un’altra: il polonio-210 è presente nelle sigarette. In pratica, i coltivatori di tabacco innaffiano le piantagioni con fertilizzanti al fosfato. Al termine di una serie di reazioni chimiche, il fosfato di calcio rilascia un deposito di polonio radioattivo che, bruciato aspirando, porta un terzo degli italiani a livelli di radioattività fuori dalla norma.
Preoccupati? No. In teoria, i fumatori sanno che il fumo uccide. È scritto sul pacchetto. Quale dei milleuno ingredienti nocivi presenti nelle sigarette, non è dato sapere. Forse tutti? Ma il polonio, caspita, il polonio ha ucciso Litvinenko.

E allora, vai psicosi.
C’è polonio dappertutto.
Prima o poi si verrà a sapere che c’è polonio negli hamburger di Mc Donald (non ne dubito), nella Nutella e nella birra doppio malto.
Che c’è polonio negli incidenti stradali e nella fatalità di una tegola che si stacca dal tetto e ti piomba sul cranio.
E sì, c’è polonio pure nelle figurine Panini.
Ma tutto andrà per il meglio quando un’équipe di medici del Policlinico di Milano si accorgerà che il polonio, in dosi ridotte, previene il rischio di unghie incarnite e fa bene alla pelle.

Oppure, com’è più probabile, in tutte le gabbie d’Italia comincerà una rivolta organizzata di cocorite, e tutti a chiedersi perché, e le cocorite le vendono su internet, e abbattiamo le cocorite killer prima che le cocorite abbattano noi.

5 Responses to “Abbiamo (ri)scoperto il Polonio”


  • Post gustoso. Tanto per continuare il momento amarcord, vorrei ricordare a tutti di non comprare le figurine perchè nella parte adesiva c’è nascosta la DROGA (poi se fosse solo un tormentone del mio quartiere o minaccia nazionale di 15 anni fa, ora mi sfugge).

  • Carino che abbiamo postato sullo stesso argomento 😉
    Evidentemente è bene che se ne parli.

  • Si, ma sono bravissimi a creare fobie…
    Da quasi biologa posso comunque dire che è una cavolata usare il polonio come nuova arma psicologica…
    Perchè nessuno allora si lamenta del mercurio nei termometri? Non lo sanno che è velenoso? Che senza spendere 1 milione di dollari ci si può avvelenare una persona?
    Ma…io…boh…
    Il vero peccato è che la maggior parte della gente sta dietro a tutte queste fobie…
    Al tempo dell’aviaria io ero totalmente disamorata…

  • Sì sì, Attimo, la droga nelle figurine me la ricordo anch’io. E se non sbaglio erano gli anni de “la droga ti spegne”: la testa del “tossico” girava di 360° e – sottofondo di musica inquietante – tornava a guardarti con gli occhi bianchi.
    O dell’alone viola intorno ai malati di aids, pubblicità “progresso” allucinante nella sua ignoranza (del tipo: l’aids si trasmette anche coi baci). [per chi non se la ricorda, c’è sempre YouTube]

    E comunque sì, alex, è bene che se ne parli ma nel modo corretto. Avete idea di quanta gente si faccia abbindolare? Se lo dice mamma tivvì…

    Sono sempre più convinta che nelle scuole, insieme all’educazione alimentare, vada insegnata la consapevolezza dei mezzi di comunicazione.

  • E sai il bello? Tutti i (politici e i) massmedia a starnazzare dal 2001 sul pericolo arabo e terrorista: le bombe sporche! l’Atomica! Il gas nervino! E poi Londra l’avvelenano i russi… stai bene, bel post. Grazie, Cyrano.

cribbio
Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)