Grazie $iae, bombardaci Pieeero!

viprego.gif C’è questo grazioso localino del centro cittadino che fa serate dal vivo con musica live. Ieri sera eravamo a suonare noialtri, come già avevamo fatto nei mesi scorsi sempre nello stesso posto con discreto successo. Funziona così: noi ci occupiamo della musica, dell’impianto, dell’organizzazione della serata. Il locale si occupa della burocrazia, dell’agibilità, dei compensi, della $iae. Mi sembra pure giusto.
Son le 22.30 circa quando gustiamo un ottimo vin brulè davanti alla porta in attesa di dare fiato alle trombe. Come in un libro scritto male, giunge la notizia dell’arrivo di un ispettore $iae. La padrona del locale si rivolge a noi con retorica domanda e dalla faccia si capisce già che se la sta vedendo brutta:
– Ragazzi, c’è l’ispettore. Siete in regola con l’agibiltà Enpal$?
Ovviamente no, spettando a loro il compito di regolarizzare la pratica.

Quello che dovete conoscere arrivati a questo punto della storia, è che in realtà per snellire la faccenda da un anno a questa parte soltanto tre degli otto componenti della nostra band sono iscritti all’Enpal$. Il sottoscritto, il bassista e una delle sassofoniste.
Viene convocato per primo il bassista dal tizio $iae, un giovanotto ormai vecchio e canuto con l’aria inquisitrice  da bobby di provincia, il cappotto e la sciarpa e una squallida flemma finto amica. Concordano una versione dei fatti, firmano incartamenti, mostrano documenti. Dichiara che non abbiamo pattuito un compenso per la serata, che di solito suoniamo circa una volta al mese, quando va bene due, e che l’ultima volta abbiam preso un compenso X nella data in provincia di Bologna il giorno X.
Poi manda al posto l’interrogato e dice "Avanti il prossimo". Il bassista torna da noi, ci spiega la versione dei fatti da raccontare e ci lascia andare da lui.

Quando riceve me e la sassofonista insieme è quasi spazientito:


– Sentite, non prendiamoci in giro, visto che vi ha già detto tutto il vostro bassista, vi prego di confermarmi almeno la versione dei fatti riguardo il vostro gruppo. Facciamo in modo di fare il danno minore, vi faremo suonare, anche se la responsabilità è del locale, dobbiam mettere a verbale alcune cose. Quand’è stata l’ultima volta che avete suonato fuori?
– Ehm… il mese scorso, in provincia di Bologna.
– Quando di preciso? La data.
– Non lo so, no mi ricordo.
– Ma dai, no ricordi?
– Eh, no.
– Quanto vi hanno pagato?
– Ah guardi, non ne ho proprio idea di quello.
– Come fai a non sapere quanto vi hanno dato?
– Non mi occupo io delle riscossioni dei compensi.
– Saprai pur quanto hai avuto in tasca, no?
– No. Manco una lira. Teniamo tutto in un fondo comune.
(diffidente) Uhm…vabbè. Diciamo 150 euro? Siete in tre, 50 euro a testa?
– Vada per 150 euro.
…e così via.

Al termine dell’interrogatorio il tipetto non accenna ad andarsene. La gente nel mentre è in subbuglio, il concerto non inizia e sono già le undici e un quarto, non capisce che sta succedendo.
Il palco è pronto con gli strumenti, che fortunatamente da lontano l’Inquisizione non vede. Ci son otto strumenti pronti a suonare, ma risulta che il nostro gruppo è formato da solo tre elementi, e questi – e solo questi – devono andare ad esibirsi. Peraltro un gruppo formato da una tastiera, un basso elettrico e un sassofono non fa sicuro molta strada.

In attesa che il soggetto sloggi iniziamo a suonare in tre, non potendo far altro che fingere un gruppo inesistente. Esilarante. La gente ride, noi sforniamo repertorio da osterie e improvvisazioni idiote sull’aria di temi noti:
– Se qualcuno conosce questo pezzo può venire a cantarlo, qui c’è casualmente un microfono!
Puntualmente ad ogni brano il nostro cantante, celato tra il pubblico, si propone di cantare.
– Se qualcuno sa suonare una batteria può venire a suonarla, ce n’è giusto una montata qui alle nostre spalle!
Tra chi non capiva, chi sapeva e sghignazzava e chi è andato via, abbiam passato il più confusionario quarto d’ora di esibizione dal vivo che io ricordi. E in vita mia posso pure aggiungere al curriculum di aver fatto il buffone in un locale.

Poi il bobby è andato via, qualcuno ha fatto cenno di via libera dal fondo del locale.
Piero ha imbracciato la chitarra, mandato affanculo la SempreCara$iae e iniziato a cantare dal microfono che lo attendeva. Sono saliti man mano tutti: si è finalmente cominciato. Questa volta come si deve, fottendo il sistema, senza dare nell’occhio, sempre fedeli alla linea.

11 Responses to “Grazie $iae, bombardaci Pieeero!”


  • Criminali! Per colpa delle vostre frodi ieri Vasco Rossi era in piazza Maggiore che chiedeva l’elemosina!

  • mah….che schifo…non hanno altro da fare che rompere le palle a un gruppo di ragazzi che vogliono suonare? purtroppo le cose vanno cosi…che li colpisca un fulmine,come disse qualcuno ieri sera…

  • Ahah dal titolo ero convinto che si trattasse di un altro e ben più noto Pierooooaaa (un altro di quelli tutelati dalla $iae, per intendersi).
    Dev’essere stato un grande momento di improvvisazione musicale… 🙂

  • Ma lasciando perdere il resto, che sì, insomma, uno lo legge per gentilezza e per il quieto vivere, ma diciamoci la verità, non ce ne frega una mazza. No, volevo dire: le? sassofoniste? donne? più d’una?
    Esistono? Dove le avete trovate?

    Ma pensa che robe che ci sono, al giorno d’oggi.

  • Divertentissimo. Mi viene in mente quella volta che in azienda è arrivato un Ispettore del lavoro. Beh non è stato un bel momento…

  • Finestraio: esistono si. Al conservatorio di Ferrara ci sono sassofoniste. Belle e brave! E suonano nei Coconutz, ovvio 😉

  • beh, l’ispettore della $iae di ieri sera lo vidi molte altre volte al palazzetto dello sport (faccio la barista li) e probabilmente lo rivedrò, forse domani. Che mollaccione patetico (sono spietata), con quell’espressione similvirile non poteva essere altro che uno sbirro mancato (il che è tutto un programma). Appena lo rivedo che gli faccio? Lo frusto? Lo lego? Lo ‘ncapretto? Lo sado? Lo maso? Non lo so… Ditemi voi. Comunque non vi avevo mai sentiti e mi complimento. Bravi piccini. Penso che comprerò il vostro perizoma!!!!!!! Alla prossima. Ale

  • rage against the siae

  • da vostra fan rimpiango moltissimo di non esserci stata……… un concerto perduto e mi si stringe il cuore, siete grandi! ciaooooooooooooooooo

  • peccato che mi sono perso la serata,comprensiva di ispezione, interrogatorio, buffonate, e via così: promesso che vi vengo a sentire, così almeno vedrò coi miei occhi queste sassofoniste….di cui si dice un gran bene.

  • peccato che mi sono perso la serata,comprensiva di ispezione, interrogatorio, buffonate, e via così: promesso che vi vengo a sentire, così almeno vedrò coi miei occhi queste sassofoniste….di cui si dice un gran bene.

cribbio
Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)