2006: my soundtrack

Un anno incredibile, costellato di eventi e svolte importanti, di routine e calma, di corse sfrenate e movimento. Un anno di musica di ogni tipo che ha riempito le giornate, accompagnato momenti, serate, pomeriggi, festicciole, sbiciclettate. Nel 2006, a 23 anni suonati, ho imparato tante cose in più. Alcune belle canzoni di qualche anno fa, altre novità dell’anno, o chicche di nicchia. Il mio 2006 ha suonato soprattutto così:

Ludovico Einaudi – Nuvole bianche (l’autunno)
Bandabardò – Manifesto (dinamismo, movimento)
Beirut – Postcards from italy (l’estate afosa in città)
Lovecoma – Capitano (la dolce primavera sonnolenta gironzolando in macchina)
Moltheni – In centro all’orgoglio (bologna)
Piero Umiliani – Crepuscolo sul mare (un aperitivo romantico in riva al mare al tramonto)
Damien Rice – Eskimo (un film)
Eutimia – Amaranta (Aureliano Buendia)
Giorgio Canali e Rossofuoco – Savonarola (i nostri live in giro per la Bassa)
Non voglio che Clara – Cary Grant (il sapore caldo degli ultimi giorni di marzo)
Pearl Jam – Come back (potenza e amore)
Strip Squad – Unreliable narrator (ferrarapadova a squarciagola)
Rachael Yamagata – I wish you love (locali notturni)
C.O.D. – Canzone contro di me (stasi)
Buen Retiro – Demodè (ferrara carpi solo andata)
Samuele Bersani – Lo scrutatore non votante (la sbornia elettorale)
Billie the vision & the dancers – One more full length record (l’estate spensierata)
Domotic – I hate you forever (plug in baby)
Mstrkrft – Easy love (Ferrari, Miami)
Violea – Calliope (giuria tecnica)
Virginiana Miller – La verità sul tennis (il giardino dei Finzi Contini)
Cesare Basile – Il deserto (agosto)
Julie’s Haircut – Satan eats Seitan (Renfe)
Muse – Knights of Cydonia (Queen)
Regina Spektor – Us (correre via)
Kiko – Stelle e altalene (l’Amore dolce)
Gianmaria Testa – Città lunga (fumo)
Gianna Nannini – Io (lei)
Milo – Non crederò (i Modena)
Daft Punk – Technologic (sorella)
Afterhours – Cose semplici e banali (puglia birra naso all’insù)
The Moffs – Another day in the sun (Frittole)
Carpacho – Regole per un cervello difettoso (halloween)
Radio Dept – Strange things will happen (inverno)

4 Responses to “2006: my soundtrack”


  • Tra tutti quelli che hai citato, quelli che conosco stanno sulle dita di una mano… mozzata.

  • Si in effetti ci sono diverse perle nascoste. Annata comunque senza album memorabili, per trovare canzoni che lasciano il segno sulla pelle è stato necessario immergersi nei rovi e nelle onde e ricevere graffi e ondate in faccia. E mai come quest’anno il Passato ha tenuto botta (spesso superandolo) al Presente privo di appigli. (ovviamente è una visione personale).

  • Metroguida: una buona occasione per qualche download suggerito :-p

  • 9…ne conosco ben nove!mi sento pesissima ed ignorante!scaricherò!thanks iug!

cribbio
Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)