Con i dovuti distinguo

TaoIn un mondo ideale e perfetto, scriverei le seguenti righe:
In questo post Giulia esprime tutta la sua esasperazione nei confronti dei beoti invadenti che girano per le italiche strade. Va pure oltre, indicando l’espediente migliore per estirpare l’erba cattiva: estirpandola con le proprie mani, per l’appunto, procedendo oltre la normale soglia di frustrazione che spesso più che una molla rappresenta una vischiosa colla che intrappola ogni spirito di ribellione. Noto tuttavia che anche in questa occasione spunta tra le pieghe del discorso (e dei commenti, sono arrivati a 85 nel momento in cui scrivo) lo sparuacchio di tutti gli "indici-puntati" contro esponenti di qualche categoria (termine orribile): signore e signori, il Generalizzare. Parebbe infatti che l’importunare per strada sia una malattia endemica del genere Maschile, un gene che in taluni uomini esce allo scoperto mentre in altri non è comparso, in ogni caso trattasi di caratteristica specifica di un insieme di persone. Certo, l’evento contrario (ragazze che importunano) non avviene mai, e basterebbe qui per chiudere la partita. Invece vorrei allargare l’orizzonte della discussione, citando altri classici esempi (tedeschi nazisti, siciliani mafiosi, juventini ladri, ecc.) arrivando a chiedermi: le categorie cui appartieniamo sono le vere responsabili di certi malcostumi? Per dire, io sono maschio epperò non ho mai fischiato dietro a una gnocca per la strada, in questo certamente aiutato dalla mia patologica timidezza ma soprattutto perchè dispongo  di un briciolo di educazione. Ci sono tantissimi maschi che si comportano come esseri umani e non come scimmie in calore, e non sono miracoli casuali dell’evoluzione genetica. Sono esemplari dotati della vera discriminante nei discorsi "sociologici": lo spirito critico, indispensabile strumento che ci rende accettabili sotto il piano umano. La generalizzazione porta troppe volte a condannare innocenti e garantire un alibi a esseri sottosviluppati privi di una massa critica che gli consenta di rendersi conto e di evitare di comportarsi come dementi irritanti. La scoperta dell’acqua calda, me ne rendo conto, ma il Generalizzare troppo spesso (non in questo caso, Giulia lo precisa bene nei commenti) è la coperta di Linus per gli accusatori e una semplificazione che non rende giustizia a chi ci prova, a usare almeno uno sputo di spirito critico. Sul banco degli imputati c’è spazio solo per una persona, e ci si sale uno alla volta.
Purtroppo, siamo ancora lontani dalle Utopie. Quindi fanculo ai benestanti fighetti, agli americani mangiasvizzere e ai tredicenni idioti che mi tagliano la strada al mattino in bicicletta.

7 Responses to “Con i dovuti distinguo”


  • Credevo di averlo precisato anche nel post, che non si trattava di un’accusa a tappeto. Dai commenti però è emerso qualcosa che sospettavo e che avvalora la mia tesi: e cioè che, anche se non tutti gli uomini fischiano dietro alle donne, nessun uomo direbbe mai a un altro che il suo comportamento è vergognoso. Esiste una forma di solidarietà/omertà nello scarso rispetto per le donne, che devono essere gli uomini per primi a sradicare.

  • Si appunto, mi pareva l’avesse specificato nel post che qualcuno tra i lettori sarebbe saltato su dicendo: ma no io non sono così! :-p

  • Credevo di averlo specificato nel post, che l’avevi specificato nei commenti.

  • Non l’ho specificato nei commenti, l’ho specificato direttamente nel post 😀 (Possiamo andare avanti all’infinito!)

  • Beh, anche nei commenti puntualizzavi però 😉 Prima di uscire da questo loop, ci tengo a specificare che sono d’accordo con te, il mio è solo uno scarto dal punto iniziale della discussione. Però penso che esistano anche nella nostra loggia massonica di maschi, qualche ribelle che dà dell’imbecille ai colleghi.

  • Se esiste io non ne ho mai visto uno.
    Anzi, forse uno sì. Ma è disadattato come me.

cribbio
Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)