Sarà che non c’è il mare a Praga

ovvero: Affinità e divergenze tra una capitale mitteleuropea e il Sottoscritto
– prima puntata –

IL VIAGGIO IN TRENO
Quando partiamo verso ora di cena dalla stazione di Venezia, il treno che ci è stato assegnato ci balza subito agli occhi per la pulizia e l’ordine. Non è ovviamente di Trenitalia ma delle ferrovie austriache, almeno per la carrozza che ci riguarda. Il tragitto da compiere per portarci in terra boema prevede il passaggio per l’Austria e l’Ungheria, di conseguenza il treno è un puzzle di vagoni di stati differenti che nel corso del viaggio vengono staccati e spostati come pezzi Lego secondo la destinazione da raggiungere. Rachele ha fatto i panini con il pan carrè e lo speck e per viziarmi ha comprato le bottigliette di CocaCola da mezzo litro con il codice per la canzone di iTunes omaggio ma ci scordiamo completamente e le buttiamo quando finiscono.
La notte è un susseguirsi di "pass kontrolle" e di Polizei che bussano svegliandoci intontiti cercando di capire se siamo noi o meno quelli sulle carte di identità. Ho meno capelli che nel 2003, devono averlo notato anche loro osservandomi attentamente ma mi lasciano accedere al loro paese senza ulteriori complicazioni. Il treno frena, inchioda, riparte, decelera, si inclina e traballa pesantemente e io sogno Kafka, il Vicolo d’oro e il salame Lovecky e discuto con Marx di architetture liberty rigirandomi nello spazio angusto di una cuccetta.

L’ACCOGLIENZA
Arriviamo alle 11 del mattino seguente nella stazione di Praga e la nostra prima angoscia è quella dei borseggiatori. Le guide turistiche sono piene di queste minchiate per spaventare i turisti ma la verità è che Praga non ha ne più ne meno l’aspetto di una innocua capitale est europea. Chiaro, non è bene girare con borselli colmi di denaro in bella mostra, ma un briciolo di intelligenza credo risieda in ogni turista intelligente. Giro vestito da pezzente per non dare nell’occhio ma mi accorgo ben presto che in giro son tutti fighetti e mi notano proprio perchè vestito male ma palesemente turista. Urge rimettere nello zainetto la guida di Praga per meglio celarmi.
I mendicanti ai lati dei marciapiedi sono proni come se stessero pregando rivolti verso la Mecca in realtà con umiltà tengono in mano un piattino per le offerte miserabilmente vuoto. Nonostante il tentativo di celare anni e anni di fatica comunista girano pochi soldi nelle tasche dei cechi che però non si fanno mai mancare un costoso cellulare di ultima generazione. Il negozio Vodafone in piazza San Venceslao è il primo esempio dei luccichini occidentali che hanno rapito il cuore dei ragazzi boemi: una grandeur degna degli italiani maneggioni tra sms e videochiamami. Perfino le boutique di abbigliamento sono grandi store di firme americane o straniere.



L’ARRIVO A CASA

Ci attende davanti alla porta un omone con i capelli biondo unto e gli occhiali. Indossa un cappellino di velluto e non sa una parola di inglese. Mentre ci mostra le stanze del nostro appartamento l’unica parola che pronuncia è qualcosa tipo un "taaac" che da rapide ricerche penso voglia dire "così". Ci mostra infine il termostato con cui regolare l’intensità del calore della stufa prima di andarsene: c’è un caldo opprimente li dentro così optiamo per spegnerla del tutto appena ci lascia soli con le chiavi. Nell’ora e mezza seguente succedono in rapida successione le seguenti cose:
– dovendo uscire fino a sera ci viene in mente che forse è bene non dover ritrovare pinguini che girano per la stanza e quindi è il caso di riaccendere la stufa
– non siamo capaci in alcun modo di farlo dopo aver pistolato qualche minuto temendo di far esplodere tutto
– Rachele chiama due volte il padrone parlando inglese e un po’ arabo (in senso lato). Durante la seconda telefonata gli rivela che abbiamo combinato un pasticcio e non siamo più in grado di. Il padrone ci avvisa che manderà l’omone di prima a sistemare entro la mezzora seguente.
– uscendo per andare ad un cambio soldi nell’attesa il sottoscritto esce sul pianerottolo girando le chiavi nella toppa senza estrarle. Rachele attraversando l’uscio chiude la porta dietro di se’ chiedendo solo  s u c c e s s i v a m e n t e  "hai preso le chiavi vero?".
– bloccati fuori di casa ci rechiamo a cambiare i preziosi euri con le corone ceche. Si tengono una bella quota di commissione ma sembra che sia la norma anche per alcune banche serie.
– rientrando a casa troviamo davanti alla porta l’omone che ci attende facendoci segno di aprire la porta. Spiegato a gesti che le chiavi sono dentro la serratura, ma all’interno, tira due bestemmie in cecoslovacco e si trasforma in Mc Gyver.
– estratto un cacciavite dalla tasca interna della giacca smonta completamente la serratura cercando di forzarla con una carta punti plastificata dei supermercati Tesco.
– fallito il primo tentativo ci abbandona sui gradini di casa e torna un quarto d’ora dopo con una cassetta degli attrezzi. Violata finalmente la porta con una tenaglia passa a risolvere il problema stufa con grande successo e nostro magno gaudio. Ci viene intimato, a gesti molto espliciti, di non spegnerla mai più.

Il nostro rapporto con la casa, riconciliato in quel momento, dovrà sottostare all’apertura e alla chiusura della finestra per regolarne la temperatura interna. Al di la di tutto resta però uno splendido bilocale ceco dei tempi che furono. Arredamento anni ’50 italiani, corredi anni ’70, esterno della fine del ‘400 prominente i mercatini della frutta e dell’artigianato locale su Havelska. Deliziosi peraltro: la frutta e la verdura costano pochi centesimi, ma non è di questo che ci ciberemo. La parola "Pivo" (birra) inizia a risuonare felice nelle nostre orecchie.

(segue…)

3 Responses to “Sarà che non c’è il mare a Praga”


  • “Tak to”, “così”, “tak je”, “allora” (o viceversa, chi lo sa?).
    Ma per quanto ti impegni a dirlo bene, loro troveranno sempre un modo per non capirlo.
    E c’è solo una parola che risuona più felice di “pivo” (birra).
    E’ “dalsi!” (“un’altra!”).

  • Eugenio mente.
    Quelle cuccette erano bellerrime.
    Altro che anguste.

  • ancora non ho letto tutto, ma già per il fatto che il titolo mi ricorda gli Offlaga Disco Pax, il post è bellissimo.. 😉

cribbio
Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)