Contro le donne

Questa è una scenata”. Sono le prime parole che aprono il libro di Silvia Ballestra. Un libro che non vuole fingere di essere un trattato, che non vuole essere l’ennesimo manifesto femminista post-movimento. Si tratta semplicemente di sdegno, di senso di impotenza. Sentimenti che non solo riesce a trasmettere così bene, parola dopo parola, ma che accompagnano la vita della maggior parte delle donne che riflettono sulla propria condizione. Perché, inutile negarlo, per quanto si possa parlare di emancipazione femminile, non è che uno specchio per le allodole.


Si tratta di mera illusione, spesso accompagnata da un comportamento svilente delle donne contro se stesse. Per spiegare meglio questo concetto, la Ballestra si sofferma fortemente sul carattere commerciale del corpo della donna. Fa riflettere sui concetti base che ogni persona con un minimo di coscienza della società, sa perfettamente: la donna è ancora considerata la “femmina oggettino-sexy senza cervello” ma non solo. E’ la donna stessa a voler essere considerata tale, sognando di sgambettare in televisione in mutande, in mezzo a uomini ben vestiti.

Le donne sono sfruttate, usate, ridotte a carne da macello. Le donne ancora sottomesse, ancora piccolo oggetto di divertimento di un mondo tutto fatto al maschile.
Ma questa scenata non è solo una parvenza di isterismo femminista. L’autrice snocciola un dato terrificante. Dato che è davanti ai nostri occhi, notizia dopo notizia, cronaca nera dopo cronaca nera: è in atto un enorme massacro di donne. E non si riferisce a paesi come l’India, dove la donna, in effetti, è ancora vista come una bestia. Bensì all’ Italia, all’Europa.

A parte il numero impressionante di violenze domestiche (donne picchiate dal marito, per esempio), si sofferma sui numerosissimi casi di parenti (padre/cugino/fratello e via discorrendo) che uccidono le proprie mogli, figlie, fidanzate. E lo fanno per un semplice motivo: il possesso.
La donna muore perchè si ribella, perchè sceglie un altro uomo, perchè tradisce. "Ero geloso, quindi l’ho uccisa". Scusante che non aggrava il caso, ma che porta a uno stato di comprensione per il poveruomo che ha massacrato. Non per la vittima, che diviene quindi mero spettacolo macabro, ma per l’assassino.

Silvia Ballestra, nel suo libro, menziona dati ben precisi. Numeri. E proprio l’uccisione è la causa primaria di morte per le donne. Sembra incredibile. Non solo. Questa società ipocrita e maschilista ha trovato un capro espiatorio. Chi violenta e uccide le donne? Marocchini, Albanesi. Il Diverso uccide. Eppure lo stupro è sempre stato sport nazionale. Eppure i dati parlano chiaro: il novanta per cento delle violenze le donne le subiscono in famiglia. Da persone che conoscono molto bene. Dal proprio marito, insomma. Spesso, ci limitiamo ad ascoltare il caso del giorno, pensando che si tratti, appunto, di un caso. Poco importa se siano atti ripetuti, non riflettiamo mai sulla sistematicità ma soprattutto sulla legittimità della cosa. Le donne vengono uccise e pensiamo che, in fondo, se la siano cercata, sottomettendosi a un uomo padre/padrone. Fino a quando non accade a qualcuno che conosciamo bene. E, a quel punto, ci rendiamo conto dell’impotenza. Nostra e sua.

Una scenata spaventosamente lucida e diretta, che non lascia spazio ai dubbi. Le donne, in questo mondo occidentale così avanzato, sono ancora schiave.

3 Responses to “Contro le donne”


  • A ‘sto punto potevi anche riportarli due numeri….Davvero l’uccisione sarebbe la causa primaria di morte per le donne, in Italia (o in europa)? A me pare un po’ strano, addirittura le donne uccise sarebbero più di quelle che muoiono -che so- per tumori, o incidenti stradali, o malattie di vario tipo?

    Le violenze che continuano tutt’oggi sono sicuramente preoccupanti, e per natura è l’uomo ad essere il più violento (non a caso dei 59mila detenuti della popolazione carceraria qualcosa come 56 mila erano uomini; dati di qualche anno fa). e’ vero che l’uguaglianza è ancora lontana, ma sicuramente pasis avanti sono stati fatti negli ultimi due-tre decenni, e così come oggi ci sono donne-oggetto che sculettano in mutande in televisione, e uomini che “usano” le donne appunto come oggetti, ci sono anche donne con alti incarichi istituzionali o cmq affermate nel loro lavoro, e uomini che le rispettano o che magari fanno le faccende di casa come è giusto che sia.
    Interroghiamoci se sia solo la natura dell’uomo a sottomettere la donna, o se in uno Stato dove la Chiesa la fa da padrona (vedi anche altri Stati con religioni forti, principalmente monoteiste) la donna non sia da sempre stata discriminata, dal peccato originale fino all’obbligo di castità per chi prende i voti (la donna è solo una tentazione da cui fuggire).
    Siamo indietro, parecchio.

  • abbo: sisi, davvero gli incidenti sono minori alle uccisioni. In questo momento sono fuori Bologna (sto a Roma) e tornerò solo tra dieci giorni… ma quando torno te li fornisco. Erano davvero preoccupanti.
    Naturalmente, la donna è sempre stata discriminata. Ma oggi la cosa è fatta in modo più subdolo, meno diretto.

  • volevo leggerlo, questo libro della ballestra.

cribbio
Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)