Lui è uno di quelli che porta i suoi lunghi capelli per scelta… e voi levatevi la parrucca

Tutti a parlare del concerto del Primo maggio. Che, per inciso, è stata una mezza boiata.

Tolti gli Afterhours, la noia mi ha invaso.

Tanto che quando il presentatore capelluto di cui ignoro il nome ha parlato della Chiesa e di Welby, stavo facendo le parole crociate.

E non ho sentito niente.

Non ho sentito nemmeno le parole dei sindacalisti perchè, come i loro faccioni comparivano sullo schermo, schiacciavo il tasto "Mute".

 Non li sopporto, quelli.

Paolo Rossi ha continuato a bofonchiare parole senza senso, sbagliando "Bella Ciao" e "Io Vagabondo".

In segno evidente di ubriachezza.

Claudia Gerini ha ostentato la sua stupidità e la sua incapacità di muoversi.
Meravigliosa la sua uscita/gaffe:

 

"Scaricare musica da internet è illegale!!".

Finalmente la piazza fa quello che bramava dall’inizio: la fischia.
Probabilmente la insulta, ma questo non ci è dato sapere.

Lei arrossisce e farfuglia un: "Beh, sì, i cd sono cari"…

Io, sul letto, smetto di pensare alle parole crociate e rido. Rido di gusto.

 Grazie all’Osservatore Romano, il presentatore capelluto di cui ignoro il nome, sta diventando una mezza celebrità. Per avere detto delle ovvietà, per altro.
Se la Chiesa scoprisse l’esistenza di Internet e dei Blog, ci denuncerebbe tutti.

Singolare ancora una volta come gli uomini di pace non comprendano che i diritti non sono unilaterali.

Voglio dire.

Il Papa, ogni santa domenica, improvvisa dei discorsi – sgrammaticati – in piazza, sputando sentenze su tutto.

 Se a lui non piace, che so, un film, una moda, un’unione di fatto… Lo urla, dal suo balcone.
I fedeli applaudono, sereni.
Facendo anche sìsì, con la testa.

Ah, quasi dimenticavo. Anche la gente a casa ascolta questi sproloqui.
Dalla Tv.
Di Stato.
Laica.

Ed un presentatore capelluto di cui ignoro il nome, non può dire la sua UNA volta l’anno, a molte meno persone, la cui maggior parte sarà stata impegnata a riflettere sulle definizioni delle parole crociate?

Ed eccoli lì. I faccioni senza voce. Quelli a cui ho schiacciato il "Mute". Quelli per cui Chico Mendes si rivolterebbe nella tomba.
Leggo il labiale.

 "Noi ci dissociamo".

Chico Mendes si rivolterebbe nella tomba

Un chi se ne frega, no? 

Questa mattina, a una mia collega non è stato rinnovato il contratto.
Motivazione: Perchè sei incinta. Però quando hai finito la gravidanza vieni pure da noi, magari potrai lavorare di nuovo.
I miei colleghi hanno trovato tutto ciò normale. "Nessuno ti avrebbe ripreso, nelle tue condizioni".
Lei ha acconsentito. Quasi sorridendo.

Ecco, cari faccioni sindacalisti.
Queste sono le cose da cui dovreste dissociarvi.

 Vergogna!

 

2 Responses to “Lui è uno di quelli che porta i suoi lunghi capelli per scelta… e voi levatevi la parrucca”


  • scaletta alternativa, non me l’aspettavo
    mi aspettavo altresì un LA GENTE STA MALE che ci stava assai per il 1 maggio, ma Manuel per me ha voluto come sempre uscire dall’ovvio, nel bene e nel male
    io ho acceso su di loro e spento con loro che salutavano. solo la vista della gerini mi dava noia

  • Mi associo.

    Se non altro Napolitano si è espresso frotemente contro le morti bianche….Speriamo che non rimangano parole vuote come al solito….

cribbio
Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)