Family Day: conservazione o progresso?

"[...] Solo nella famiglia fondata sull’unione stabile di un uomo e una donna, e aperta a un’ordinata generazione naturale, i figli nascono e crescono in una comunità d’amore e di vita, dalla quale possono attendersi un’educazione civile, morale e religiosa. La famiglia ha meritato e tuttora esige tutela giuridica pubblica, proprio in quanto cellula naturale della società e nucleo originario che custodisce le radici più profonde della nostra comune umanità e forma alla responsabilità sociale."

Tratto da Forum Famiglie.

Ora, mi risulta che la famiglia tradizionale, in questo Paese e in questo momento storico, già goda della “tutela giuridica pubblica”.

Dunque a cosa serve il Family Day?


Io credo, passatemi la frase, che le chiacchere siano a zero in questo paese. Da tempo, volendo leggere tra le righe, si va formando nella cittadinanza una divisione tra due schieramenti trasversali, che nulla hanno a che fare con le attuali rappresentanze politiche. Semplificando (proprio perchè le chiacchere stanno a zero) i due schieramenti sono i seguenti: modernizzazione e conservazione.
Chi si ispira al primo, pone l’accento sulle urgenti necessità di modernizzazione di questo paese. Chi si ispira al secondo è mosso da volontà di conservazione.
Il primo crede che senza modernizzazione il paese è destinato, tra poco, ad affondare. Il secondo è convinto che la specificità Italiana sia invece ancora sostenibile e auspicabile.
Coloro che si ispirano a principi di modernizzazione, tra le altre cose, rifiutano la declinazione ufficiale del pensiero cattolico, che assegna il primato alla cosiddetta famiglia tradizionale, in riferimento al contesto dell’allargamento dei diritti civili. Coloro che si ispirano a principi di conservazione invece, ostentano con molta determinazione l’esclusività del principio di famiglia naturale, e di conseguenza rifiutano di prendere in esame il riconoscimento di forme differenti da quella.
In entrambi gli schieramenti gli argomenti sono sfumati e non monolitici: chi è favore della modernizzazione vuole attribuire più o meno riconoscimenti e diritti (un po’ meno di frequente, doveri) alle cosiddette coppie di fatto. Chi è a favore della conservazione intende più o meno sminuire questi riconoscimenti, a seconda delle preferenze sessuali espresse nelle convivenze o in base ad altri parametri come la durata del rapporto, l’interpretazione della Costituzione, l’esistenza (mitica, antistorica e pseudo-antropologica) di una presunta cellula naturale, e via dicendo.

Una cosa è certa però: l’asse intorno al quale ruotano i due schieramenti è assolutamente chiaro:

 modernizzazione contro conservazione.

Il Family Day dunque, e non solo per esclusione, è la manifestazione di chi si riconosce nello schieramento conservatore. E non potrebbe essere altrimenti, basta dare un’occhiata ai suoi promotori. Ma attenzione! Il problema non è la legittimità dell’esistenza di questi due schieramenti, quanto l’italica confusione che si genera intorno a manifestazioni di questo tipo.
Per quello che mi riguarda: vai al Family Day? Sei un conservatore. Non vai al Family Day? Se un modernizzatore.

Questa è la chiave di volta della futura Italia, non l’embrione di un Partito Democratico  che ostenta la convivenza tra Cattolici ed eredi della Sinistra tradizionale, per chissà quale motivo. Il Partito Democratico, se così intende chiamarsi, deve necessariamente ispirarsi a una visione modernista e laica della società italiana, e non può permettersi di avere al suo interno qualcuno che di modernizzazione non intende parlare. A chi giova sennò questa convivenza? La Bindi e Rutelli vogliono andare al Family day? Si accomodino. Ma per favore si uniscano a quelli che vedono in un principio di conservazione il futuro delle aggregazioni familiari italiane. Alcune comunità gay vorrebbero partecipare al Family Day? E perchè? Le lasciassero fare ai conservatori.

Questo paese ha oggi disperatamente bisogno di rendere evidente chi sta da una parte e chi sta dall’altra, e non ha bisogno della solita ammuina, non più.

Ma poi, facciano a modo loro.

Quello che purtroppo continuo a vedere, io che sono sposato e padre di due figli, modernista per vocazione, tra coppie gay in preda all’isterismo, associazioni cattoliche con nostalgie lefebvriane e tridentine, politici cialtroni che non sanno che fare o che peggio, lo sanno! quello che continuo a vedere è che in questo paese, alle istituzioni non è mai fregato un cazzo di niente, della tanto declamata, santificata, auspicata, e onorata famiglia.

State bene. Cyrano.

10 Responses to “Family Day: conservazione o progresso?”


cribbio
Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)