La proposta di Sofri è una cagata pazzesca

Care persone del Comitato per il Partito Democratico,

mi risolvo a scrivervi perché non mi riconosco nel disagio colto da chi già vi ha scritto una prima proposta. Il mio disagio è ben più grande e riguarda la natura stessa del Partito Democratico.

Sono decisamente un italiano, decisamente fra i venti e i quarant’anni, e ritengo che la politica italiana sia imbalsamata da una serie imbarazzante di atteggiamenti che accomunano e racchiudono, senza soluzione di continuità, tutti gli schieramenti attualmente rappresentati in Parlamento.

Ritengo inoltre che il Partito Democratico non sia un’occasione per restituire la giusta vitalità a una vita politica che va di pari passo con il Paese, un Paese in cui la questione morale non è mai stata veramente risolta.
Ritengo che sia un’inguardabile accozzaglia di idee, messa insieme alla meglio con l’unico obiettivo di conservare lo status quo.

Pertanto, no, non aumentate il già ridicolo numero di 45 "persone" (tutti nomi già visti e stravisti) che comporrebbero questa sorta di direttorio di una cosa che non trova accordi su alcun tema fondamentale, fra quelli che dovrebbero costituire un programma politico. Non rendetelo di 55, né di 65, 75, ma neanche di 35 o 25. Non coinvolgete nel vostro progetto – come in una riserva protetta, come le ridicole quote rosa – under 40 che fra vent’anni saranno come siete voi adesso.

Provate, piuttosto, a esprimere un leader, a prevedere quote per persone competenti, a recitare un ruolo politico diverso per questo misero paese che si ritrova, anche per colpa vostra, in una situazione di ridicola e estenuante campagna elettorale permanente.

Questa proposta, al momento, la firmo solo io: non fate il Partito Democratico.

4 Responses to “La proposta di Sofri è una cagata pazzesca”


  • O almeno aggiungeteci qualche bella figa..

  • Sottoscrivo fino alla penultima riga. Sottoscriverei anche l’ultima, se avessi un’alternativa concreta, verosimile e fisicamente realizzabile in tempi brevi, da proporre, ma al momento, a parte una dittatura illuminata o una catastrofe naturale, non vedo una soluzione plausibile ai mali italici. Il mio vero cruccio è questo: il PD mi lascia quasi indifferente. E’ quasi come guardare il dito, e non la luna.

  • Ma quale partito democratico?L’Italia non ha bisogno di altri partiti, ma di gente nuova!

  • Ricopio qui un mio commento ad un post che criticava l’appello di sofri per un motivo diverso. Va bene lo stesso.
    Io più che altro non ho capito perchè questo Adinolfi e Sofri e DIACO (santodio diaco) dovrebbero far parte di questo comitato. Comunque concordo che questa retorica sui 40enni (tutti molti bignardi e tres chic) che mancherebbero nel comitato è vomitevole quasi quanto il comitato.

    La questione poggia come sempre su un aspetto che è privo di qualsiasi interesse. Il PD è un aborto, l’aborto della modernità, della speranza della socialdemocrazia progressista in Italia e tutto questo perchè è totalmente privo di contenuti (concreti).
    Sono tutti “riformisti”, quelli che hanno l’ossessione di riformare tutto (quando, come, dove, in che direzione non si sa) pur di non dover “riformare” (nel senso militare del termine) se stessi.

    Quei pochi che hanno si vergognano anche a pubblicizzarli, vedi promozione della Lanzillotta nel comitato.

    Insomma, protezione del vaticanismo, abbandono della facciata laica avuta fino ad ora, con la scusa che sia tutto “laicismo esasperato”, privatizzazioni dei beni di prima necessità a manetta, disorganizzazione, improvvisazione interessi incrociati con “l’alta finanza” e poca volontà di far funzionare la giustizia.

    Insomma, Forza Italia. Ma non c’era già?

cribbio
Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)