L’uomo venuto con la Porsche bianca e il patto col Diavolo

Azouz che scende dalla Porsche Carrera bianca, con la giacca bianca e il pantalone bianco, a me fa venire i brividi. Dice il Corriere della Sera che sulla V aperta della camicia, forse bianca anch’essa, tra qualche pelo rado e la pelle scura, si stagliava un medaglione d’oro, uno di quello dei grandi divi e, dice sempre il Corriere, che quel medaglione era composto dalla fede nuziale e dalla foto del bimbo. Moglie e figlio di Azouz, quello della Porsche bianca, camicia bianca, giacca bianca e medaglione, sono stati trucidati a sprangate e a coltellate dai vicini di casa, qualche mese fa, nella tragedia delle tragedie, quel massacro di Erba che ha fatto impallidire pure Novi Ligure.

Azouz che scende dalla Porsche bianca davanti al Coconut, questo piccolo locale della provincia di Erba, e si ritrova con Lele Mora, col tronista Alessandro di Pasquale e il calciatore Gabriele Rodrighiero, mi fa attorcigliare le viscere come una stella filante soffiata perché l’avevamo detto, tutti quanti, che quello lì ce le aveva tutte per diventare carne da reality, l’avevamo detto subito, già alle prime interviste, mentr’egli si schermava dietro gli occhiali da sole a specchio, e poi pure dopo, l’avevamo detto, nei salottini televisivi di Mentana e Vespa, seduto sulle poltrone, intento a rispondere a domande cretine di giornalisti cretini, e l’avevamo definitivamente desunto ancora più tardi, quando cedette le immagini del funerale della famiglia per una cifra spropositata a un settimanale rosa. Tra il partito di quelli che in qualche modo deve pure campare e il partito di quelli che uno così si meriterebbe le fiamme dell’inferno, Azouz godone ha già stipulato il patto col Diavolo, dove il Diavolo veste anche lui di bianco, ha sfiorato la galera, vanta un paio di procedimenti penali in corso e si chiama Mora Lele. Mora Lele, di professione agente dello spettacolo, ha dichiarato che Azouz è un bellissimo ragazzo e che da cosa può nascere cosa, anche se nella televisione, per carità, la bellezza mica è tutto. Da par suo l’uomo che ha visto il proprio figlio e la propria moglie sciogliersi di sangue nel salotto di casa ha mangiato ostriche e pesce crudo, tutto rigorosamente offerto dal ristorante Coconut, gentilezza questa ben più che calcolata, se si pensa che per la magica serata il Coconut stesso ha fatto registrare il tutto esaurito e, addirittura, come racconta il proprietario, s’è dovuta rifiutare la prenotazione a decine e decine di richiedenti, e dopo essersi ripulito le labbra e aver rifiutato un amaro, l’uomo che da par suo ha visto il figlio e la moglie eccetera eccetera, non si è nemmeno negato agli autografi e alle fotografie, perché si sa cosa succede alla gente quando viene a sapere che c’è il divo sottocasa: rinuncia agli impegni e scatta foto ricordo.

Lui stesso, Azouz, ha dichiarato che Lele è un amico, me l’ha presentato Fabrizio Corona e mi è stato vicino nel momento del dolore, confessione, questa, che, dopo i soliti brividi, m’ha fatto pensare a un sacco di cose, quasi nessuna positiva, intanto a una, facile facile, che vi espongo immantinente: perché, nel momento del dolore e, nella fattispecie, nelle ore successive a un ematicissimo massacro che ha coinvolto tutta la tua famiglia, dai primissimi rami dell’albero genealogico fino alle ultime gemmazioni, ecco, perché in quei momenti lì, tra tante persone, al tuo capezzale di uomo finito dovrebbe accorrere Lele Mora? Perché questa cosa è successa? Come mai Lele Mora s’è tuffato nel dolore di un uomo? E perché quest’uomo, privato dell’intera vita sua da un paio di fendenti di coltello, avrebbe dovuto accettare, certograzieperchéno, i servigi d’una specie di Divino Otelma ripulito, piombato chissà come e perché mai in quel di Erba con alcuni cadaveri ancora caldi stesi sul tavolo di marmo?

Un’altra domanda che io vorrei porre a questo signore, a cui è andata tutta la mia partecipazione emotiva, mesi fa, mentre veniva accusato, solo perché extracomunitario, mezzo negro, parliamoci chiaro, d’aver massacrato lui i propri cari, un’altra domanda vorrebbe essere la seguente: Azouz, la Porsche Carrera bianca, ce l’aveva anche prima dell’assassinio della famiglia? Perché se la rispota è no, se la risposta è certo che no, la Porsche Carrera bianca è stato un legittimissimo contentino post-trauma, semmai consigliato dallo psicologo di Costanzo, se una strage di Erba qualsiasi porta nel garage del sopravvissuto una Porche Carrera bianca e un contratto con Lele Mora, vale a dire i medesimi servigi che arreca al fortunato la partecipazione ad un reality, allora io non mi sento tanto bene e posso dire con illuminata certezza che questo mondo avrebbe bisogno di una bomba atomica. (o, comunque sia, fatemi sapere a chi mi devo rivolgere per avere indietro la mia partecipazione emotiva)

18 Responses to “L’uomo venuto con la Porsche bianca e il patto col Diavolo”


  • Lo schifo comunque è, oltre che per lui, per le persone che hanno fatto fare al locale il tutto esaurito(o non sono uscite per protesta una volta saputo chi era presente), per godere così di riflesso lo spettacolo della carneficina.

    “Guarda, a quello gli hanno sventrato la famiglia. E che fico!”
    Brrr.

  • Azz, che bel post, davvero !
    Sono capitata qui dal blog di Luca Sofri.
    Per te c’è tutta la mia partecipazione emotiva (per il valore che può avere..).
    Ti ho letto con estrema attenzione, e totale condivisione.
    Complimenti !

  • Anch’io càpito qui venendo dal blog di Luca Sofri. Mi sembra un altro segnale della fine dell’impero. Solo che questa volta i barbari siamo noi, e nessuno ci salverà dalle nostra molle e disgustosa decadenza.

  • Io prima ai bimbi a scuola dicevo spesso “C’è crisi, grossa crisi”, ma ora ho cambiato e vado o su un più realista “Non ci sarà salvezza!” o su un tolkeniano “Il tempo degli uomini è finito”

  • Ma lo schifo deve essere per l’uomo in bianco o per il Corriere (e tutti gli altri con tv ecc.) che ce l’hanno messo sulla Porsche Carrera?
    Non sarebbe più terapeutico un sano chissenefrega?

  • Ma non sarebbe meglio ignorare queste storie invece che sfruttarle per fare questo piccolo moralismo da Donna Letizia? Con che diritto vi ergete a giudici di sto tizio che in fin dei conti non ha commesso alcun reato né danneggiato nessuno?
    In questo sfigato paese una volta tutti volevano fare il CT della Nazionale, oggi tutti vogliono fare i giudici.
    Non è che in realtà provate una sottile invidia?

  • No. niente chissenefrega davanti a questa cosa. e non solo per le scelte di azouz, ma, soprattutto, per l’atteggiamento di mora & co. non è più un ambiente “vip” godereccio alla briatore (figa e champagne e la festa è fatta) è un ambiente dove si annusano le tragedie…tipo gli avvoltoi sulle carogne. è un ambiente dove uno può dire che ricattava della gente e se lo mettono in galera fa la vittima.
    rivoglio un mondo normale. non il mondo delle fiabe. il mondo normale. pare troppo?

  • @Enrico
    Ma che invidia e invidia, scusa!
    Azouz rimane un disgraziato, al quale hanno rovinato la vita per sempre.
    Al tempo stesso ci sono degli sciacalli che cercano di guadagnarci su, illudendo di aiutare/consolare lui.
    S’è mai vista una Porsche Carrera che fa resuscitare i propri cari ??
    Sono solo amarissime constatazioni sui valori della vita, l’etica o come la volete chiamare, che si stanno sgretolando alla velocità della luce, e non da ieri, purtroppo !

  • azouz e lele mora, fabrizio corona e bettarini, coco e le veline non sono altro che lo specchio di questo paese. fatevene una ragione. le ragazzine e i ragazzini sotto casa di corona erano da prendere e mettere in istituto, per un lavaggio del cervello ma ahimè i valori non te li insegnano con la forza. nel 2007 l’italia è un paese che visto dalle parabole di Tirana fa venire l’acquilina in bocca al poveraccio di turno: se Azouz era in carcere un anno fa ed ora gira con la porrsche allora perchè non può capitare pure a me? se il capo dell’opposizione dice che paghiamo troppe tasse e quindi è meglio non pagarle bene! evviva! poi se c’è la buca in strada, l’ospedale senza soldi, i servizi per gli anziani azzerati tutti ad insorgere. nessun senso civico, proprio perchè si ignora tutto, a scuola d’altronde al massimo si studia fino alla rivoluzione francese e la costituzione è ancora un oggetto misterioso.
    tutti al billionaire, signori, tutti in suv, senza “neri” in giro, senza tasse da pagare e via così verso l’abisso

  • ” l’Italia non è un paese povero ma un povero Paese ”

  • emigriamo.PAESE di cacca, questo è. Che schifo.

  • Di stronzi è pieno il mondo.
    A volte gli uccidono la famiglia.

  • Preciso il mio commento, che potrebbe sembrare massimalista: nessuno merita ciò che è accaduto alla persona in questione, e certamente le vittime non avevano nessuna colpa. E’ solo una questione di intersezione tra insiemi. I mezzi di comunicazione ci fanno vedere di tutto, anche questo. Certo, se poi la tragedia fa audience e c’è chi paga per vedere il vedovo, c’è da esser tristi…

  • Ve la prendete tanto con questo Azouz, con Corona & Co., ma mi chiedo se andate a votare e per chi votate.
    Mi chiedo s evi stanno più a cuore i problemi del paese o i comportamenti bizzarri delle celebreties, i pettegolezzi sui VIP e le vergogne dei politici.

    Eh sì perchè di fronte a un Parlamento i cui siedono inquisiti e condannatti, di fronte a politici che, come si è visto e sentito, sono titolari di enormi conflitti di interesse, politici che invece di risolvere i problemi del paese, giocano al risiko finanziario e, pur avendo preso voti sulla base di certe idee, se la intendono con finanzieri inquisiti e di pessima fama, politici che addirittura esultano per scalate illegali, di fornte a tutto questo francamente che il sig. Azoiuz se ne vada in giro con la Porsche è ben poca cosa.

    Non me ne frega niente se il sig. Corona vende le foro dei vip a caro prezzo (per inciso non è ancora stato rinviato a giudizio epr alcun reato), non ho votato per lui.
    Me ne frega molto di più se colro che ho votato si rivelano dei “furbetti” da 4 soldi, più interessati ad arraffare capitali che non a difendere i miei diritti.

  • Dovete pensare ad un paio di fatti: a quest’uomo non fregava niente di sua moglie e poco di suo figlio.e ciò perché a nessun mussulmano frega niente di sua moglie. la donna è un pezzo di carne che deve loro obbedienza. chiuso. dunque non mi stupisce affatto. lei, la moglie,ha incarnato la depravazione tutta occidentale di una benestante terzomondista brianzola che si immola (contro ogni buon senso, qui la sua famiglia) sull’altare dell’altruismo sposando un poco di buono tunisino che non ha saputo riconoscere per quel che era accecata anche, certo, dal fatto che si tratta di un bell’uomo (o così dicono).
    su questa situazione si è innestato l’orrendo crimine de quo che gettato sotto i riflettori azouz. ma non avevo bisogno di questo episodio lelemoresco per sapere che era una personaggio spregevole. lo si era capito sin da subito. probabilmente si sarebbero separati da lì a 6 mesi.

  • Molto bene.
    I politici, il dissenso, le accuse di invidia (sì, sono molto invidioso di natura, è vero, ma non di Azouz. Sono invidioso di Federico Moccia, non di Lele Mora. Sono molto invidioso di Vieri, non di Fabrizio Corona), dopo tutte queste parole, dicevo, oltre a un ringraziamento a voi per il tempo che avete voluto spendere a leggere e a riflettere, noto che le due domande insite nel post restano insolute:

    1) : perché, nel momento del dolore e, nella fattispecie, nelle ore successive a un ematicissimo massacro che ha coinvolto tutta la tua famiglia, dai primissimi rami dell’albero genealogico fino alle ultime gemmazioni, ecco, perché in quei momenti lì, tra tante persone, al tuo capezzale di uomo finito dovrebbe accorrere Lele Mora?

    e 2) Azouz, la Porsche Carrera bianca, ce l’aveva anche prima dell’assassinio della famiglia?

    Saluti a tutti e nessuno sia mai invidioso di uno a cui hanno accoltellato tutta la famiglia. Tra l’altro io sono contro le automobili: fosse per me, benzina a 45 euro al litro a partire da domani mattina, altro che trucchetti per ribassare i prezzi alla Beppe Grillo.
    [Ste]

  • Stasera ero al Coconut è arrivato Corona su una porsche bianca e Azouz…poi mi pare che sarebbero arrivati anche Lele Mora e Riccardo Scamarcio…

  • Wazzup!

    What do you think about Apple Iogo? >:)

cribbio
Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)