Grosso guaio a Viale Mazzini

(A un tavolo lunghissimo sono sedute due persone calve)
– Il caso è serio.
– Certo ma…
– Niente ma. Il caso è serio.
– Tu che ne pensi?
Di culo
– Sì ma di culo come?
– Che vuol dire "di culo come"?
– Vuol dire "di culo come". Vuol dire questo. Significa: come lo dobbiamo inquadrare questo culo?
– E appunto! Un culo come vuoi che si inquadri? Di culo! Le fai girare, metti un videowall, non lo so!
– Non funziona…
– Cosa non funziona?
– Il videowall…
– Per Dio, era tanto per dire. Un videowall per inquadrare il culo. Le fai girare, fai venire la giuria… Un modo si trova…
– Te l’immagini?
– Cosa?
Mike che fa girare 45 miss di culo?
– …
– Diventa comico… E noi non vogliamo l’effetto comico.
– E quindi?
– …
– …
– Non lo so… Serve un’idea.
– Siamo qui apposta.
– Sì ma serve un’idea per la stesura della prossima scaletta, vale a dire entro questa sera…
– Merda…
– Già.
– Che dice il Direttore?
– Che vuoi che dica…
– Che dice?
– Niente dice. Come sempre. Sta di là a farsi i bigodini o quello che cazzo fa tutte quelle ore in sala trucco…
– Merda.
– …
– Potremmo…
– Cosa?
– No, niente.
– Dimmi.
(Fuori, intanto, crolla a terra un uomo. Un laureato suicida dal settimo piano: non ne poteva più di un contratto a tempo determinato da 650 euro lordi)



– Pensavo che potremmo demandare la cosa alla Goggi. Sai com’è: una donna che chiede ad altre donne di mostrare il culo agli spettatori sembrerà meno maschilista
– …
– Che te ne pare?
– E’ una stronzata…
– Perché?!
– Perché è una cazzata! Mike non accetterà mai. Non dopo quello che è successo
– …
– Ci mancava solo la soubrette isterica in diretta…
– Dai, la Goggi non è una soubrette.
– Quello che è… Ha firmato un contratto da…
– Se la chiami soubrette fai il gioco della sua polemica, no? S’è sentita insultata proprio perché Mike l’ha trattata da soubrette…
– E invece cos’è?
– Chi?
– La Goggi!
– Ebbè, la Goggi, dai, è una che ha fatto carriera in televisione, è una che ha lavorato con… Come si chiama… E pure quell’altro lì… Una delle prime donne a fare le imitazioni in scena… Insomma, la Goggi non…
– Dai…
– Ad ogni modo…
– Già…
– Come si risolve la questione?
(S’ode uno sparo in lontananza: un pensionato non ha sopportato che Mastella abbia potuto acquistare un intero palazzo al centro di Roma a 800mila euro, mentre lui dovrebbe pagare 750 euro mensili di affitto per un bilocale da 45 mq in periferia)
– Te l’immagini il Moige da domani sera? Già hanno rotto i coglioni
– Eh…
– Far girare le miss di Culo…
– … Dobbiamo trovare un modo per…
– … Ce ne diranno di tutti i colori…
– … E se le facessimo girare di culo, però più vestite? Semmai in jeans? Anche la Cassazione ha detto che se c’è il jeans non è violenza. Quindi figurati se…
– … E il maschilismo, e il femminismo, e le quota rose e le pari opportunità…
– .. Potrebbe sembrare meno… Meno… Come dire…
– … Vedrai se non tireranno fuori le statistiche sulle violenze sulle donne… Lo fanno sempre. Tirano sempre fuori quelle cazzo di statistiche…
– Se il problema è il rapporto Mike-Loretta, sbattiamocene le palle… Siamo noi gli autori, in fondo… O no? Facciamo fare alla Goggi e…
– … Come se le Miss concorressero per diventare donatrici di organi. O giudici di pace… E’ o non è un concorso di bellezza? E allora fuori il culo, perdio. Lo dice anche Tinto Brass
– … Cerchiamo di centrare il problema…
– E qual è il problema?
(I due si spazientiscono non appena dalla finestra trapela puzza di gas. E’ quello utilizzato da un insegnante che dopo 8 anni non riesce ancora a diventare di ruolo. La finestra viene chiusa)
– Il problema, seguimi adesso, il problema non è il culo o il non culo. Il problema è come farlo vedere senza che questo sembri maschilista, volgare, offensivo o altre menate.
– …
– Allora. Se dare la responsabilità alla conduttrice femminile non funziona, allora potrebbe essere tutta questione di inquadratura
– Di inquadratura?
– Di inquadratura!
– Come di inquadratura?
– Tipo: un culo in primo piano cos’è? È volgare? È maschilista? Va bene. E una panoramica, invece? Un totale su una decina di culi tutti insieme? Cos’è questo? Potrebbe sembrare meno volgare?
(All’improvviso un grande fracasso. Niente di grave: è solo la macchina di un parlamentare che procedeva da oltre un chilometro contromano. Stavolta è andata male è l’infrazione è costata la vita a una famiglia di quattro persone. Lui, il parlamentare, ovviamente sta bene e ha chiamato un’ambulanza col telefono "aziendale". L’ambulanza è già arrivata)
– Potrebbe sembrarlo, ma è volgare lo stesso
– E qui casca l’asino! Perché a noi non interessa! Se non sembra volgare, allora non è volgare! C’è appeso questo cartello, no, nell’ufficio del Direttore? O non c’è appeso? E sotto c’è una tavola di Milo Manara che richiama alla masturbazione femminile. Allora facciamo così!
– Facciamo masturbare le miss?
– Lo facciamo sembrare meno volgare, anche se in realtà lo è tantissimo!
– Quindi?
– Quindi inquadriamo i culi delle cazzo di Miss quando escono dalla scena, vestite in bikini o quello che è. Loro escono di spalle e noi facciamo vedere i giurati che prendono appunti… Si soffermano LORO sui culi delle miss, non noi. Noi facciamo solo capire che LORO si stanno soffermando sui culi delle miss.
– Prendono appunti sui culi delle miss?
– Massì! Funzionerà. Niente primi piani: faccio stampare subito i meme per i cameraman e poi vado dal regista.
– E’ un po’ macchinoso…
– Senti: o così o lo facciamo fare alla Goggi…
– Per carità. A Mike gli prende l’ictus.
(Un altro corpo precipita a terra. Stavolta è un operaio senza casco. Il suo lavoro non era considerato affatto usurante dallo Stato. Invece il barbiere del Parlamento sì. C’è una copia aperta del giornale su un tavolo e si legge che il barbiere del Parlamento è stato inserito nella categoria dei lavori usuranti – notizia vera ndr)
– Allora siamo d’accordo. Culi sì, ma non in primo piano.
– Benissimo.
– Ti vedo dubbioso…
– No, è che…
– Cosa?
– Mah… A me ‘sti culi mi piacevano.
– Tanto te li becchi quanti ne vuoi in camerino. Dal vivo. Non è meglio?
– Massì.
– E allora?
– Niente. Però facciamo vincere la 256.
– Siamo già d’accordo, mi pare.
– La 256 è stupenda.
– …
– Cosa?
– L’hai vista struccata?
– No.
– E’ sputata a Mike Bongiorno.
– …
– …
– Ok, passiamo al prossimo ordine del giorno.
– Qual è?
– Nella puntata di Porta a Porta dedicata all’arresto di Alberto Stasi, la bicicletta ci deve essere nello studio o non ci deve essere?
(Il sole si oscura per l’ultima volta: stavolta è un giornalista precario, perfino in regola con l’Irpef. Ha appena saputo che l’ex calciatore Coco ha percepito 1   m i l i o n e   d i   e u r o  per partecipare all’Isola dei Famosi)

0 Responses to “Grosso guaio a Viale Mazzini”


Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)