L’ultimo giorno di Servizio Civile

FineIl futuro è una palla di cannone accesa,
e noi la stiamo quasi raggiungendo
(F. De Gregori – I muscoli del capitano)

Strana cosa l’ultimo giorno. E’ quello che sai benissimo prima o poi dovrà arrivare e ti auguri sempre di non dover vivere. Di poterlo saltare, di poterlo dare per scontato e farne a meno, con tutto il suo carico di saluti, abbracci, lacrime, arrivederci e addii. Dovrebbe piovere sempre l’ultimo giorno.

Stamattina invece c’era un bel sole, quando sono uscito di casa un po’ in ritardo per indossare per l’ultima volta l’abito del Volontario. Come ogni ultimo giorno che si rispetti ho passato gran parte del tempo fuori, in giro per uffici a salutare e ringraziare i tanti volti che mi han fatto compagnia in questo lungo ma rapido anno. Ho fatto una scatola con le mie cose, di cartone blu, e vi ho riposto fogli, appunti, idee, cretinate e un dvd zeppo di progetti fatti e detti. Gli ho messo un bell’adesivo sopra con il logo del giornale che ho contribuito a portare avanti. E’ tutto là dentro, un anno della mia vita, da domani in libreria in bella mostra. Ho scattato delle foto, per ricordare e fissare i momenti uno ad uno: nel 2007 ero lì, con quella gente, con quel sorriso e quell’energia.

Ho fatto per l’ultima volta il mitico "giro della posta" attraversando quei corridoi e quelle stanze del Municipio altrimenti precluse al cittadino qualsiasi, incontrando grigi impiegati ormai a me noti. Ho salutato anche loro, con piglio malinconico, augurandogli buona vita e ricevendone indietro entusiasmo e speranza per me, giovine imberbe che da domani navigherà verso altre acque, lontano da incartamenti e burocrazie.
Niente brindisi, niente addii ma soltanto un arrivederci, che altrimenti ci si gonfia il cuore fino a scoppiare se si pensa di non rivedere più le persone con cui abbiamo condiviso tanto. La città, la nostra piccola città di provincia, ci consente di reincontrarci tutti prima o poi nella vita e sicuramente non mancheranno le occasioni per ritrovare vecchi amici in qualche bettola in centro. Salutiamoci così, come un giorno qualsiasi, senza pensarci troppo su che mi vien male. Magari poi, con calma, comprendo e mi rattristo, ma nel segreto della mia cameretta.

L’ultimo giorno è un po’ così, la fine di una fase e l’inizio di un’altra, il segnalibro di passaggio tra la pagina fitta di parole e idee e quella vuota, tutta da riempire. Poteva esserci il cielo grigio, un filo di primo freddo autunnale e qualche goccia, a rendere più cinematografico l’atto in se’ dell’uscire per l’ultima volta da una porta, richiudendola simbolicamente alle spalle. C’era invece caldo e sole e soltanto un uomo alla finestra che salutava con la mano facendo ampi gesti con il braccio mentre esitavo aprendo la bicicletta vicino al muro.
– Ci hai già ripensato? Torni indietro? – mi urla da lassù scherzando quello che in un ufficio normale avremmo definito capo ma è stato piuttosto un valido compagno di avventure
– No no, grazie lo stesso! Magari un’altra volta!
– Quando vuoi! – mi fa sorridente.
Mi giro, procedo spedito verso casa come ogni altro giorno sulla mia bicicletta nera. E non ho altro da dire su questa faccenda.

7 Responses to “L’ultimo giorno di Servizio Civile”


  • Io penso che invece il sole pallido ma ancora caldo di inizio ottobre, è stato particolarmente appropriato per questo saluto. 🙂

  • Si in effetti per il saluto si 🙂

  • L’ultimo giorno di servizio civile, mi guardavo le mani guantate e zeppe di sangue altrui, regalo della voglia masochista di non cercar scappatoie statalizie nonostante l’università in corso.

  • … ci sarà sempre un trolley ad aspettarci … e tante griffin-usb da riempire … qualche cazzata da dire … molte all star di sfuggita qua e là in giro sui ciotoli … magari anche qualche concerto – concertino – maratona musicale – 2 chitarre e una voce – un palco nell’erba e qualche festival … ma anche un po’ di sorridente malinconia per aver vissuto tutto questo, con gli occhi aperti (quasi sbarrati) per vedere da lontano se ricapiterà! thanks for all!

  • L’unico giorno di ferie l’ho preso proprio l’ultimo giorno del servizio civile, per non dover salutare tutti insieme…

  • mi sono quasi commosso, BUBU..
    mi è venuto in mente il mio ultimo giorno di servizio civile con Fausto che saluta!!

    bei momenti, bei ricordi

  • Come ti capisco Eugenio…. stesse sensazioni, un anno fa 🙁

cribbio
Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)