Questi magnano bignè e cacano rivoluzione…

Quando Berlusconi tornerà a  vincere le elezioni, almeno potrò dire che per un attimo ci avevo pensato. Perché a votare Partito Democratico, per un momento durato almeno tre settimane, ci ho pensato davvero. E ne ero anche abbastanza convinto, tanto da aver avuto alcune accese discussioni. Ma alla fine, avevano ragione loro. I compagni, quelli cresciuti a pane e partito. Quelli che non si arrendono mai nonostante i capelli bianchi, quelli che fanno volantinaggio alle manifestazioni che una volta portavano in piazza 10 mila persone e oggi sì e no 3 mila (vedi i 30 anni dalla morte di Walter Rossi sabato scorso a piazzale degli Eroi, a Roma).

E’ una questione di idee, coscienza o chissà cosa. Ma votare quelli lì non è pensabile. Sorvolando sulle ridicole diatribe su nome e collocazione nel Parlamento europeo del periodo che ha preceduto l’estate, l’unico sussulto si è avuto con il discorso di Uòlter dal Lingotto di Torino. E nonostante la mia speranza resti quella che sia lui a guidare la nuova formazione, caro Uòlter, io non posso proprio. Non posso votarti. Perché non posso votare il nipote di Gianni Letta così come non posso votare i cattocomunisti alla Bindy, che tuttavia non è nemmeno male se penso al resto delle quote rose che si stanno facendo strada, dalla Melandri a Lilli Gruber, passando – sic – per Veronica. Ma dico, Uòlter, ma come solo ti viene in mente una cosa del genere? Vabbè che in questi anni a darle il patentino di donna liberal e impegnata ci avevano pensato prima Micro Mega e poi Repubblica, espressione mediatica dell’intellighenzia di sinistra fatta di aperitivi all’aperto sulle terrazze di Trastevere, foulard colorati, registi brizzolati, catering di cibo arabo: mi convincerete nel momento in cui avrete il coraggio di affermare che un felafel è meglio di una pizzetta o di un tramezzino. Ma questa sulla donna del Berlusca è peggio – o forse no – di Fassino che lecca il culo a Marchionne.



Suvvia, guardiamoci in faccia compagni e parliamoci chiaro: sta tutto nella semplicità della vita. Beppe Grillo, i blog, le magliette, le primarie, i girotondi, la partecipazione democratica. TUTTE CAZZATE. Tutta gente senza ideali, tutta gente che arriva dai salottini della sinistra, professionisti che per avere la coscienza a posto iscrive i figli al Mamiani. "Questi mangiano bignè e cacano rivoluzione", come dice un mio amico camerata. E c’ha ragione. C’ha ragione perché loro sono la conventicola, sono uguali agli altri, sono la casta, mantengono privilegi a cui non vogliono rinunciare, adottano bambini a distanza per raccontarselo durante le cene a tema. "Io ieri ne ho preso uno in Birmania", già le sento quelle vecchie befane che fanno a gara a chi è più solidale mentre affondano i denti di ceramica nel cous cous. Ma un giro a Napoli, a Roma o a Palermo se lo sono mai fatto? Probabilmente no perché il fine settimana lo passano a Capalbio. Basta con questa ipocrisia: a loro delle istituzioni, della Costituzione, del pacifismo NON GLIE NE FREGA UN CAZZO. Come non glie ne è mai fregato prima.

Con questa gente – descritta in maniera superficiale e confusa lo ammetto – sento di non avere nulla da condividere. Così come sento di avere poco da condividere con l’operato del Governo in carica. Mi sono convinto di una cosa: non sarà certo un periodo storico di dieci-quindici anni a determinare i cambiamenti sociali dell’Italia. Di conseguenza, visto che non siamo in tempo di guerra, il concetto di elezioni (soprattutto con questo tipo di sistema antidemocratico) perde di significato. E io ho deciso che non li voto – nemmeno alle primarie – perché non mi rappresentano né rappresentano quello in cui ho sempre creduto e a cui non vedo motivo per rinunciare. Proprio oggi si apre una settimana importante: nelle fabbriche cominciano le consultazioni tra gli operai sul collegato del Welfare. Mi sento molto vicino in questo momento ai lavoratori della Fiom, ora al centro del mirino dei nostri eroi, e anche se il No raggiungerà il 25% auspico che il Governo Prodi cada e faccia un bel tonfo. Nella Finanziaria che stanno portando avanti manca ancora una volta un segnale di discontinuità con il passato. Se Montezemolo applaude e Mirafiori fischia, da qualche parte si cela l’inculata. E io non voglio essere complice.

[Questo post ha una dedica triste: ciao Luca]

1 Response to “Questi magnano bignè e cacano rivoluzione…”


  • Oggi a pranzo dicevo più o meno le stesse cose a mia nonna e lei mi ha risposto che pure lei ci stava seriamente pensando. La farmerà [forse] solo il fatto che lei e molti con lei hanno lottato, duramente, per ottenere il diritto a votare.
    Ma questi pare siano [quasi] invotabili anche per quelli come lei, se capisci che intendo.

cribbio
Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)