Un quesito ingegneristico

Oggi sono andato al terzo (e ultimo) colloquio presso una famosa multinazionale in cui spero di lavorare.
Ero molto curioso, dati i due incontri precedenti precedenti: nel primo mi hanno fatto raccontare le mie ultime vacanze in inglese, nel secondo usavano 2 parole in inglese e 2 in linguaggio strettamente tecnico ogni 5.

Infatti le mie attese non sono state deluse: i miei interlocutori erano due tecnici della filiale e il colloquio è diventato una specie di esame universitario.
Dopo un primo approccio tipico (studi superiori/universitari, accertamento delle mie conoscenze) si è passati a domande per testare la mia capacità di problem solving, per poi concludere con un quesito che giro a voi perché veramente assurdo e forse fuori luogo.

(vi porrò la domanda pari pari a come è stata posta a me, nel seguito troverete la risposta)

"Ipotizziamo che il raggio della Terra sia di 6000 Km per semplicità di calcolo.
Immagini di svolgere un filo lungo l’equatore in modo che sia aderente alla superficie in tutti i suoi punti (ovviamente perfettamente sferica).
Ora prendiamo questo filo, aggiungiamo 1metro alla sua lunghezza, rendiamolo di nuovo perfettamente sferico e stavolta anche rigido. Rimettiamolo attorno all’equatore in modo che in ogni punto sia equidistante dalla superficie.
La domanda è: un gatto riesce a passare sotto tale filo?"


Su due piedi stavo per ridergli in faccia.
Seriamente, facevo fatica a stare serio.
Attenendosi strettamente a ragionamenti teorici la risposta è no, 1 metro è infinitesimo rispetto 6 milioni di metri.
Poi ho cominciato a fare i seguenti calcoli:

circonferenza all’equatore (C1): 2πR

circonferenza del filo rigido (C2): 2πR+1

raggio di C2: (2πR+1)/2π = R+(1/2π)

Ovvero il secondo raggio è più lungo del primo di 1/2π metri, ovvero circa 16 centimetri.
Ovvero il filo è sospeso dalla superficie di 16 centimetri in qualsiasi punto.
Quindi il gatto passa, eccome se passa.

Soddisfazione dei due tecnici e "le faremo sapere". Eravamo già tornati alla routine.

9 Responses to “Un quesito ingegneristico”


  • Notevole.
    (e “bravo!”, ovviamente)

  • Il problema è molto simile ad una discussione che ho avuto qualche anno fa, che riportava più o meno:
    Ammettiamo di voler fare un giro turistico intorno ad un lago: visto che si circola a destra, chi procederà in senso orario farà meno strada di chi invece sceglie il senso opposto. Ma di quanto?
    La prime intuitive discussioni portavano a dire che dipendeva da quanto era grande il lago: in realtà, come hai scoperto visto che le formule sono le stesse, dipende esclusivamente da quanto è larga la strada!

  • Scusa ma n=Pigreco no ?? Oppure la geometria non me laricordo più?

  • d’altronde ci sono 10 categorie di persone: chi comprende il sistema binario e chi no.

  • Scusa…..probabilmente a causa della mia ignoranza…..ma io li avrei mandati A CAGARE!

  • strano a dirsi, il professore di francese al secondo liceo ci fece questo quesito preciso identico. e la riposta è corretta.
    a quanto pare è un classico nei colloqui ed è più difficile riprendersi dalla stranezza della domanda che la risoluzione stessa

  • Tra l’altro faccio notare come sia stato bastardo da parte loro specificare il raggio della terra, dato totalmente inutile ai fini del calcolo!
    @Paperolibero: è un pigreco, colpa del font se sembra una enne…

  • Un buon esempio di risposta controintuitiva, dato che senza fare calcoli la stragrande maggioranza degli interpellati stimerebbe pochi millimetri di variazione nel raggio e risponderebbe no.

    Come quando si chiede quanto potrebbe diventare alto un foglio di carta ripiegato su se stesso 50 volte (tralasciando l’impossibilità meccanica della cosa, per quanto grande sia un foglio è molto difficile ripiegarlo più di 7 volte) e si prova a dare degli ordini di grandezza: quanto la statua della libertà? Quanto l’empire state building? Quanto il monte Everest, o ancora di più? In genere i più arditi si fermano al monte Everest convinti di aver esagrato e invece l’altezza di questo incredibile origami supera abondantemente la distanza Terra/Luna 🙂

  • Per arrivare sulla Luna bastano 44 pieghe su se stesso di un foglio, l’ho letto poche settimane fa sulla Settimana Enigmistica!

cribbio
Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)