Il tempo delle mele

 

Scenari da discoteca minorenne sabato scorso al Covo, location del concerto dei brasiliani Bonde Do Role. All’arrivo età media molto bassa ed io che mi sentivo parecchio a disagio, ma poi é arrivata la svolta, il segno premonitore, l’avvenimento che ha spazzato via ogni timore. Prima che si aprissero le danze, infatti, ho visto un tipico neoalternativo provarci spudoratamente con una ragazza. L’ho visto fare di tutto per ammaliarla e l’ho visto arrivare ad un passo dalla conclusione. Mancava poco ed ormai era quasi fatta, facevo addirittura il tifo per lui, ma ecco l’imprevisto. Come un qualsiasi Mauro Repetto versione video di Come mai le ha rovesciato addosso il cocktail, scatenando la sua ira funesta e giocandosi in un colpo solo tutte le possibilità di successo. Era davvero il 1994 e a quel punto ho capito che sarebbe stata una gran serata.

Come nelle migliori tradizioni i Bonde Do Role sono arrivati sul palco a mezzanotte, ed è stata subito festa. La band è assolutamente minimale ed è composta da due vocalist ed un corpulento dj identico a Fat Mike dei Nofx, la loro musica è un collage di samples riconoscibilissimi (che talvolta sono in realtà vere e proprie scorie, come il campione preso da The Final Countdown degli Europe o quello preso da un qualunque singolo degli U.S.U.R.A, glorioso progetto eurodance che dodici anni fa partendo da Padova ha conquistato l’Europa grazie ad una manciata di supersingoli tutti uguali ed intercambiabili), roba talmente tamarra da risultare favolosa. Nessuno suona nulla, nessuno sa cantare bene ed é questo il bello.

I Bonde Do Role si prendono poco sul serio ma sono riusciti per un’ora nel miracolo di far ballare e divertire la gente. Somigliano a dei Bran Van 3000 cresciuti a Curitiba ascoltando solo il metal più ignorante e sul palco sono degli autentici invasati: saltano, ballano, bevono fiumi di birra e spesso si ricordano anche di cantare, riuscendo a trasmettere gioia e positività. Ci credono parecchio e si meritano proprio tutto il seguito che stanno riuscendo ad ottenere. Quando è partita Solta O Frango è stata l’apoteosi: tutto il pubblico pagante era felice e la cantava in coro, sembrava davvero che non fosse possibile trovarsi in un altro luogo all’infuori del Covo. Bei momenti.

Il concerto è finito troppo presto ma comunque c’è stato anche spazio per un bis, da loro eseguito dopo essersi nascosti per qualche minuto sotto la console di dj Fat Mike per mantenere viva la tensione e simulare l’effetto sorpresa al momento loro rientro. Sentendoli su disco, non mi aspettavo che roba del genere potesse essere resa live in maniera quantomeno decente ed ero praticamente certo che si sarebbero rivelati una band-pacco, ma mi sono dovuto ben presto ricredere. Con somma soddisfazione, tra l’altro.

La morale, quindi, è che nella vita non bisogna mai avere dei pregiudizi. Le apparenze ingannano.        

 

3 Responses to “Il tempo delle mele”


cribbio
Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)