Dietro ogni grande uomo c’è un ghost writer

È l’ultima moda tra i vip. Spesso costretti a districarsi tra shopping e vita mondana, sempre inseguiti da paparazzi e giornalisti. E quando questi ultimi chiedono interviste? I vip non hanno tempo e il pericolo della gaffe è sempre dietro l’angolo. Che fare allora? La novità è il ghost writer per interviste.
Vive nell’ombra. Spesso indossa una maschera e corteggia la Stella della Senna. Il più famoso di loro è il Tulipano nero, ma non era reperibile. Troppo impegnato a scrivere le interviste di un famoso presidente. Americano. L’altro è Simcam. L’ultimo suo impegno è stato sostituire Luigi Berlusconi per la rivista Style.
Ecco alcuni stralci dell’intervista rilasciata dal finto Luigi per il mensile del Corriere.


Non sarà per caso un bamboccione?
Buongiorno anche a lei! Lo dice in termine spregiativo. Noi bamboccioni abbiamo anche tante belle qualità. Guardi qua, ad esempio: se mi preme i polsi, riesco ad inviare sms e a cambiare canale; se mi preme sul cuore, dico "Ti voglio bene!"; se preme più in basso, scoreggio. Ma questo è un difetto, un errore facilmente risolvibile nella versione 2.0. E i bambini adorano noi bamboccioni.

Bamboccione alla Padoa Schioppa: uno che non si scolla dalla casa di papà neppure a spingerlo fuori.
Veramente io me ne sarei anche andato da casa di papà. Ma è talmente grande che mi sono perso. Pensi che abbiamo pure un vulcano.

Durante lo stage faceva anche le fotocopie? Portava il caffè?
Beh… ricordo una stagista americana che faceva cose molto peggiori.

Papà che dice: contento?
Lui è sempre contento. Per via del lifting, sa? Con tutto quel tirare, ora ha sempre il sorriso.

Una fortuna, questa passione per la finanza. Mettiamo che avesse voluto fare il pittore o il ballerino. Come l’avrebbero presa a casa?
Ma io ho sempre voluto fare tutte queste cose! Non per niente sono figlio del presidente operaio. Io sarò il primo finanziere ballerino.

Com’è andata a scuola con la scorta?
Molto bene. A parte sedersi tutti nello stesso banco.

Qualche fregatura l’ha mai presa?
Come no! Ma tutte le mie fregature avevano i capelli biondi.

Amici comunisti?
Ne avevo, cosa crede? Quando andavo a scuola. Non ci si chiamava tutti compagni?

E la tv? Ha mai pensato di andarci a lavorare?
La guardo. Soprattutto i programmi di Costanzo e del marito. In quanto a lavorarci, non so se sarei in grado. Forse se qualcuno insistesse…

D’accordo, niente tv. E quando prendono in giro suo padre che fa? Cambia canale?
Scherza? È il suo bello!

Il limite qual è?
Ma guardi, fosse per me, fino alla coprofagia tutto fa ridere.

È successo?
Della coprofagia?

La diverte anche Grillo quando chiama suo padre «psiconano»?
Buhahahahaha!

È nato il nuovo Partito del popolo delle libertà: meglio un padre presidente del Consiglio o che sta all’opposizione?
Nel suo nuovo partito, mio padre andrà oltre. Occuperà entrambi i ruoli.

L’ultimo no detto da suo padre?
Recentemente gli ho chiesto se Gasparri finge di essere così.

Mai avuto paura che i suoi divorziassero?
No. Mio padre ha metodi molto persuasivi.

E la lettera che sua madre ha scritto a Repubblica?
In effetti quella lettera non l’ha scritta proprio mia madre. È opera di un ghost writer per lettere di mogli di premier.

Che rapporto ha con i soldi?
Ottimo. A volte sembrano proprio piovere dal cielo. E per questo che mi chiedo il perché tanti italiani si lamentino.

Mai fatto a botte?
Oh sì. Le mie guardie del corpo hanno fatto un ottimo lavoro.

Come deve essere una ragazza per avere qualche chance con lei?
Rossa. E aprire tanti circoli della libertà.

Cosa non dovrebbe fare Francesca?
Niente. Lei è sempre a casa che aspetta me.

È molto corteggiato?
Assolutamente no. Non è facile per una ragazza accettare che il proprio ragazzo sia schifosamente ricco, girare su macchine potenti e frequentare solo posti d’élite.

Questa è una bugia…
Lo so. Ma volevo dare una speranza a tutti gli altri.

L’eredità Agnelli sta scatenando una battaglia giudiziaria: è il destino delle grandi famiglie?
Non sarà mai un problema. Secondo lei è più difficile spartirsi un tozzo di pane o l’intero panificio?

Convivenza o matrimonio?
Matrimonio di convenienza.

È stato a Lourdes. È credente?
Sono stato a Lourdes e credo che quella città abbia bisogno di un ospedale più grande. È pieno di malati.

Mondanità?
Mi segue ovunque vada.

Ce l’ha l’inno di Forza Italia, anzi del Partito del popolo delle libertà, nell’iPod?
Nella versione remix di Brian Eno. Lo stesso Eno si riunirà ai Roxy Music a breve per creare il nuovo inno del Popolo delle libertà.
 
Con i paparazzi come se la cava?
Ho imparato da mio padre. I paparazzi sono insopportabili, finché non ne hai bisogno.

Quando si vede sui giornali che effetto le fa?
Lo compro. Il giornale, l’edicola, l’intero editore. Che ci vuole fare? È un vizio di famiglia.

Dicono che sarà lei il prossimo presidente del Milan.
Detto tra noi, è più facile che mio padre venda l’Italia piuttosto che lasci il Milan.

Mai vista una partita dalla curva?
Sì. Quella volta tutto lo staff dirigenziale volle assistere al derby in curva. Non ho mai sentito tante parolacce e insulti irripetibili. E venivano tutte da Galliani. Persino la frangia più estrema della Fossa dei leoni si è dissociata.

L’ultimo libro letto?
Delitto e castigo. In famiglia lo adoriamo.

Tra gli statisti stranieri che ha avuto occasione di incontrare qualcuno è particolarmente interessante?
Vladimir Putin. Un uomo dal cuore buono. Dentro il corpo di un serial killer.

C’è un politico che secondo lei rappresenta i ragazzi?
Tremonti. Ha la faccia di chi è stato troppo tempo davanti alla playstation.

Lei è un privilegiato. Cosa ne pensa dei precari?
La mia sarà una generazioni di precari. Questo è quello che ho capito. L’importante sarà avere una famiglia ricca dietro le spalle.

3 Responses to “Dietro ogni grande uomo c’è un ghost writer”


cribbio
Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)