Ma anche no

Dice che le candidature del PD sono un primo esempio di traduzione concreta del “ma anche” veltroniano: l’imprenditore un po’ becero ma anche il sopravvissuto della Thyssen-Krupp, il teorico (uno dei teorici) dell’abrogazione dell’articolo 18 ma anche la precaria del call center. Mi pare invece che tradiscano, nella sostanza, un’inclinazione politica tutto sommato unidirezionale.



I Calearo, gli Ichino: si tratta di persone ferrate nei rispettivi ambiti di competenza, imprenditori o professionisti che conoscono il mondo in cui si muovono, che hanno visioni e chiavi di lettura codificate, obiettivi, e mezzi intellettuali o materiali per perseguirli. L’operaio Thyssen, mi si perdoni la vena di classismo, una volta eletto si troverà a vivere come un alieno catapultato sulla terra, una foglia al vento della disciplina di partito, incapace di muoversi nel contesto in cui gli verrà chiesto di prestare servizio. Ieri mattina ho visto Fabrizio Rondolino in televisione: pare che stia producendo un film-documentario sull’incidente di Torino. Diceva che i lavoratori della Thyssen “fanno” gli operai senza però “essere” operai. Senza scomodare concetti come la coscienza di classe, ché poi mi si accuserebbe di ragionare secondo categorie superate (e io credo che siano sempre meno superate, ma non è questo il punto che mi interessa in questo momento), Rondolino li descriveva come persone non in grado di riconoscersi come centri di interessi specifici e omogenei, giovani uomini che svolgono un’attività lavorativa al prevalente scopo di mantenere le proprie aspirazioni da tronista. Il che, naturalmente, non ne fa individui indegni in assoluto. Poco adatti alla rappresentanza politica dei lavoratori in quanto tali, questo credo di sì.

Volendo trovare un “ma anche” da contrapporre al braccio economico e a quello intellettuale di Confindustria si sarebbe potuto scegliere, faccio il primo esempio generico che mi viene alla mente, un sindacalista di esperienza. Così non è stato, almeno per quanto mi risulta. Per questi motivi le candidature di Calearo e Ichino mi paiono fatti sostanziali, che contribuiscono a definire gli orientamenti politici del PD; l’operaio della Thyssen e l’operatrice del call center sono candidature di facciata, santini acchiappavoti, giusto una mano di vernice alle pareti. Molto più simili, per ruolo e significato, alle soubrette candidate dal centrodestra. Se ci si chiede quale sia la strada che il Partito Democratico intende percorrere, e si ha la pretesa di trarre indicazioni di massima dalle candidature, si devono considerare gli Ichino e i Calearo, mentre si possono tranquillamente tralasciare gli operai, che finiscono per essere figure puramente simboliche, e nient’altro. Niente di male, basta rendersene conto e trarne tutte le conclusioni del caso (più facile a dirsi che a farsi però, visto che le candidature di facciata sono strutturalmente indirizzate, quasi per definizione, ad impedire questo genere di presa di coscienza). Resta però l’impressione che lo scollamento tra politica e questioni concrete, nel momento in cui la prima decide di porre l’accento sui simboli (cioè il massimo livello di astrazione) più che proporre contenuti, abbia raggiunto il suo grado massimo, ormai anche a sinistra.

0 Responses to “Ma anche no”


Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)