Monthly Archive for April, 2008

Questa è la storia di un piccolo fascista



Volevo tacere sulla mazzata elettorale. Volevo sinceramente tacere su qualsiasi discorso riguardasse, anche da distante, la politica.

Mentendo, pensavo: non ci resta né di che ridere né di che piangere (sul latte versato, poi, per carità).
Ma oggi la buona Pep. ha segnalato via mail un video agghiacciante, quello che vedete qui sopra.
E mi si è stretto lo stomaco. Sono stata davvero, davvero male.
Per lui, il bambino modello Kinder che canta tutto contento, il braccio destro teso, davanti alla bandiera di Alleanza Nazionale. Che pronuncia – senza capirle – parole di cui non dovrebbe neanche dovrebbe conoscere l’esistenza: spranghe, manganelli, morte, ammazzare, bastardo.

Dici, queste cose accadono. Il neo-Balilla intonerà con la stessa fanciullesca idiozia "Boia chi molla" e la sigla dei Pokemon. Non è colpa sua perché non sa. Non ha studiato. Se va bene, sta in terza elementare: a Mussolini il sussidiario arriva in quinta, lui sarà sì e no alle guerre puniche.
Ma tutto questo entusiasmo per le parole che non dovrebbe sapere (spranghe, manganelli, morte, ammazzare, bastardo) qualcuno gliel’ha ficcato nel cervello, a memoria.
Allora quello che più gela il sangue non è il testimonial dell’Orzobimbo piantato davanti alla bandiera.
Sono i figli di puttana dall’altra parte, dietro la telecamera, a compiacersi di quel figlio così allineato. Quelli che lo fanno sentire importante, e amato, per aver assorbito come una spugna la loro bieca visione del mondo.

Ora. Che passi attraverso giochi sessuali o il vocabolario, lo stupro dell’innocenza andrebbe punito legalmente – più ancora delle scene di bullismo scolastico, degli studentelli in piena botta ormonale che allungano le mani sul tanga della prof, più di quello stronzo che si riprende col cellulare mentre sfiora i duecento all’ora in autostrada. Perché è pura e semplice pedopornografia. Perché è lo squallore nudo dell’odio più osceno piantato in una testa che non ha le basi per comprenderlo, per difendersi, e se lo ingoia fino all’ultima goccia senza neanche riconoscerne il gusto. E lì, purtroppo, rimarrà per sempre, a soddisfare le voglie di due individui schifosi che nella stessa stanza – riesci a immaginarli? – oggi hanno sorriso di quella recita.
Pieni d’amore.
Orgogliosi di avere un figlio così dolce mentre parla di far saltare teste rosse e ammazzare bastardi comunisti, il loro piccolo fascista che presto o tardi diventerà grande e annegherà i figli nella medesima ideologia.

E adesso più che mai ti rendi conto che, in questa marcescente e putrida ignoranza, in questo vomitevole museo degli orrori, la Storia maestra di vita non ha mai lavorato un solo giorno.

Pietrelcina Revolution.

(due sono davanti alla tv. Uno ha il saio, l’altro no)
– Vedi, è questo il problema: guarda come appaio brutto…
– Brutto?
– Brutto.
– Ma brutto come?
– Guarda qui. Guarda che roba. Le rughe e quel pizzetto… Questi pensano che sono davvero un santino… La gente pensa… Io non lo so mica cosa si sono messi in testa questi scriteriati…
– E’ una vita che la vedono così, signore. Lei è un’icona, prima di tutto. Lei è…
(l’uomo col saio si batte tutte e due le mani sulle guance. Con forza)
– Ma questa è la mia faccia, questa! Non quella del santino, delle figurine, delle bandierine, delle bandanine, delle iconine. Per chi mi hanno preso, tutti quanti? E per chi mi hai preso TU? T’ho chiamato apposta, non mi fare pentire…
– Però, signore, la guardi la gente com’è contenta… Come sono tutti… Tutti… Ecco, sereni. Sì: sono tutti sereni…
– Bof…
– … Guardi, guardi i bambini, guardi gli anziani, le persone in carrozzella. Guardi! Guardi come fanno la fila, come aspettano pazienti il proprio turno…
(l’uomo col saio si dà una spinta coi piedi e la sedia su cui è seduto fa una piroetta all’indietro, allontanandolo dallo schermo)
– Ma stanno guardando un pupazzo. Un pupazzo di silicone
– … E poi guardi i giovani… Quante persone piene di felicità! Quanta gioia! Guardi quanta serenità, Padre! Quanta… Quanto…
– … Quanto SILICONE! Quello un pupazzo di silicone è! Mettici una bambola gonfiabile e avrai la stessa gente "felice". Silicone per silicone…
– Padre, signore, ma lei deve pensare al fine, non al mezzo… Al mezzo ci pensiamo noi: è il nostro lavoro. Lei si goda soltanto i risultati.
(Padre Pio torna vicino al televisore trascinandosi coi piedi bitorzoluti avvolti da sandali)
– Credi che dovrebbe piacermi questo risultato?
– Con Gesù Cristo ha funzionato. Il Cristo rappresenta ad oggi la nostra maggiore soddisfazione. Lui ha avuto la lungimiranza di non curarsi dei mezzi ma di godersi solo del fine: ha lasciato fare a noi e adesso guardi…
– Io guardo e quello che vedo è una marea di ipnotizzati senz’anima.
– Ma è proprio questo il cuore della pubblicità, signore…
Anima un bel niente! Guardali! Dico: guardali. Piangono! Ridono! Si strappano le vesti! E che ne sanno di me? Ecco tutto quello che sanno di me, ecco tutto quello che hanno: uno stupido, ridicolo, insulso fantoccio. (Il frate si alza dalla sedia e comincia a camminare in tondo. La sua figura è imponente, la voce leggermente afona, però severa. Il piccolo burocrate incravattato prova a seguirlo: si alza a sua volta, con il suo catalogo in mano, e cerca di assecondarne il passo)
– La gente ha bisogno di…
– Sì, sì: la solita storia: la gente ha bisogno di questo, la gente ha bisogno di quello e noi glielo diamo. Noi siamo qui apposta, eccetera eccetera.
L’Azienda Chiesa, Padre…
L’Azienda Chiesa
– Lei è stato frate e sa che…
– Io sono stato frate perché sono cresciuto tra frati e istruito da frati! Fossi nato tra postini sarei diventato un postino.

Continue reading ‘Pietrelcina Revolution.’

Fini, a Roma nun fa’ er gaggio.

FiniL’artro pommeriggio Gianfranco Fini ha deciso de fa’ er gaggio. Ha scerto de fasse ‘n giro da le parti de Boccea, che un po’ sò pure le parti mia, pe’ tirà la volata a Gianni Alemanno alla corsa ar Campidoglio. Famo subbito chiarezza: io Gianni Alemanno nun l’ho votato pe’ la storia mia perzonale, però Gianni Alemanno, pure che nun è romano come sottolinea sempre Rutelli er cicoria – ‘n antro che je piace da fa’ er gaggio – nun c’aveva bisogno de ‘ste goliardate.

Sì perché er grande  – grande co li piccoli e piccolo co li grandi – Fini s’è messo a strigne le mani dei passanti. Allora è passato er penzionato che voleva più sordi pe’ la penzione, poi è passata la mamma che chiedeva l’asili nido, poi è stato er turno der vigile urbano che voleva la pistola, er tabbaccaio che reclamava sicurezza e la signora cor cane che je voleva fa’ solo ‘n saluto. A ‘na certa so’ passati pure du pischelli cor motorino che j’hanno fatto er braccio teso perché a Boccea ce so’ tutti negozi d’ebbrei. Li fasci veri a Roma je rimproverano, a Fini er gaggio, d’esse annato a piagne a Gerusalemme e de avé rinnegato er fascismo.

Inzomma, dopo tutto ‘sto bagno de folla, er gaggio (pe’ comodità mo’ lo chiameremo così) a ‘na certa ha deciso de fasse grosso. Così s’è avvicinato a du venditori ambulanti de accendini, du eggiziani, e j’ha chiesto er documento. A gaggio ma che te sei messo pure a fa’ la guardia? A gaggio ma che nun ce lo sai che tu nun li poi chiede i documenti a ‘n antra perzona? Li du poracci, spauriti e circondati dalla folla che sbraitava insurti, j’hanno fatto vedé la carta d’identità e er gaggio ha rosicato: «Me sa – ha detto pure divertito – che voi due sete l’unici in regola in città». Er gaggio allora è annato a fasse ‘n giro ar mercato der quartiere e lì tra chi je avrebbe voluto tirà du carote e chi je regalava du mele – du arance sembrava brutto – ha incontrato n’antri du negretti, seduti ar bar. Pure a questi allora j’ha chiesto li documenti. Uno ce l’aveva, l’artro se l’era dimenticati a casa: «Voglio vedé – ha detto er gaggio – se funziona la legge mia, ma me sa che nun è così… Nun è possibile che tutti c’hanno ‘sto permesso, me sa che se lo comprano». Bella figura c’hai fatto a gaggio, nun sai manco come funziona la legge tua.

Fortuna che hai fatto la fine che meritavi, da gaggio a comparsa de la politica. Me sa che facevano bbene li du pischelli sul motorino che te ‘nsurtavano. Manco Alemanno s’è fatto vedé in giro co’ te. Pensace a gaggio, alla fine che hai fatto.

Continua pure a sognare

Mi dicono che Berlusconi ha ricevuto Ciarrapico, che non ha mai preso le distanze dal ventennio fascista, a palazzo Grazioli e questo nel momento in cui gli italiani festeggiano il 25 aprile, giorno della liberazione dal nazifascismo. E’ un segnale politico che segna profondamente la distanza tra un gesto di questo genere e tutti gli italiani che festeggiano una grande festa di libertà. Spero che per molti elettori questo significhi qualcosa. Si tratta di un atto di spregio nei confronti della democrazia.

Walter Veltroni

No Walter, bisogna che te lo metti in testa una volta per tutte: agli italiani della democrazia, del senso dello stato, delle istituzioni, non gliene frega una beata fava. E dire che l’hai visto da te no? Apri gli occhi e renditi conto. Ma se c’è un ministro che si bea di fare una legge porcata e va al primo telegiornale nazionale a insultare i musulmani qualcosa vorrà pur dire caro Walter no? Vorrà pur dire se sono il terzo partito in Italia e li hanno votati persino i comunisti? Eh.

Ferrara-Bolzano 2008

I lettori ferraresi probabilmente si ricorderanno della strana coppia che, la scorsa estate, se ne andò in bici da Ferrara fino a Capo Nord. Quest’anno, il più fremente dei due, Simone, ha pensato a un altro giro ciclistico, assieme agli amici e compagni del Cus Ferrara Triathlon: da Ferrara a Bolzano, sempre in bicicletta, ma questa volta solo su piste ciclabili, e tutto in un giorno solo. Dalla maratona di un mese e mezzo si passa allo sforzo condensato, un chupito monstre di 314km da mandare giù con un lungo, unico sorso.

Ferrara-Bolzano 2008

Anche Ciccsoft è coinvolto nel progetto, addirittura in veste di, coff coff, "partner tecnico ufficiale". Sulla nostra "piattaforma" ospitiamo infatti il sito ufficiale, e diamo una mano per tutta la copertura dell’evento online, tramite il blog, il Flickr e il canale su YouTube. Oggi nella Sala Arengo del Comune di Ferrara c’è stata la conferenza stampa (ne scrive Simone in questo post), durante la quale i ragazzi hanno spiegato le finalità del progetto, con sullo sfondo l’enorme telone degli sponsor tra cui compare pure quello del nostro sgangherato multiblog.

Durante il viaggio invieremo dei video sul canale di YouTube ad ogni ora, per simulare una sorta di "diretta video" ospitata anche su queste pagine. Si parte (e si arriva) sabato 26 aprile, con sveglia all’alba e partenza "intelligente" alle 6.

Va benissimo così com’è.

[questo è il secondo post di Ornella, infermiera e coordinatrice dell’Assistenza Domiciliare di Cure Palliative. La volta scorsa s’era parlato di eutanasia e di morte assistita. Di nuovo, la ringrazio di cuore. – nd noantri]


Anna ed io
siamo amiche da sempre, siamo coetanee ed è l’unica cosa che abbiamo in comune. Per il resto siamo molto diverse: lei è il bianco io il nero. Lei è credente, praticante (appartiene a C.L.) e devota, io atea. Lei ha 5 figli e un marito che la ama, io una figlia e nessun marito. Lei è casalinga, io lavoratrice. Lei di centro destra, io di estrema sinistra e cosi via. L’elenco sarebbe molto lungo e non voglio tediarvi; dicevamo diverse ma cosi vicine da sempre con reciproco affetto e stima.
 
Qualche mese fa Anna mi chiama, è trafelata, ha la voce che trema:

– Ornella sono di nuovo incinta!
– E’ una buona notizia? – le chiedo, non capendo davvero, se per lei lo  sia
– NO. È terribile, non ci voleva, non ce la posso fare ad averne un altro. Il piccolo ha solo 18 mesi gli altri dipendono ancora da me al 100% e Fabrizio (il marito – ndO) lavora sempre, non è mai a casa ed io non ho altri aiuti se non me stessa e poi lo sai, mi devo ancora riprendere dalla depressione post-partum e  il solo pensiero di dover affrontare un’altra gravidanza, mi fa impazzire!
– Cosa conti di fare?
– Non lo so, ma io non voglio questo figlio, non posso… Aiutami Ornella.
– Ma se non desideravi un’altra gravidanza, perché non hai preso un contraccettivo, perché non avete usato delle precauzioni? – Le chiedo senza giudicare (non l’ho mai giudicata), piuttosto cercando di capire.
– Scherzi? Lo sai che a Noi non è consentito…
– Lo hai detto a Fabrizio che sei incinta e che non vuoi il figlio?
– Gli ho detto che sono incinta ma non che non lo voglio. Come faccio a dirglielo? Lo sai come la pensa, come la pensiamo… Sto malissimo, sono confusa. (piange a lungo). Vorrei abortire, Dio mi perdoni, non ce la faccio. Aiutami…

Il giorno dopo ci incontriamo.
Lei ha la faccia tirata, non dorme e non mangia da giorni, i suoi figli sono tutti sistemati: i 3 più grandi a scuola, la quarta all’asilo e il piccolo è li con noi.

Decidiamo di andare al Consultorio per parlare con il Ginecologo e la Psicologa, per affrontare il discorso dall’Interruzione Volontaria di Gravidanza.

La accompagno la settimana successiva: Anna viene visitata dal medico e fa un colloquio con la Psicologa. Alla fine di tutto, nonostante la sua sofferenza psicologica e fisica, prende la decisione di non abortire.

– "Perché non è giusto, perché i figli sono una benedizione di Dio, perché lo amerà come ama gli altri e perché non potrei mai uccidere una creatura umana. E inoltre, ti immagini che scandalo se mio marito venisse a sapere che ho fatto una cosa del genere, se lo sapesse la Comunità! (quelli di C.L.) Mi caccerebbero! Non posso farlo!".

Continue reading ‘Va benissimo così com’è.’

Punto, e avanti

Per aver costruito giorno dopo giorno, dal nulla, una persona che ti sta al fianco, ed averla portata per mano ad essere almeno un poco come vorresti tu. Per la pazienza, la costanza e la determinazione. Per essere arrivata fino a qui tra mille peripezie e mille avventure. Per avere sogni e desideri nonostante a volte io sia solo un pasticcione e complichi le cose semplici. Perchè le cose belle della vita prendono colore solo se si è in due a gustarle. Perchè ci credi davvero e me lo ricordi ogni giorno che passa sorridendo: GRAZIE GRAZIE GRAZIE.


La gente sta male

Qualcuno faccia qualcosa per salvare quest’uomo prima che i blog gli brucino del tutto il cervello. Se mai dovessi arrivare a questi livelli lobotomizzatemi prima! 🙂

Mi dichiaro prigioniero politico.

[Lettera a cuore aperto agli elettori di sinistra
che stanno soffrendo per le loro scelte nell’urna.
Riflessioni e autocritica post disastro].

Cari compagni e care compagne,

non so da dove cominciare. Non mi piace pensare che l’unica soluzione sia andarsene in Spagna (ma forse in Nepal sarebbe meglio) con un biglietto di sola andata, né che gli italiani siano un popolo senza testa. Perché è qui il punto. E’ qui l’errore. Abbiamo demonizzato non solo il nostro popolo, ma il popolo. Lo abbiamo allontanato, emarginato, sbeffeggiato, l’abbiamo disprezzato, non lo abbiamo ascoltato. E per la prima volta nella vita repubblicana italiana, la storia socialista e quella comunista non avranno una rappresentanza parlamentare. Un fallimento, una catastrofe, una tragedia senza precedenti dal 1948 ad oggi. Viviamo in un Paese di destra, ma questo lo sapevamo. Solo che ci siamo illusi. Illusi che fosse impossibile non riconoscersi in valori universali come la solidarietà sociale, la redistribuzione della ricchezza, l’antirazzismo, il pacifismo, la contrattazione collettiva, il rispetto per il concetto di lavoro. Evidentemente questo non è bastato. Dovevamo parlare al cuore e alla pancia dei lavoratori, ascoltare i loro bisogni, dare soluzioni ai loro problemi, investire sul futuro anche con promesse (e non compromessi) forti e radicali.
Gagarin_space_suiteL’errore più grande secondo me è stato quello di formare un cartello politico come conseguenza della nascita del Partito Democratico. L’operazione unitaria  – se proprio non si poteva evitare – andava fatta prima, così come prima andava presentato un programma innovativo e credibile, magari di opposizione, attraverso quei dirigenti  radicati sul territorio come Vendola o come lo stesso Ferrero, uno dei pochi ministri che salvo del Governo Prodi. La rottura con la tecnocrazia di Padoa Schioppa doveva avvenire a ottobre, sul protocollo del welfare, non si doveva arrivare alla crisi centrista. Solo in questa maniera si poteva restare credibili agli occhi dei cittadini in difficoltà, dei precari e di tutti quelli per cui votare a sinistra ha sempre significato un’alternativa. Rompere con l’ambientalismo di facciata invece di farsi inglobare era la strada da scegliere: il progresso, compagni, Yuri Gagarin, cazzo!

Non abbiamo creato un soggetto politico credibile e rinunciando alla nostra identità comunista ci siamo fatti schiacciare da un sistema neoamericano arrivato dal basso. Certo, le colpe sono anche di chi ha respinto qualsiasi tipo di dialogo dopo due anni di fedeltà al Governo Prodi e un funzionale accordo politico che a livello locale ha pagato quasi sempre in tutte le elezioni amministrative e regionali. Ma le colpe di questo fallimento non possono essere solo degli altri. Politica si può fare anche fuori dal Parlamento, cominciando una nuova militanza nella vita di tutti i giorni fatta di presenza nelle scuole, nelle fabbriche, nelle piazze; di sobrietà e moderazione nelle scelte quotidiane. Ogni piccolo gesto di dissenso potrà risultare utile alla costruzione di un nuovo modo di affrontare le difficoltà. Non abbassiamo la testa e non inchiniamoci a ogni compromesso. E’ necessario ora restare concentrati, aprire una fase nuova di critica e di divulgazione delle proprie ragioni. Ci vorrà molto tempo, forse anni. E l’assenza di una seppur minima rappresentanza parlamentare certo non gioverà a questo cammino. Mancheranno finanziamenti e visibilità. Ma non mancherà l’impegno.

"Il coraggio rivoluzionario non consiste nell’essere uccisi,
ma nel resistere al riso degli stupidi che sono in maggioranza".
[Lev Trotsky]

Milionerzy

Questa notte ho sognato che finivo in un gioco a quiz. Era Chi vuol essere milionario. Anzi, non proprio, era Milionerzy che in polacco significava più o meno "Chi vuol essere milionario? Io! Io! Io!". Ma che loro abbreviavano in Milionerzy.
Solo che il vincitore prendeva un milione di zloty, che sono meno di 300 mila euro. Una fregatura insomma.
Più o meno il sogno è iniziato così:

Continue reading ‘Milionerzy’

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)