Fini, a Roma nun fa’ er gaggio.

FiniL’artro pommeriggio Gianfranco Fini ha deciso de fa’ er gaggio. Ha scerto de fasse ‘n giro da le parti de Boccea, che un po’ sò pure le parti mia, pe’ tirà la volata a Gianni Alemanno alla corsa ar Campidoglio. Famo subbito chiarezza: io Gianni Alemanno nun l’ho votato pe’ la storia mia perzonale, però Gianni Alemanno, pure che nun è romano come sottolinea sempre Rutelli er cicoria – ‘n antro che je piace da fa’ er gaggio – nun c’aveva bisogno de ‘ste goliardate.

Sì perché er grande  – grande co li piccoli e piccolo co li grandi – Fini s’è messo a strigne le mani dei passanti. Allora è passato er penzionato che voleva più sordi pe’ la penzione, poi è passata la mamma che chiedeva l’asili nido, poi è stato er turno der vigile urbano che voleva la pistola, er tabbaccaio che reclamava sicurezza e la signora cor cane che je voleva fa’ solo ‘n saluto. A ‘na certa so’ passati pure du pischelli cor motorino che j’hanno fatto er braccio teso perché a Boccea ce so’ tutti negozi d’ebbrei. Li fasci veri a Roma je rimproverano, a Fini er gaggio, d’esse annato a piagne a Gerusalemme e de avé rinnegato er fascismo.

Inzomma, dopo tutto ‘sto bagno de folla, er gaggio (pe’ comodità mo’ lo chiameremo così) a ‘na certa ha deciso de fasse grosso. Così s’è avvicinato a du venditori ambulanti de accendini, du eggiziani, e j’ha chiesto er documento. A gaggio ma che te sei messo pure a fa’ la guardia? A gaggio ma che nun ce lo sai che tu nun li poi chiede i documenti a ‘n antra perzona? Li du poracci, spauriti e circondati dalla folla che sbraitava insurti, j’hanno fatto vedé la carta d’identità e er gaggio ha rosicato: «Me sa – ha detto pure divertito – che voi due sete l’unici in regola in città». Er gaggio allora è annato a fasse ‘n giro ar mercato der quartiere e lì tra chi je avrebbe voluto tirà du carote e chi je regalava du mele – du arance sembrava brutto – ha incontrato n’antri du negretti, seduti ar bar. Pure a questi allora j’ha chiesto li documenti. Uno ce l’aveva, l’artro se l’era dimenticati a casa: «Voglio vedé – ha detto er gaggio – se funziona la legge mia, ma me sa che nun è così… Nun è possibile che tutti c’hanno ‘sto permesso, me sa che se lo comprano». Bella figura c’hai fatto a gaggio, nun sai manco come funziona la legge tua.

Fortuna che hai fatto la fine che meritavi, da gaggio a comparsa de la politica. Me sa che facevano bbene li du pischelli sul motorino che te ‘nsurtavano. Manco Alemanno s’è fatto vedé in giro co’ te. Pensace a gaggio, alla fine che hai fatto.

2 Responses to “Fini, a Roma nun fa’ er gaggio.”


cribbio
Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)