Le solite figurette da stronzi

– Berlusconi si strafà di Viagra, il suo ultimo nomignolo è presidente vaso dilatato.

– Grazie alla legge Moratti tra vent’anni il 20% dei professori sarà scelto dal Vaticano. Ma tra vent’anni Ratzinger sarà morto, sarà dove deve stare, all’inferno tormentato da diavoloni frocioni attivissimi.

– A me non me ne frega niente della vita sessuale di Berlusconi ma tu non puoi mettere alle Pari opportunità una che sta lì perché t’ha succhiato l’uccello, non la puoi mettere da nessuna parte ma in particolare non la puoi mettere alle Pari opportunità perché è uno sfregio.

Sabina Guzzanti, No-Cav Day

A me pare uno sfregio che una come lei faccia ancora la comica, perchè oltre che non far ridere è presuntuosa nei toni e poverina nelle parole. Se l’antiberlusconismo italiano è ridotto all’insulto volgare perchè non si ha altro argomento per trovarsi d’accordo all’opposizione, beh, ve lo meritate Silvio, dalla prima all’ultima delle sue leggi ad personam.

11 Responses to “Le solite figurette da stronzi”


  • Ed ecco che il problema non è più sapere se la Carfagna ha veramente fatto un pompino a Berlusconi, anzi, il vero problema (in Italia) è se dire o meno le cose, non se siano o meno accadute. Hai ragionissima a sentenziare così, ma è incredibile come ad ogni polverone sollevato dalle vaccate degli “antiberlusconiani”, l’unico che se ne giova è sempre e soltanto l’autore delle malefatte. Non esistono i “problemi” in Italia, ma solo le interpretazioni che se ne danno, e i problemi diventano marginali, diventano contorno. Sì vero, siamo proprio dei grandissimi e impareggiabili stronzi, dal primo all’ultimo italiano.

  • A me la parte sui frocioni attivissimi mi ha fatta spanzare :-p
    E anche quella delle prostitute che non si fidano dei sindacati perchè sono corrotti.

    Quello che trovo scorretto è che comunque tutti ce l’abbiano con la povera Carfagna solo perchè è gnocca, come l aPrestigiacomo e Fini anni fa.

  • Non vedo il problema. Se non ti piace, cambia canale. C’è sempre Fede che fa comicità alternativa.

    Cioè non capisco: non ti piace la Guzzanti. Dì “non mi piace” e amen, ce ne faremo una ragione. Ma usare sti toni apocalittici e usarla come retrogiustificazione di una certa politica, mi sembra proprio triste.

  • Raccoss, han fatto tutti una figuretta proprio misera, a partire dalla Guzzanti. Non è satira la sua, è puro insulto. Che tragga insegnamento dal fratello che è forse il migliore in italia quanto a capacità di fare satira per davvero.

  • E’ quindi? E’ la Guzzanti il vero problema degli italiani? Sempre a martellarci i coglioni sui modi, e mai sul merito?

  • Quoto 100%.
    Ma bisogna ca-pirla la Guzzanti…
    Padre giornalista Berlusconiano di quelli autentici ed efficaci, da vero ex-socialista.
    Fratello anti-Berlusconiano doc di cui tutti, mal che vada, ricordiamo almeno le parole “…e se nasce una bambina poi, la chiameremo: Roma”.
    Con una famiglia così si sente nata per essere dimenticata. Sta reagendo.

  • Ma su smettetela con sto’ moralismo da quattro soldi, sia per il turpiloquio volutamente eccessivo della Guzz, sia per le fellatio del Cavaliere… La Guzzanti ha talento da vendere e basta ripescare i suoi migliori spettacoli per rendersene conto. Poi ha delle opinioni politiche senza senso (per me), ma il talento di attrice comica rimane comunque. E la preferisco di gran lunga ad un fascista in camicia bianca come Marco Travaglio che nelle sue invettive distrattamente scorda sempre il fatto che il Cav è legittimato dal voto del popolo italiano, ed è grave come svista (voluta).

    Attimo: ma sul serio pensi che il problema fosse il pompino (che tra l’altro è una voce che gira)? Sul serio pensi che B quelle che si fa poi deve farle ministro? Al governo ci sarebbero solo sue amichette, non pensi che possano essere due fattori slegati, che quand’anche avesse una relazione con la ministra essa lo sia diventata per meriti altri? Un po’ più di equilibrio, i comici possono insultare con sproloqui senza timori reverenziali chiunque vogliano, i travaglisti non possono sovvertire il voto democratico come nel 94.

  • Ci sono stati, se non erro, 3 governi che avrebbero potuto e dovuto fare almeno una leggina-pastrocchio sul conflitto di interessi… ma nulla. Quindi inveire potrà servire a dirsi “io quello non l’ho votato e non lo voglio” ma non molto di più. Come Alberto Sordi (il grande), anche Berlusconi ce lo meritiamo.

  • A sentire voi, sembra che la Guzzanti sia salita da sola sul palco, abbia detto quelle tre frasi, e sia scesa fra gli applausi più fragorosi. Il suo discorso era ben più lungo e conteneva molto di più di queste frasi, effettivamente grevi. Ci sono stati molti discorsi, su quel palco, tutti pieni di affermazioni pesanti nella loro serietà, e voi beneducati della sinistra con il martello sempre pronto mirato sulle palle scegliete di parlare solo di QUATTRO FRASI. Ti credo che poi vince Bossi: i rutti, nel caso, sono il CONTENUTO. Sveglia! Quand’è che la finiamo di cincischiare e cominciamo a parlare delle cose serie?

  • Siete schiavi della televisione.
    Vi hanno fatto vedere 2-3 scene dell’8 luglio un po’ pesanti nei toni e tutti a urlare allo scandalo.
    Guardatevi tutti gli interventi della giornata e ascoltate tutto quello che è stato detto e vi accorgerete che l’attenzione è stata PILOTATA su ciò che poteva disgustare e scandalizzare il pubblico moralista televisivo per screditare tutta la manifestazione. Continuano a sbraitare per COME vengono dette le cose, ma ciò che dovremmo guardare tutti sono I CONTENUTI… e reagire di conseguenza.

cribbio
Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)