Dove fermano i treni

Berlino HauptbahnofDi ritorno da un interrail in Germania, mi chiedo: ha ancora senso, in un’Europa rimpicciolita dai voli low-cost e dagli Erasmus, l’interrail in treno?

Prima di tutto è bene precisare che le modalità dell’interrail sono ormai state stravolte. Non esistono più le famigerate "zone" in cui veniva divisa l’Europa. Esistono sì i biglietti validi solo per un Paese, i cosidetti One Country, ma sono stati affiancati dalla modalità Global Pass, che consente di viaggiare in maniera indiscriminata in ogni stato europeo. La vera (e decisiva) differenza rispetto al mitologico passato, consiste nella quantità di giorni fruibili all’interno della validità del biglietto. Un tempo l’interrail durava tot giorni, durante i quali si poteva viaggiare sempre, oggi invece sono previsti un numero limitato di giorni in cui è possibile salire sui treni, all’interno dell’intervallo di validità. Esempio concreto: io ho acquistato il Global Pass di 10 giorni, e avevo a disposizione 5 giorni di viaggio. Questa limitazione ha soffocato il fattore forse più affascinante del viaggio in interrail: la possibilità di partire senza alcuna programmazione, e di cambiare idea riguardo alla propria rotta. Strutturato così invece, l’interrail a durata limitata ti costringe a pianificare comunque un punto di partenza e un punto di arrivo, ad affidarti di più alla programmazione e perdere il gusto di scegliere di giorno in giorno dove andare a posare il proprio zaino.

Oggi dunque è un interrail assolutamente meno romantico, e meno pioneristico. Ed anche più ostico, perchè ci sono un sacco di treni (specie i notturni e quelli a lunga percorrenza, dunque quelli privilegiati dagli interrailers) per cui è previsto un supplemento o l’obbligo di prenotazione. Viene da dire che economicamente convenga di gran lunga affidarsi a un low-cost che trascini le proprie pesanti chiappe direttamente sul posto scelto, e poi affidarsi a pullmann vari. Ma così diventa un’altra tipologia di viaggio, si perde completamente il senso del trasferimento, della fatica degli spostamenti e della casualità.

Attraverso i mille cavilli sulle offerte e sulle modalità di raggiungimento del confine, le ferrovie europee stanno cercando di affossare un’offerta dichiaramente anti-commerciale. Gli interrailers sono gente giovane, che parte col bagaglio più leggero possibile e ha in mente soprattutto camminare, vedere tanti posti, conoscere persone, ma soprattutto spendere il meno possibile. Non è un target appettibile, non sono (siamo) clienti che andranno poi a versare soldi nei posti che attraversano, perciò l’interrail è sempre più un’anomalia nel sistema, una voce minoritaria che non mi stupisco venga soppresso da qui a qualche anno. Eppure resiste, nel mio primo e finora unico interrail in Germania di poche settimane fa, ho incontrato viaggiatori (solitari e non) veneti, romani, altoatesini, bolognesi, siciliani, napoletane, e poi inglesi, spagnoli, catalani, francesi…
Resistono ed esistono, si abbeverano con il Jagermaister e si addormentano negli scompartimenti destinati ai bambini, e ognuno di loro è alle prese col proprio percorso fatto di capitali e borghi sconosciuti,  miscelato secondo guide Lonely Planet o semplici indici puntati a caso sull’atlante. L’interrail non è fatto per il turismo classico, o meglio, non solo. La prerogativa dell’interrail è innanzitutto quella di costruirsi un viaggio veramente su misura di sè: se si vuole saltare pasti e dormire sulle panchine, si è liberi di farlo, si è quasi "moralmente" autorizzati dall’avere in tasca quel biglietto. Allo stesso tempo, si può anche fare i turisti della democrazia che visitano musei e noleggiano bici. Diventa quasi un dettaglio dove ti trovi (anche se non è esattamente così, ma questa è un’altra storia…), diventa fondamentale il come ci arrivi e soprattutto con chi. Perchè sopportare 16 ore di treno per tornare da Berlino in Italia, quando sarebbero bastate appena 2 ore di volo? Finchè qualcuno troverà superfluo porsi una domanda del genere, l’interrail è giusto che continui a r-esistere.

2 Responses to “Dove fermano i treni”


  • ah, l’inter-rail… che ricordi! i miei primi VERI viaggi da solo a 16 anni. L’europa dell’est, il centro europa, capo nord!
    condivido appieno il tuo punto di vista e le tue preoccupazioni e quoto la tua bellissima frase di chiusura.
    Perchè sopportare 16 ore di treno per tornare da Berlino in Italia, quando sarebbero bastate appena 2 ore di volo? Finchè qualcuno troverà superfluo porsi una domanda del genere, l’interrail è giusto che continui a r-esistere.

    ciao e RESISTI! 🙂

  • ho 25 anni e mi torna alla mente il mese più bello della mia vita (agosto 2002): vienna-berlino-copenaghen-amsterdam-rotterdam-parigi-nizza. un senso di LIBERTA’ e SPENSIERATEZZA che non ho mai più provato in seguito…i cartocci di patatine jumbo su nieuwezijds voorburgwal, i kebab di kreuzberg, lo pfand nel mondo civile, l’arresto per taccheggio (1 mini-mars…ke sfiga!!!) in quel supermercato di copenaghen, la felpa rossa con cappuccio che mi permetteva di dormire per terra in ogni dove, isolandomi/proteggendomi da qualsiasi tipo di lordura…

    l’inter-rail non è un viaggio, ma uno stato mentale

cribbio
Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)