La patente, vi prego, per fotografare

La situazione fino ai primi anni duemila era più tranquilla. Con il dilagare delle macchine fotografiche digitali invece è tutto un fotografare in ogni angolo del pianeta senza un minimo di criterio. Con le fotocamere sui cellulari poi, il colpo di grazia: l’arte della fotografia è definitivamente andata a puttane.

Ci hanno fornito dei mezzi più sofisticati e tecnologicamente avanzati ma non ci hanno insegnato ad usarli. Come per la macchina ci insegnano a guidarla, e ogni mestiere a compierlo, così non vale per le operazioni che reputiamo semplici per chiunque: scrivere, fotografare, fare un video… tutti si sentono capaci di farli senza alcuna conoscenza perchè sembrano facili. Fotografare non è solo premere un pulsante come fa il turista maldestro cui chiediamo il piacere di farci una foto, e che ci taglia sempre irrimediabilmente i piedi o un pezzo di testa. Significa un insieme di cose che possono andare dall’inquadratura, alla scelta del colore, del bilanciamento del bianco, all’esposizione, il diaframma, il tipo di sincronismo del flash. La maggioranza delle persone si accontentano della funzione AUTO per scattare a condizioni ottimali mediocri in qualunque situazione. Va bene, passi.

Però alcune cose basilari dovrebbero capirle grazie ad un minimo di intelligenza questi turisti maldestri: ogni giorno per le calli di Venezia vedo i peggio comportamenti.

– Non puoi pensare di fotografare il nuovo ponte di Calatrava in controluce pieno. Come ti accechi tu si acceca l’obiettivo non vedi che sono le 3 del pomeriggio e viene tutta bianca? Di contro: cosa fotografi un rio con la gondola se sono le otto di sera e non metti nemmeno il flash?

– Come pensi che esca in foto tuo marito se per fotografarlo ti metti da un lato del ponte e lui dall’altro? Non lo sai che in mezzo ora che scatti transiteranno come minimo 30-40 persone senza contare che li stai intralciando perchè se sono educati si fermano per non rovinare il tuo capolavoro?

– Quando c’è poca luce, turista maldestro, non scattare mentre cammini imperterrito con il naso all’insù: le foto saranno mosse ed inutili, e magari non avrai nemmeno inquadrato quello che immaginavi.

– Hai addirittura un visore, pensa che lusso: dopo aver scattato controlla se ti piace, in tal caso prosegui, non farne altre dodici tutte uguali. (una comitiva di inglesi sotto il ponte di Rialto fotografava due settimane fa dalla stessa angolazione e nella stessa banalissima modalità automatica la stessa cosa. Chiedere all’unico con una reflex di fare uno scatto decente e mandarlo agli altri per mail forse era troppo complesso o poco stimolante per i turisti)

Te ne prego: risparmia spazio, non riempire di foto doppie e triple il tuo computer o peggio, la rete.

Il problema maggiore forse è che il digitale ha costo nullo quindi in ogni caso la gente scatta la foto che poi al limite butta una volta a casa, o peggio, mantiene in mezzo alle altre. Scatta, scatta, scatta senza freno, senza ritegno o un briciolo di parsimonia che il limite fisico del rullino imponeva un tempo. Sfogliare un album di vacanze a Cortina del 1982 potrebbe volervi 5 o 10 minuti al massimo. Scorrere su Picasa il set di foto delle vacanze in Grecia del 2008 richiede oggi qualche ora, grazie alla capacità di svariati giga delle memory card. Risultato? Nessuno dei vostri amici verrà più a casa vostra a vedere le vostre foto delle vacanze. Erano già pallose prima, figuriamoci ora.

Vi siete mai chiesti quando avrete il tempo per rivedere le vostre foto digitali, un domani? Avete mai riflettuto su quante foto avrete accumulato tra venti, trenta, sessant’anni? Dei miei primi 18 anni di vita avrò all’incirca 500 foto, forse meno. Dai 18 ai 25 ne ho 15.000. Quindicimila, capite? (e le cancello pure, quelle sfuocate o inquadrate male… è un dramma) Quando sarò vecchio saranno milioni, e probabilmente non mi rimarrà tempo per rivederle una per una, complice anche qualche annebbiamento della vista dovuto all’età.

11 Responses to “La patente, vi prego, per fotografare”


  • “Te ne prego: risparmia spazio, non riempire di foto doppie e triple il tuo computer o peggio, la rete.”
    Questa cosa è effettivamente angosciante…

  • Grande Post,
    pensavo esattamente la stessa cosa che ho appena letto questa estate a Londra mentre passeggiavo in Portobello Road, dopo avere visto 2 scene:
    1) una ragazza che con una automatica digitale camminava mentre scattava delle foto, senza rendersi conto che le foto sarebbero risultate mosse;
    2) un ragazzo che scattava una foto con una reflex digitale del valore di almeno 600€ impugnandola con una sola mano!
    A differenza dei miei pensieri però il tuo post è scritto davvero bene…

  • ti consiglio, ammesso che tu non lo faccia già, di scegliere – di tanto in tanto – un paio di foto più rappresentative fra quelle che hai scattato nell’ultimo periodo. dopo averle scelte, falle stampare. quindi, conservale in uno di quei libri portafoto che ormai sono fuori moda 😉
    così, quando sarai vecchio, avrai una sorta di campione più rappresentativo dei momenti della tua vita. ammesso che tu ne scelga due ogni mese, per un anno, fanno 24 foto. quindi, ammesso che per i prossimi 70 anni tu continui con questo procedimento…avrai circa 1680 foto. non sono poi tante soprattutto perchè ti auguro una vita da ultracentenario 😀

  • Si Ale, è un’ottima idea e in effetti ogni tanto, tipo una volta all’anno, stampo le migliori e le metto in un album portafoto come si usava una volta! Un bel portafoto di Anne Geddes con un bimbo paciocco simpatico. Mi sa che per il librone della vita non basta però… dovrei comprare uno gigante con copertina in pelle e i bordi di ferro con quelle belle veline tra un foglio e l’altro…. che stile che avevano una volta… 🙂

  • si, avevano uno stile più “stiloso”, perchè erano preziosi. un album portafoto era davvero un tesoro….

  • vorrei segnalare che a Roma è stata soppressa una importantissima rassegna fotografica…

  • Il ponte di Calatrava non andrebbe fotografato e basta, non andava nemmeno costruito… 🙂

    Per il resto hai purtroppo ragione ed è così in molti ambiti non solo nella fotografia…

  • penso che tutti siano liberi di fare quante foto vogliano, all’ora che vogliono e nella modalità che vogliono.. magari a uno piacciono mosse o buie…
    nessuno è obbligato ad andare poi a vedere le foto di questi “maldestri”.
    poi tu parli di arte delle fotografia, ma non siamo mica tutti artisti… esistono anche persone normali che fanno foto normali.

  • Giustissimo Salatino. Siamo in un paese democratico perbacco!

cribbio
Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)