Sabato, mentre mettevamo i dischi, è entrato…

L’originale, da leggere prima, è qui.

Sabato, mentre io e Attimo mettevamo i dischi in balera a Casumaro, è entrato Pupo.

Così: in un non brillantissimo sabato sera post-festivo (peraltro più affollato di quanto l’infelice collocazione da day after di Halloween facesse presagire), mentre stavo passando un po’ di classici della Romagna, mazurka, fox trot, valzerini, il piccolo e arcinoto musicista italiano (noto per essere il conduttore di un fortunato quiz preserale, tra le altre cose) è entrato dall’ingresso di via Lenin come un avventore qualsiasi. Si è messo in coda coi suoi amici, si è fatto pagare da bere, ha promesso un paio di volte di offrire lui il prossimo giro, e si è messo a ballare. Io, da grandissimo fan delle sue canzonette, ho rischiato di svenire, e ho continuato a mettere i dischi con il cuore a mille e l’ansia da prestazione di chi si trova davanti a uno dei suoi piccoli (in ogni senso) idoli.

Avevo sempre saputo che portarmi nella valigetta una copia del tendenzialmente imballabile Su di noi prima o poi sarebbe servito a qualcosa; così, quando abbiamo fatto partire il pezzo in questione, Pupo ha reagito con lo stile tranquillo e sportivo che gli si confà: ha alzato le dita in segno di vittoria, e si è messo a fare il karaoke sulla sua stessa canzone, tra le vecchie felici, i mariti con le fotocamere che lo immortalavano e agli amici che ridevano perchè sapevano che a questo punto non avrebbe offerto più da bere. Ha fatto un paio di richieste, subito accontentate (Toto Cutugno e «qualcosa di romagnolo»; abbiamo messo L’Italiano e Lauretta mia, e pare aver gradito), e alle tre passate, sulle note di Maria Elena dei Los Indios Tabajaras, ha lasciato il locale.

Così.

Sabato, mentre io e Rachele mettevamo i dischi al Torino, è entrato Sir Oliver Skardy dei Pitura Freska.

Così: in un non brillantissimo sabato sera post-festivo (peraltro più affollato di quanto l’infelice disposizione dei tavoli permettesse), mentre stavo passando un po’ di classici reggaeton da cazzeggio, il bidello musicista veneziano (noto per essere più popolare di Cacciari e forse del Doge, nella sua città, tra le altre cose) è entrato dal retro del club di Campo S. Luca come un amico dei gestori. Si è messo in coda coi suoi amici, ha pagato due giri di spritz per tutti, ha fatto su offrendo agli astanti, e si è messo a ondeggiare lentamente. Io, da grandissimo fan del compianto gruppo ska veneto, ho rischiato di svenire, e ho continuato a mettere i dischi con il cuore a mille e l’ansia da prestazione di chi si trova davanti a uno dei suoi piccoli idoli.

Avevo sempre saputo che portarmi nella valigetta una copia del tendenzialmente imballabile Na bruta banda prima o poi sarebbe servito a qualcosa; così, quando abbiamo fatto partire Pin Floi, Skardy ha reagito con lo stile tranquillo e sportivo che gli si confà: ha tirato un bestemmione alzando le dita in segno di vittoria, e si è messo a ballare la sua stessa canzone, in mezzo agli amici che ridevano e le ragazze impazzite che gridavano come ochette “Io Venezia la ooodiooo”. Ha fatto un paio di richieste, subito accontentate (i Casino Royale e «qualcosa dei Coconutz»; abbiamo messo Bonnie e Clyde e La puzza dei ricordi, e pare aver gradito), e alle tre passate, sulle note di Laurel Aitken, si è addormentato ad un tavolino mentre gli fottevano il fumo.

Così.

Sabato, mentre io e Cagnazz mettevamo i dischi al Renfe, è entrato Francesco Bianconi.

Così: in un non brillantissimo sabato sera post-festivo (peraltro più affollato che nell’infelice serata di Halloween a base di ragnatele e dance commerciale), mentre stavo passando un po’ di classici indie spinti, il romantico musicista italiano (noto per la sua capigliatura, la voce profonda e il successo con le donne, tra le altre cose) è entrato dall’ingresso di via Bologna come un fighetto qualsiasi. Si è messo in coda coi suoi amici, non ha pagato perchè l’hanno riconosciuto, ha preso da bere sempre aggratis, e si è messo a ballare. Io, da grandissimo fan dei Baustelle, ho rischiato di svenire proprio come la maggior parte delle ragazzine, ho lasciato Cagnazz in console e mi son fatto un cubalibre triplo con il cuore a mille e l’ansia da prestazione di chi si trova davanti a uno dei suoi idoli.

Avevo sempre saputo che portarmi nella valigetta una copia del tendenzialmente imballabile Sussidiario illustrato della giovinezza prima o poi sarebbe servito a qualcosa; così, quando abbiamo fatto partire La canzone del riformatorio, Bianconi ha reagito con lo stile tranquillo e sportivo che gli si confà: ha chiesto scusa agli amici, si è allontanato venendo verso la console, intimandomi di toglierla e di fare poco il furbetto. Mi ha proposto proprio proprio di mettere il loro ultimo singolo, che non avevo con me perchè il cd si inceppa sempre a causa delle tracce nascoste. Ha fatto un paio di richieste, subito accontentate (Franco Battiato e «qualcosa che spacca»; abbiamo messo Voglio vederti danzare e Tourette’s dei Nirvana, e pare non aver gradito), e alle cinque del mattino, sulle note di I just can get enough dei Depeche Mode, si è acceso una paglia, soffiandomi il fumo sulla faccia in segno di gradimento.

Così.

6 Responses to “Sabato, mentre mettevamo i dischi, è entrato…”


  • Queneau sarebbe orgoglioso di te.. 🙂
    [io onorato]

  • Sabato, mentre io e Alvise Spano’ mettevamo i dischi alla Casa di Riposo comunale, è entrata Adionilla Pizzi, in arte Nilla.

    Così: in un non brillantissimo sabato sera post-festivo (peraltro meno affollato che nel mese precedente a causa della prematura scomparsa di alcuni ospiti), mentre stavo passando un po’ di classici italiani nel mangiadischi vintage, la regina della musica italiana (nota per il suo impegno a favore della liberazione sessuale con il brano intriso di doppi sensi “Vola Colomba”) è entrata nel salone della tombola come una diva qualsiasi, si e’ messa in coda con i suoi amici per la pasticchetta serale, ha preso da bere un succo di tamarindo, e si è messa a ballare. Io, da grandissimo fan del Festival di Sanremo, ho rischiato di svenire, piu’ che altro per il fortissimo odore di colonia “4711” che Nilla consuma a ettolitri, ma ho continuato lo stesso a mettere i dischi con il cuore a mille e l’ansia da prestazione di chi si trova davanti a uno dei suoi piccoli idoli.

    Avevo sempre saputo che sostituire i fogli di giornale nella gabbia del canarino con le vecchie copertine del melodico Grazie dei Fiori prima o poi sarebbe servito a qualcosa; cosi’, quando abbiamo fatto partire “Papaveri e Papere”, Nilla ha reagito con lo stile e la classe di una vera signora, ha alzato il dito medio in segno di apprezzamento e si e’ messa a ballare in mezzo alle infermiere che ridevano.

    Ha fatto un paio di richieste, subito accontentate (Sergio Bruni e “qualcosa di romantico”; abbiamo messo Vieneme ‘Nzuonno e Binario, e pare aver gradito), e alle sei e mezza passate, sulle note di Casetta in Canada’ di Wilma de Angelis, ha lasciato il locale.

    Così.

  • Grandeeee! 😀 Binarioooooo triste e solitariooooo ahahahha

  • Caro TheEgo, lietissimo che tu abbia apprezzato la mia personale versione dei tuoi “esercizi di stile”.

    Mi chiedo che cosa accadrebbe lanciando un concorso in rete in cui ognuno dei partecipanti possa cimentarsi nella rielaborazione dello stesso format. Sarei curiosissimo di vedere che cosa si inventerebbero gli altri.

    Nella speranza che tale iniziativa possa riscuotere il tuo interesse ed essere adottata ufficialmente come iniziativa di Ciccsoft, colgo l’occasione per porgere i miei piu’ cordiali e distinti saluti.

    Con simpatia

    Alvise spano’

  • Sarebbe bello ma ho paura non partecirebbe nessuno… già c’è pochissima gente che commenta, potevano farlo come l’hai fatto tu se davvero ne avessero avuto voglia! (o son troppo pessimista?) :-))

  • Metti in premio anche solo un paio di ciabatte usate, segnala la cosa come si deve in homepage e vedrai che si scateneranno centinaia di artisti… altrimenti va bene anche restare solo io te e quello li’ del post originale come unici e irripetibili interpreti del format 🙂

cribbio
Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)