Un mese con iPhone /2 – le mie applicazioni

Nella prima parte di questo lungo articolo vi ho raccontato le caratteristiche di base dell’iPhone di Apple, quelle che sono già incluse nel telefono e che non necessitano di ulteriori installazioni. Chi di voi si è inoltrato nella lettura avrà però anche letto che da luglio 2008 esiste parallelamente ad iTunes Store, dove vengono venduti principalmente album musicali, un apposito App Store, dal quale scaricare oltre 17.000 applicazioni appositamente studiare per iPhone.

iphone_app_storePer farvi capire le proporzioni del fenomeno: quando ho scritto la prima parte di questo articolo, il 26 gennaio, le applicazioni erano 15.000, oggi sono già salite di oltre 2.000 unità. C’è una vera e propria corsa all’oro su App Store da parte degli sviluppatori: con pochi sforzi è possibile vendere il proprio programma (anche idiota) per il melafonino, e guadagnare nel giro di poche ore svariate migliaia di dollari. Intorno a Natale scorso fece scalpore il fenomeno “puzzette“: in pochi giorni si diffusero un centinaio di programmi clone che sostanzialmente facevano rumori di peti di varia foggia e natura alla pressione del dito sullo schermo. Un’applicazione cretina e banale che ha fatto la fortuna dei programmatori visto l’elevatissimo numero di download: considerato il prezzo di vendita, spesso irrisorio e in questo caso inferiore ad 1 euro, moltiplicato per la mole di download fanno un guadagno pulito per il programmatore di diverse decine di migliaia di dollari. Non male no?

Ma torniamo a noi. L’obiettivo, molto banale in verità, è farvi vedere cosa è in grado di fare un telefono di ultima generazione come iPhone al giorno d’oggi. Badate, alcune tecnologie non sono appannaggio esclusivo di Apple, ma per esperienza diretta posso assicurarvi che al momento il dispositivo con la mela è quello che fa queste cose al meglio: più rapidamente, più fluidamente e soprattutto più semplicemente. Ora mi metto un paio di occhiali da sfigato, con la montatura spessa, mi atteggio a saputello e tiro fuori dalla tasca il mio iPhone, davanti agli amici incuriositi, e gli faccio vedere io.

facebookiphoneIo, con l’iPhone ad esempio ci vado su Facebook, e quando sono in una sala d’aspetto, o in treno, o mi annoio in coda per il vaporetto a Venezia, do un’occhiata a cosa fanno i miei amici, oppure vedo le foto che hanno pubblicato scorrendole con un dito e leggendo i nomi delle persone taggate, lascio commenti, mi iscrivo a gruppi, ad eventi, rispondo a messaggi privati, chatto con le persone che sono collegate in quel momento proprio come fossi al computer. Il tutto con un’interfaccia grafica se possibile più bella di quella per pc.

Io ad esempio con l’iPhone leggo questo sito, nella sua versione ottimizzata per cellulari, ma con l’applicazione di WordPress, che è il cms che gestisce i contenuti da queste parti, posso scrivere un post, pubblicarlo dovunque io sia, posso salvare una bozza, inserire nel post una foto che ho scattato sul telefono o che ho salvato in memoria ed anche sistemare articoli che ho già salvato in precedenza, facendo quindi normale amministrazione del blog come fossi a casa, il tutto con un’interfaccia a portata di dito.

accuweatherQuando sono fuori casa voglio sapere che tempo farà nelle prossime ore, così da regolarmi sui vestiti o un ombrello da mettere in borsa. Con Accuweather ho una previsione accuratissima, piena di valori e stime dettagliate dell’andamento del meteo nelle ore seguenti, nei 5 giorni successivi e delle probabilità di pioggia, neve, vento, nebbia, che vengono aggiornate in tempo reale ogni pochi minuti. Posso vedere una mappa della previsione vera e propria e guardare dei brevi video americani dove dei conduttori spiegano le previsioni del tempo per l’europa meridionale dove mi trovo. Con un dito si cambia in un attimo la località salvata e quindi posso tenere d’occhio le diverse città nelle quali mi devo spostare.

Visto che sono iscritto a Flickr, il social network dove condividere online le proprie fotografie, ho un’applicazione con la quale posso caricare al volo la foto appena scattata dal telefono sia su Flickr che sull’onnipresente Facebook. Si chiama Twitxr e non fa niente di più di questo ma lo fa bene e molto rapidamente.

Quando ho bisogno di parlare al volo con una persona di cui non ho il cellulare ma magari ho il contatto Messenger o Skype, posso usare l’ottimo Fring, che consente di connettersi a molti protocolli di istant messaging e chattare con i propri contatti Aol, Msn, Skype, Google Talk, Jabber… Davvero comodo per rimpiazzare anche questo strumento d’uso quotidiano quando si è lontani dal computer e se ne ha bisogno per lavoro o per brevi comunicazioni.

frontpagesCon Frontpages, posso guardare e salvarmi in pdf le prime pagine dei quotidiani di tutto il mondo, italiani e stranieri, che vengono aggiornati in tarda mattinata ogni giorno. Di notevole impatto grafico, ma riconosco, solo per malati di informazione come me.

L’applicazione AroundMe è davvero notevole e non a caso ha vinto svariati premi. Dovunque io mi trovi, grazie alla localizzazione data dal gps, questo piccolo programma può trovare alberghi, banche, bar, farmacie, ospedali, parcheggi, ristoranti, e chi più ne ha più ne metta, il più possibile vicini a me. Di ogni voce mi mostra nome indirizzo e numero di telefono che è possibile chiamare con un clic, nonchè la distanza precisa da dove mi trovo. Utilissimo come i vari servizi di pagine gialle telefoniche che tanto reclamizzano, ma che vi fregano quando va bene più di 1 euro a chiamata.

Sulla scia di AroundMe c’è Now playing, specializzato in cinema. Sempre basandosi sulla posizione in cui mi trovo, in questo caso casa mia a Ferrara, mi indica i cinema più vicini e la loro programmazione con orari e posti disponibili della sala. Di ogni film posso con un clic leggere la trama, la critica, i commenti del pubblico, vedere foto promozionali e addirittura il trailer in streaming dal sito web ufficiale.

Con Wikiamo, posso consultare ogni lemma di Wikipedia e salvarne i contenuti per averli a portata di mano. Una sera eravamo in un pub con dei giochi disponibili, e volevamo giocare a Scarabeo, ma nessuno ricordava con precisione le regole e nella scatola ormai logora non c’era il foglietto. Pochi clic ed ecco sul display del telefono tutto il regolamento. Troppo da nerd? Forse, ma sicuramente utile a volte.

MyTv è un’applicazione che fornisce l’elenco della programmazione tv di tutte le emittenti via etere e satellitari, con sinossi dei film e telefilm e indicazioni brevi su durata e tipologia dei programmi. Con un clic è possibile registrare il progamma come fosse un videoregistratore: se si possiede un account gratuito su Faucet, un servizio di tv-recording online, il programma invia la richiesta di registrazione del programma in questione e il giorno dopo si potrà scaricare il file in formato divx direttamente sul proprio computer dal sito di Faucet. Utile per chi è fuori e non si vuol perdere il proprio programma preferito in televisione.

skyway24_iphoneSkyWay24 è un’applicazione che sfruttando la vostra posizione, su autostrade e sueprstrade, vi fornisce le informazioni sul traffico in tempo reale della strada che state percorrendo, dandovi i tempi di coda e segnalando eventuali lavori in corso, nonchè fornendovi percorsi alternativi direttamente sul programma di mappe. Utile se viaggiate molto…

Shazam una volta lanciata rimane in ascolto di canzoni, provengano esse da una radio, dalla tv, o da un lettore mp3… Vi è mai capitato di sentire una musica che vi piace e non conoscerne il titolo e l’autore? Bene, Shazam analizza per 20 secondi circa il brano che gli fate sentire direttamente dal microfono integrato nel telefono e consultando un database online sterminato, vi fornisce titolo autore e album del brano incriminato. Un clic e si può acquistare il pezzo su iTunes Store.

Viaggiatreno è un sito ottimizzato per dispositivi mobili, gestito da Ferrovie dello Stato, che vi indica in tempo reale dove si trova il vostro treno, che ritardo ha e qual è l’ultima stazione in cui è transitato. Non sarete più all’oscuro di cosa succede al vostro treno che ancora non arriva… Utile per chi viaggia molto.

Nike Football o SerieA sono applicazioni che piaceranno agli appassionati di calcio: risultati in tempo reale di serie A e Champions League, classifiche, notizie ed approfondimenti, video dei gol ogni domenica, marcatori e tabellini sempre aggiornati.

Non vi siete ancora stancati? Potenzialmente avete capito che potete mettervi in tasca qualsiasi comodità ci offra oggi internet, sia essa ordinare online una pizza, un film, cercare un’informazione, comprare su Ebay (si c’è un’applicazione anche per seguire le proprie aste e comprare prodotti), guardare orari dei treni, dei cinema, notizie di Repubblica, Corriere, Gazzetta, leggere i blog, i forum, tutto ma proprio tutto quello che potete fare sul vostro computer. Pensate alle vostre dita come un mouse sempre “a portata di mano” ed ecco fatto il gioco. L’unico limite è al momento la fantasia dei programmatori, perchè quanto a potenzialità e servizi internet ha davvero rivoluzionato il mondo moderno.
crashiphonegameOltre a queste applicazioni per internet, va detto per completezza che iPhone è anche un’ottima console per videogiochi, di cui l’App Store è pieno zeppo e che sfruttano le potenzialità della scheda grafica e del touch screen, unite all’accelerometro presente nel dispositivo. Ad esempio nei giochi di macchina si terrà il telefono come un volante e inclinandolo a destra e a sinistra si avrà l’impressione di dirigere il volante dell’auto… innovativo rispetto i soliti pulsanti di un joystick no? Attualmente la stragrande maggioranza dei videogames per telefoni è venduta su iPhone a prezzi irrisori rispetto quelli di console più blasonate come Nintendo Ds e Psp. Un gioco per iPhone costa dai 0.79 euro a 8 o 9 euro massimo, attestandosi in media sui 4 euro.

La sfida ora è di portare queste tecnologie su dispositivi sempre più piccoli a prezzi sempre più competitivi. Scommettiamo che tra 5 anni la maggioranza di voi, rileggendo questo articolo, sorriderà vedendo che molte di queste cose le potrà fare anche con il suo telefono da poche decine di euro? iPhone ha aperto una strada, il bello sarà vedere dove ci porterà domani.

3 Responses to “Un mese con iPhone /2 – le mie applicazioni”


  • Le prime pagine dei giornali sono presentate veramente in modo delizioso (io ero il coglioncello a bocca aperta di fronte allo sfiguz con occhiali spessi che mostrava le meraviglie estetiche dell’iphone :-P)

  • oltre all’applicazione di WordPress, può essere utile anche il plugin WPhone, che sostituisce la “bacheca” standard con una ottimizzata per iPhone (solo da iPhone, ovviamente)

cribbio
Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)