Ti depili? Non ti curo!

– “Dottoressa può spiegarmi meglio perchè mai lei si rifiuta di visitarmi?”
– “Come le ho detto lei è glabra, certamente non a causa di terapie o disfunzioni di alcun genere, pertanto il suo stato non può essere se non indicazione di sue scelte di vita particolari da noi medici obiettori assolutamente inaccettabili”.
– “Scusi? Lei mi sta dicendo che si rifiuta di visitarmi e di farmi il pap test perchè lei è obiettrice?
– “Lei è depilata e io non posso visitarla perchè infrangerei non solo l’etica professionale ma anche la morale e la mia coscienza”.

150px-black_trianglesvgDopo aver letto anche il resto della sconcertante storia vera raccontata qui avrei voglia di trovare un sacerdote qualunque e sedermi a chiacchierare con lui per CAPIRE. Vorrei sapere se è questo quello che Gesù ha insegnato, se è questo il messaggio di Cristo o se qualcuno ad un certo punto della storia si è lasciato prendere un po’ la mano e oggi in nome di un’entità superiore si dicono e fanno le peggiori puttanate della storia. Perchè se obiezione significa ritenere immorale oltre l’anticoncezionale contro l’Aids addirittura la depilazione, al punto da rifiutare delle cure ad una paziente che non ha fatto proprio niente di immorale (ma se pure fosse…), allora lo voglio vedere scritto su qualche testo sacro. Voglio che lo spieghi per bene il Catechismo e che sia chiarito ai fedeli in Chiesa la domenica. Che si metta nero su bianco: la Chiesa dice questo. Perchè se queste sono le regole oggi, se questa è diventata la Chiesa grazie ai fanatici che ci sono là fuori, grazie, ma io ne ho abbastanza.

7 Responses to “Ti depili? Non ti curo!”


  • Guarda Ego, a me sembra talmente assurda da essere inventata. Quei due medici dicono cose del tutto deliranti dal punto di vista dell’etica professionale, dal punto di vista di ciò che significa obiezione di coscienza (e te lo dice un obiettore) e pure dal punto di vista del magistero della Chiesa e della morale cattolica. Se la storia fosse vera, quei due sarebbero due pazzi responsabili solo di loro stessi.
    L’obiezione di coscienza è una cosa serissima e non c’entra nulla con la sostanza di quel che viene raccontato in quella chat.
    Ti ripeto: è talmente insensata (e autolesionista: un medico che si comporta così sa di rischiare tantissimo dal punto di vista legale e deontologico) che non credo possa essere vera.

  • concordo con farfinta.. a volte la verità può superare la più fervida immaginazione, tipo un papa che dice che un preservativo fa più male che bene nella lotta all’aids però.. qui c’è puzza di sòla.. non riesco a credere ad una sola parola di quella chat..
    penso che nemmeno il più grosso dei cretini giudichi una persona basandosi sull’acconciatura pubica, figuriamoci un medico; ma non tanto perché i medici sono intelligenti-superiori ecc (sono quasimedico ma di certo non mi metto a difendere la categoria) ma perché un comportamento del genere determinerebbe come minimo una sospensione dal servizio.. e stiamo parlando di un pap-test, una procedura per cui tutti i ginecologi del mondo stanno combattendo affinché si diffonda il più possibile (dalla 15enne alla 70enne, suora o mignotta che sia).
    ritengo questo post-chat anche PERICOLOSO; non so quale sia la percentuale di donne che si depilino in che quantità e in che modo.. ma se adesso tutte quelle che hanno letto quel post per vergogna-paura-spavento-ribrezzo verso i ginecologi decidessero di non sottoporsi più al pap-test?avete presente cosa significa e quale impatto può avere?
    poi una disquisizione puramente tecnica (anche se non escludo la possibilità); dubito che un controllo ginecologico di ROUTINE e che comprenda il pap-test venga effettuato in ospedale; sono prestazioni di tipo ambulatoriale (pubblici o privati che siano).
    sono anche un po’ sorpreso che il fatto sia stato evidenziato su questo blog; quasi più della frase del papa sui preservativi.. se dobbiamo discutere sugli insegnamenti giusti-sbagliati-allucinanti che vengono dalla chiesa, partiamo da altri spunti, non da questo.

  • STANDING OVATION per te.
    (menomale che ogni tanto Vasco mi facilita i commenti… ;P)

  • “Se dobbiamo discutere sugli insegnamenti giusti-sbagliati-allucinanti che vengono dalla chiesa, partiamo da altri spunti, non da questo.”

    Certo, condivido. La mia è una provocazione e un grido di indignazione sempre maggiore e sono convinto che appunto i contenuti della Chiesa siano ben altri e non si occupino di peli pubici. Riporto la notizia perchè sta facendo il giro della rete e per quanto pare strana mi viene da pensare che sia reale. Solo questo fatto è molto triste. Altrove all’estero probabilmente direbbero: ma va non esistono questi problemi da noi. Se oggi ci chiediamo se è vera o no significa che “potenzialmente” lo potrebbe essere. Evidentemente qualcosa non va in questo paese.
    Ad ogni modo pare che nei prossimi giorni daranno maggiori ragguagli su quel blog e parleranno con avvocati. Staremo a vedere.

  • pingback manuale che non so se funziona.
    Comunque condivido, e trovo del tutto plausibile che la storia sia vera, e, pur concordando con Farfintadi, penso anche che tutte le dichiarazioni che sta facendo la Chiesa possano facilmente portare alcuni a interpretarle in quel modo.

cribbio
Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)