Reportage: tre giorni tra gli sfollati di Villa S.Lucia (AQ)

6 Responses to “Reportage: tre giorni tra gli sfollati di Villa S.Lucia (AQ)”


  • Post incommentabile, specie per chi, almeno un poco (veramente poco), sa di che cosa si sta parlando: statale, piazze, barettini, nonne, campi da calcio, bagni chiusi mai aperti. Su quel campetto ci ho giocato. Il bocciodromo dentro non l’avevo mai visto, e lo vedo ora per la prima volta, per “accogliere gli sfollati”. Boh, penso sia difficile rimanere indifferenti. Molto difficile.

    Ma casa tua è agibile nonostante le crepe? E’ una domanda troppo tecnica chiedere in base a cosa vengano classificate “agibili”? Curiosità macabra, ne convengo.

    L’Aquila in qualche modo la ritireranno su, ma le crepe su Villa sono come le crepe inflitte su un corpo di un novantenne col bastone. Dura rialzarsi.

  • Casa mia è agibile finchè non la controllano. Cosa che succederà a breve penso e poi almeno il piano sopra verrà dichiarato inagibile perchè le camere e il corridoio hanno molte crepe. Il soffitto di una delle due camere vien giu’ se lo si tocca, tende a sbriciolarsi perchè la volta è tonda e non come le case di oggi perfetamente rettangolare.
    Le case vengono dichiarate agibili se non presentano crepe rilevanti al tetto e ai muri portanti, ma in linea di massima stanno facendo solo rilievi marginali per il momento, in attesa che le scosse terminino. Quindi per precauzione anche con danni lievi fanno sgomberare.

  • donatella giannunzio

    Si potrebbe dire:”c’ero anch’io” infatti ci siamo incontrati lì ; le donne che puliscono l’insalata godendo lo sprazzo di sole riempiono anche i miei racconti qui a Cremona
    che il Signore ci ridia al più presto la nostra Villa

  • Ivana Flaborea

    Ciao! ho letto l’articolo e i pensieri vanno veloci alle persone anziane nella tendopoli. Casa nostra è stata dichiarata inagibile, stiamo aspettando gli sviluppi della situazione, vorremmo ricostruire, riparare al più presto, sarà un estate strana quasi surreale diversa dalle tante trascorse in questi anni. Villa comunque è nel cuore così come l’Abruzzo, speriamo di rivederla presto come prima, anzi meglio…

  • Sono piacevolmente sorpresa per questo reportage di 3 giorni tra gli sfollati.
    Volevo scrivere qualcosa di simile per Carrufo , ma ora sarebbe superfluo. E’ stato detto tutto e bene! Bravo all’autore che si è mostrato sempre molto sensibile!
    La ricosruzione sarà lunga , e tutti lo sanno , ma facciamo in modo che dalle
    rovine di questo disastro possa nascere qualcosa di positivo in termini di rapporti umani.
    Percepisco troppi nervosismi (giustificatissimi se non si riversano su persone che non c’entrano niente), troppi pettegolezzi, troppi rinfacci e anche troppe pretese . In questo momento sarebbe necessario rimboccarsi le maniche da soli per fare , se non altro, quelle piccole cose del vivere quotidiano tipo: fare l’orto, pulire davanti casa, mettere un fiore nei vasi e cavolate simili! non mi piacciono le persone che si piangono addosso e senza un valido motivo (che in questo caso sarebbe stato solo la morte di una persona o la distruzione totale della casa)! Diciamo grazie, qualche volta, a chi si adopera per noi senza senza stare sempre a criticare, criticare….
    Scusate se mi sono dilungata!

cribbio
Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)