Il pop è morto. Viva il pop!

files-br_big

La ferale notizia della scomparsa del Re del Pop mi giunge per sms in una sera di pioggia proprio mentre, a margine di una serata in sala prove un po’ più cazzona del solito, si celebravano gli anni Ottanta con dello scialbo ma divertente karaoke improvvisato. Diventare adulti è prima di tutto la rinuncia o la consapevolezza che qualcosa cui eri abituato e apparteneva alla tua gioventù non c’è e non ci sarà più.

Tra le tante cose che non ci sono più da un bel po’ del magico decennio degli yuppie e delle permanenti aggiungiamo oggi alla lista una delle massime icone della cultura popolare di quel periodo. Forse la più grande, insieme ovviamente a Madonna, capace di far breccia nei cuori dei fan sparsi in ogni parte del globo. Più popolare della Regina d’Inghilterra, più universale del Papa, il suo moonwalking ha ispirato centinaia di ballerini e fatto sognare una generazione intera. Spettacolo puro il suo, che supera il limite imposto dai generi e dal giudizio che ognuno di noi può dare musicalmente: non sono mai stato un fan di Jackson eppure riconosco in lui l’interprete migliore di un’epoca che non c’è più, in cui non c’era internet e il cellulare, ma c’erano più soldi, più benessere o forse molto semplicemente si credeva ancora fosse così. Provate a riascoltarvi Beat it oggi e chiudendo gli occhi rivedrete l’America degli anni ottanta, più sorridente e spensierata di quanto non sia adesso.

Michael Jackson rappresenta però anche il massimo grado di stupidità umana e cialtronaggine dello star system. Se le grandi rockstar si spegnevano giovani riverse in una pozza di vomito in qualche motel negli States, il suo declino è stato tutt’altro che da star, tanto da schifare persino i suoi fedelissimi. Ridotto a ombra di se stesso con continue operazioni su un corpo sempre più martoriato, dal cambio di colore della pelle alla chirurgia estetica sfrenata, travalicando ogni limite umano stabilito in precedenza da Liz Taylor, ha visto perdere sempre più credibilità anche sul piano umano. I casi di sospetta pedofilia, la bancarotta, le psicosi su fantasmi e inquinamento atmosferico, ne hanno fatto un personaggio talmente controverso da non farci dire nient’altro oggi che non sia un riposi in pace che metta la parola fine a tanta dabbenaggine.

Vorrei non averlo conosciuto Jacko, dopo il 1995, avrei preferito saperlo ritirato a vita privata con quel mare di soldi che aveva accumulato. Certo non possiamo pretendere che la vita di una popstar non sia fatta di eccessi, in questo caso completamente opposti agli sfarzi di reginette come Mercury o Sir Elton, ma tra i tanti modi di concedersi una vita sregolata, distruggersi con la chirurgia estetica rimane uno dei modi più stupidi mai visti. Gli altri almeno si sono divertiti per spegnersi giovani, bruciando tutto al sacro altare della musica. Morire a 50 anni per un infarto dopo quindici passati in casa con una mascherina antipolvere è da sfigati, Jacko. Sei out. Come gli anni ottanta del resto.

4 Responses to “Il pop è morto. Viva il pop!”


  • eugenio no!!! con questo articolo hai perso 10 punti XD
    ogni “demenza artistica” merita rispetto, e credo anche quella di Jacko. E i suoi anni 80 erano davvero diversi dalla spazzatura che circolava all’epoca…
    poi vabbè, probabilmente parla la mia coscienza di fan, di bambino che giocava in sala giochi (la sala giochi )-: ) al videogame dove lanciavi il suo cappello, al bambino che provava maldestro il moonwalking e all’adolescente che si faceva le pare su You Are Not Alone.
    Distruggersi secondo me era il suo modo per accettarsi.
    ciauu

  • E chi ha detto il contrario? Non ho mica scritto che fosse spazzatura anzi… la spazzatura più probabilmente è stata prodotta in Europa in quegli anni, non certo da lui. Ho giocato anche io a Moonwalker, mi piace ancora adesso You’re not alone e il suo video zozzo eccetera eccetera. Però la chirurgia estetica no. Faceva cagare, era peggio del peggior mostro di un film horror. Tutto ma non la chirurgia estetica. L’uomo Michael è stato rigettato dalla società molti anni fa ormai. Sulle doti artistiche ho già scritto, niente da dire.

  • eh ma appunto quello che volevo sottolineare io è che, come, per esempio, Jim Morrison si prendeva gli allucinogeni, Kurt Cobain l’eroina, lui si faceva di bisturi. Quindi o salviamo tutto, o buttiamo tutto nella spazzatura!!!
    Per la questione spazzutura musicale avevo inteso male!

  • Mito degli anni ’80.
    Irripetibile.

cribbio
Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)