Abbiamo smesso

Abbiamo smesso di fare la festa di compleanno perchè stavamo diventando troppo grandi, sicuro non vecchi, per la torta con le candeline, i regali 5 euro a testa da scartare, gli inviti da fare stando attento a questo che non può vedere quello e questa che si è lasciata con quell’altro.

Abbiamo smesso di mandarci i messaggi di auguri perchè ogni anno son sempre uguali e nessuno è mai capace di inventarsi parole originali e poi c’è Facebook e basta un saluto veloce o scopiazzare quel che hanno scritto gli altri.

Abbiamo smesso di farci i regali a Natale perchè non sappiamo onestamente più cosa regalarci dopo meno di vent’anni che ci conosciamo, figuriamoci se dobbiamo vederci per altri sessanta.

Abbiamo smesso di tirare tardi il sabato sera perchè il sonno subentrava prima e domattina-lavoro e ho-il-turno e mi-alzo-presto-per-andare-a-correre perchè ho la pancetta. Abbiamo mangiato e bevuto dieci anni per procurarci la pancetta da smaltire nei prossimi dieci.

Abbiamo smesso di ubriacarci perchè si supera il tasso alcolico e se ci fanno il palloncino c’è il ritiro della patente.

Abbiamo smesso di telefonarci perchè la ricarica del cellulare costa troppo e ci siamo dimenticati di avere un numero fisso per chiamare da casa che spesso nemmeno paghiamo noi.

Abbiamo smesso di scrivere lettere perchè siamo troppo pigri: serve carta penna e almeno un paio di pagine da riempire con parole non casuali, mentre la rete ci sta (dis)educando a produrre solo piccoli status di un centinaio di caratteri, peraltro non richiesti da nessuno.

Abbiamo smesso di andare in vacanza, perchè non abbiamo ferie e se le abbiamo non bastano i giorni a spostarci oltre Copparo, i Lidi, massimo massimo.

Abbiamo smesso di andare al cinema perchè scarichiamo da internet quello che vogliamo vedere, non importa se si vede un po’ peggio. Abbiamo comunque smesso di vederlo la sera tardi perchè ci addormentiamo come bambini dopo un po’ e perdiamo tutto il filo.

Abbiamo smesso di comprare dischi perchè scarichiamo da internet quello che vogliamo sentire, non importa se un virus ogni tanto ci brasa il disco fisso e perdiamo tutto perchè non abbiam fatto le copie, tanto da qualche parte possiamo riprenderlo a costo zero.

Abbiamo smesso di giocare, ma non abbiam smesso di ridere. Però ora lo facciamo con riserbo, moderatamente, con la mano davanti a nascondere i denti storti, la carietta, la verdurina in mezzo ai denti rimasta dall’aperitivo.

Abbiamo smesso tante tradizioni nei luoghi che frequentavamo anni fa. Non ci sono più le persone e i presupposti. Le cose che abbiamo contribuito a far nascere, gli eventi che abbiamo organizzato qualche anno, le associazioni, i gruppi, i passatempi e i luoghi a noi cari sono tutti spariti nel tempo. La cosa più longeva che ancora facciamo è una tradizione per modo di dire: dieci anni fa probabilmente non c’era ancora.

5 Responses to “Abbiamo smesso”


cribbio
Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)