One more thing


Ho 28 anni. Steve Jobs, il carismatico leader e fondatore di Apple è morto oggi dopo una lunga malattia. Se vivessi come lui significherebbe trovarmi oggi esattamente a metà della mia esistenza con altri 28 anni per fare della mia vita qualcosa di spettacolare. Non che la mia vita non vada bene come è ora, o che abbia velleità di diventare un guru dell’informatica planetaria visto che vivo in una città di provincia italiana e non nella Silicon Valley. Qui i soldi non ci sono, i cervelli nemmeno, e sono una persona troppo pigra per pensare di fare qualcosa di così straordinario e rivoluzionario o anche solo per provarci. La mia domanda è: quanto ha fatto quest’uomo negli ultimi suoi 28 anni di vita? Tanto, tantissimo. Talmente tanto da essere diventato uno dei personaggi più famosi al mondo. Vogliamo dire forse il più famoso?

Pensateci bene: in pochi come lui sono riusciti a diventare davvero icone trasversali, personaggi pubblici rispettati ed ammirati da una platea che non conosce confini. Si può essere Re, Presidenti, Imperatori o Papi, ma si avrà potere ed influenza solo su un territorio ben delimitato. Oggi questi potenti della terra gli rendono onore perchè tutti ne hanno ammirato il genio e utilizzano i prodotti che ha inventato negli ultimi 15 anni. L’informatica va oltre la politica, la popolarità o addirittura la musica. Non ci sono gusti o pareri nell’informatica o nella comunicazione: è qualcosa che utilizziamo tutti volenti o nolenti. Forse vi piace Linux, forse preferite Windows o i computer Macintosh ma utilizzate procedure e software che fanno grossomodo le stesse cose da Genova a Toronto, da Mosca a Singapore. La rivoluzione iniziata in America negli anni Sessanta ha portato la tecnologia e il progresso nelle nostre case e ha unito le persone da un capo all’altro del mondo, inventando un nuovo modo di comunicare, di lavorare, di vivere le nostre brevi e fragili esistenze. L’esperienza d’uso di un computer, di un software o di un telefono cellulare, unisce tutti, grandi e piccini in un’unica esperienza collettiva. Alle persone che hanno inventato tutto questo saremo per sempre grati eppure la grande maggioranza di noi non conosce il nome dell’inventore del personal computer, o di Internet.

Jobs è riuscito a diventare la prima vera icona globale del mondo hi-tech sapendo parlare alle folle avvicinando la tecnologia a chi si era sempre rifiutato di volerci capire qualcosa. Ha saputo vendere prodotti dal design elegante e innovativi anche a chi non sapeva come leggere le caratteristiche tecniche di un computer o di un telefonino, ma vedeva con i propri occhi come operavano i computer, gli smartphone, e oggi i tablet che Apple ha inventato e prodotto grazie alla sua visione innovativa. Ha venduto sogni ad una generazione di nativi digitali prima, e alla gente comune poi, senza mostrare tette in tivù come Berlusconi nell’Italia degli anni Ottanta, incantandoci con semplici scatolette di silicio e qualche software intelligente dentro di esse.

In questo momento mi trovo in treno e vedo una signora di circa 60 anni che utilizza uno smartphone economico con il touch screen e un po’ mi commuovo perchè quella cosa che sta facendo con tanta naturalezza, quei gesti che sembrano ovvi a molti, sono stati possibili grazie al lavoro di persone come Jobs. Mentre attendevo sul binario due signori in giacca e cravatta consultavano una mappa su un tablet della mela per cercare un ristorante. E’ il progresso, e non ci impressiona più pensare di poter fare queste cose, ma forse dimenticate che fino a pochi anni fa erano cose certamente possibili ma non alla portata di tutti. I tablet esistevano da anni ma fino all’avvento di iPad non hanno fatto quasi notizia e il loro utilizzo non è mai diventato di massa o in qualche modo cool.

Negli anni Novanta adoravo Microsoft (nacque a quell’epoca il nome Ciccsoft che porta questo blog) e la miriade di software che produceva, ho letto un libro di Bill Gates e ho sempre visto in lui un innovatore che con Windows aveva rivoluzionato il mondo dell’informatica fino ad allora fermo al prompt di Dos e alle schermate nere. Il dualismo Jobs-Gates, amici e rivali al contempo, è stato per anni un volano allo sviluppo e all’innovazione portata da Microsoft ed Apple e poi alle migliaia di startup cresciute in California, ma se da un lato Gates ci ha donato Windows e la suite per l’ufficio Office con la quale bene o male in tanti lavorano tutti i giorni, Jobs si è via via allontanato dal semplice business dell’informatica per andare a parare dove ognuno di noi ripone i propri sentimenti: la musica, con la re-invenzione del lettore mp3, il telefono cellulare con dentro internet e i videogiochi, il tablet, oggetto dall’utilizzo ancora incerto ma precursore dell’era postpc che stiamo vivendo. Gadget di culto, desiderati da maggioranze, alla portata economica di pochi ma alla fine acquistati dalle folle anche a costo di assurdi sacrifici. Barboni con l’iPhone. Poveri, ma con stile.

Per questo oggi piangiamo Jobs, che ha perso come ogni essere umano la battaglia con la malattia e la Morte, ma ha ampiamente vinto la sfida con Gates e con la sua voglia di stupire e far sognare il mondo. Lo abbiamo adorato e idolatrato come da piccoli adoravamo Archimede Pitagorico nei fumetti Disney, sempre pronto a tirare fuori dai guai il clan dei paperi con qualche diavoleria bellissima ed impossibile. Se oggi ogni volta che Apple presenta un suo prodotto, gli occhi del mondo intero sono puntati su quello che una volta era un mero evento commerciale per addetti ai lavori, significa che le idee di Jobs sono vive e radicate nella società e nei comportamenti di milioni di consumatori e rimarranno di esempio per almeno un paio di generazioni. Ha saputo venderci i sogni e ieri non è riuscito a vendere l’anima al diavolo. Forse laggiù usano ancora Windows.

4 Responses to “One more thing”


  • Grande Bruno, bell’articolo dedicato ad un grande uomo..

  • Che bel post.pulito solo come l’helvetica può fare…l’avrebbe potuto inventare lui in effetti.bravo bruco ciclope,hai onorato tutte le tue mele!

  • “alla portata economica di pochi ma alla fine acquistati dalle folle anche a costo di assurdi sacrifici. Barboni con l’iPhone. Poveri, ma con stile”

    Ecco, è questo ciò che non mi fa apprezzare la figura di Jobs: è riuscito a inculcare nella mente della collettività il bisogno di oggetti soperflui/inutili (per la maggioranza) e costosissimi.
    La concorrenza, spietata e in certi casi migliore, non è riuscita a scalfire l’immagine della Apple costruita da Steve.

    Mi dispiace Euge, ma secondo me lui era il diavolo, che ha deciso di abbandonare il corpo di Jobs dopo aver svolto il lavoro.
    So che lo adori, vedila come un’opinione personale.

    Lo ammiro tantissimo lo stesso anche senza avere mai avuto un prodotto della mela: magari avessi i suoi soldi, le sue idee e il suo carisma.

    Ne parliamo meglio lunedi sera con i nostri amici ascoltatori… (mettiamo un pò di carne al fuoco)

  • bel post, belle parole.. Tutto vero ma vero anche il comento di Pigroni!

cribbio
Comments are currently closed.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)