Author Archive for Dr.Strangeblog

Page 2 of 4

Tricicli Pericolosi

Per le donne arriva la pillola «trimestrale»: in vendita entro la fine dell’anno, consente di avere le mestruazioni solo una volta ogni tre mesi.

‘Fantastico!’, viene da dire. Ma onestamente non so che effetto mi farebbe vivere con una donna che ha scazzi, mal di testa, crisi depressive per 15 giorni consecutivi mentre ti gira per casa con indosso dei pannoloni giganteschi.

Condom Wojtyla

Sharon Stone: "Sull’uso del condom non so quale sia la tesi migliore, ma la mia e’ razionale. Il Papa cambi idea sull’uso dei preservativi".

Anche il Papa avrà le sue buone ragioni. E comunque non mi sembra il caso di trattarlo in questo modo.
Scommetto che lei lo prende pure in giro, mentre lui cerca di srotolarlo.

Comunque sia non è un mistero del perchè il Papa si oppone con tanta forza all’uso del preservativo.
Lo fareste anche voi se foste obbligati a indossare per tutta la giornata un costume da spermatozoo.

A proposito di neve

Quand’ero piccolo restavo per ore immobile a guardare i fiocchi di neve appoggiarsi sul mio naso.
Poi, verso la fine di febbraio, mia madre mi liberava.

Era uno strano modo per fare i pupazzi di neve, lo ammetto, ma non ho mai pensato si potesse agire diversamente. I miei genitori mi avevano sempre raccontato che dentro ogni pupazzo si nascondeva un bambino, usato per ottenere quell’approssimazione di forma umanoide.
Dicevano che era una tradizione antica quanto l’universo e me lo ripetono anche oggi, ogni volta che vado a trovarli. Al manicomio criminale.

Forse è per questo che odio tanto la neve.
Per una sorta di indigestione (capirete, erano periodi bui, lì dentro: non c’era altro e non si vedeva un cazzo).
Comunque sia, ogniqualvolta nevica mi viene la nausea, ho continui sforzi di vomito e il mio corpo si contorce nell’orrida smorfia del proprio dolore.

Il mio psichiatra mi urla che non guarirò mai, mentre corre e mi tira palle di neve ghiacciata.  

Prescrizione & Proscrizione

Raidue ha bloccato la messa in onda dello spettacolo teatrale di Paolo Rossi. La seconda parte dello spettacolo di Rossi, «Questa sera si recita Moliere», doveva andare in onda sabato alle 24.50 sulla seconda rete nell’ambito di «Palcoscenico», che sabato scorso aveva proposto la prima parte dello spettacolo ispirato alla commedia «Un medico per forza». Ma è arrivato lo stop.

Non ci posso credere!
Che abbiano mandato in onda la prima parte, intendo.

«Quando mi hanno comunicato che la prima parte era stata vista da un milione di persone – ha aggiunto l’attore – ero entusiasta. Però subito dopo ho pensato che in quel milione poteva esserci anche qualcuno che me lo avrebbe bloccato. E così è stato».

Ammettiamolo: un milione di persone davanti alla tv, all’una di notte, non è poi questo gran risultato.
Soprattutto se consideri che a quell’ora c’è pure l’imperdibile rassegna stampa del Tg4.
Una cosa strepitosa: vieni a sapere tutto quello che sono riusciti a tenerti nascosto in una giornata.

In casi come questi mi viene spontaneo chiedermi come sia il volto di colui che ha materialmente censurato il programma in questione. E ogni volta penso ad un pene gonfiato ad aria compressa. O alla faccia di Bondi.
Li distingui solo perchè il primo ti ricorda qualcosa di intelligente.

Una volta per i comici sgraditi c’era la seconda serata, come per dire: ‘se dovete fare gli stronzi fatelo ma non in soggiorno’, e ti spedivano in uno stanzino con chi, conoscendoti, ci voleva venire.
Ora è diverso, ti dicono: ‘se devi fare lo stronzo chiuditi in bagno’. E se poi scoprono che non tiri subito l’acqua ti cacciano di casa.
Hanno paura della merda, fondamentalmente.

Temono di vedersi riflessi sotto un tappeto di mosche.

L’ultimo desiderio di Cristo

1) Secondo uno studio condotto dai ricercatori della Philip Morris, il 20% di coloro che fumano più di un pacchetto al giorno gode di ottima salute. Perchè non provarci, allora?

2) L’ H. Bogart Center for Pulmonary Disease sostiene che, a dispetto di qualunque statistica, un condannato a morte vive più a lungo nel caso sia un fumatore. Anche fino a 5 minuti, se tira lentamente.

3) Nel 1986, in un celeberrimo esperimento, l’esimio professor Kreybel Minduz addestrò un gruppo di scimpanzè da laboratorio a fumare una sigaretta ogniqualvolta lui suonasse una campana. Ripetendo l’esperimento per un anno ottenne risultati stupefacenti di cui, sfortunatamente, nessuno prese nota essendo il professor Minduz, dopo pochi mesi, morto di cancro da fumo passivo.

4) La prima volta che ho fatto l’amore ero talmente nervoso che la sigaretta me la sono fumata durante il rapporto.

5) Secondo il Vangelo apocrifo di Amechiele, Gesù di Nazareth, da ragazzo, soffrì molto il fatto di non poter fumare di nascosto da suo padre.

6) Alcune recenti ricerche hanno dimostrato un rapporto stretto fra il consumo di sigarette e la puzza dei piedi. Una ricerca finanziata dai Puffi, credo.

7) Secondo un affidabile sondaggio condotto in queste settimane il 24% dei fumatori italiani sarebbe felice di veder fumare il ministro Sirchia. Ma il restante 76% vorrebbe vedere anche delle fiamme.

8) Non tutti sanno che nel Medioevo i fumatori più incalliti venivano considerati potenziali stregoni capaci di evocare spiriti maligni e nefasti. Per accertarsi dei loro diabolici poteri venivano condannati a morte con una finta sentenza (a loro insaputa), poi, giunti sul luogo dell’esecuzione, era loro concesso un ultimo desiderio. Chiunque chiedesse una sigaretta veniva ritenuto colpevole di stregoneria e quindi giustiziato. (per la verità veniva ucciso comunque, qualunque cosa chiedesse, perchè altrimenti c’era il rischio di veder spifferare in giro il segreto della finta sentenza. Mi rendo conto che la cosa oggi non sembra avere una logica giuridica, ma la Cirami era ancora molto di là da venire).

9) Nella bellicosa Panzaria Ubukai, minuscolo stato sito nel centro di una circonferenza ideale tangente il Caucaso, gli Urali e un ginepro di Tunisi, possono fumare solo i minori di 18 anni o le donne gravide. La Philip Morris sostiene di non aver mai saputo esattamente cosa diavolo scrivesse sui pacchetti di sigarette la propria filiale Panzariana.

10) Sappiatelo: vi resta ancora un’ora per entrare in un locale pubblico, accendervi una sigaretta, inspirare un’ingente quantità di fumo e soffiarla in faccia al tizio di due metri per un quintale che vi sta di fronte. Potrà gonfiarvi come una zampogna, spezzarvi entrambi gli arti superiori, strapparvi le orecchie e invertirle come le casse di uno stereo, ma mentre vi tramuterà la faccia in un piatto di spaghetti al sugo potrete star tranquilli che, finchè non arriverà l’ambulanza, nessuno potrà obbligarvi ad uscire da quel locale.

Quant’è bella Timidezza!

Da piccolo ero un bambino talmente timido che a scuola, per punirmi, la maestra mi faceva venir fuori da dietro la lavagna.

I miei genitori non hanno mai fatto molto per aiutarmi a risolvere questo problema. Se escludiamo quella volta che mi mandarono a un campeggio estivo. Per nudisti.

Con le ragazze ho sempre avuto molte difficoltà. Il mio corteggiamento era limitato a messaggi in codice che nemmeno la Nasa avrebbe potuto decifrare senza un sostanzioso finanziamento governativo.

Una volta, racimolato ogni scampolo di residuo e disperato coraggio, ho avvicinato una compagna di classe molto carina per chiederle se volesse venire al cinema con me, una di quelle sere. Dopo averle detto ‘ciao’ svenni sbattendo violentemente la testa al suolo. Dopo alcuni mesi e due operazioni al cuore, mi ripresentai per un nuovo tentativo. Non ricordo a che parola arrivai prima di risvegliarmi in sala operatoria.

La timidezza può crearti dei grossi problemi. Ad esempio se devi entrare in farmacia per comperare dei profilattici. E’ un’impresa abnorme, vi assicuro. Finisce sempre che devìo su quattro scatole di zigulì alla fragola. Ne ho la casa piena, ormai. Ho dovuto mangiarne talmente tante che mi è venuta una terribile forma di allergia alimentare. Ho bolle dovunque, sono orribile e non scopo da un anno.

Anticoncezionali, a modo loro

Comunque sia, alla fine ho risolto tutti i miei problemi di timidezza. Pensate: ho addirittura un blog!

Good Year Inc.

Per un anno che se ne va eccone un altro che sta arrivando (generalmente è così se escludiamo il 1636, cui seguì un ulteriore 1636, per motivi che rimangono tutt’ora oscuri e che farebbero propendere per un clamoroso errore di battitura di Dio, impegnato nella stesura di questo mediocre romanzo).

Quello che si va ad inaugurare sarà un anno ricco di appuntamenti importanti a livello sia locale che globale, qui di seguito ho elencato i principali:

GENNAIO, 30: elezioni in Iraq. Finalmente gli iracheni potranno scegliere quale forza di governo avrà l’onore di siglare gli accordi commerciali con le corporation che si spartiranno il paese. L’astio verso gli americani resta a livelli talmente elevati che, secondo un sondaggio dell’Istituto Gallup, se fossero presenti sulla scheda, gli iracheni voterebbero in massa i talebani. Solo per dispetto.

FEBBRAIO, 9: capodanno cinese. Come il nostro solo che, invece di stappare bottiglie, molti cinesi tapperanno suole di nuovissime scarpe Nike. Trattandosi di una festa quelle ore non verranno retribuite.

MARZO, 31: scade il mandato delle Nazioni Unite in Afghanistan. L’equivalente di una medicina che ti scade nel tempo impiegato per raggiungere casa tua partendo dalla farmacia.

APRILE, 10: vengono annunciati i premi Pulitzer per il giornalismo. Ennesima delusione per Emilio Fede.

MAGGIO, 17: elezioni nelle isole Cayman. Più che un consiglio dei ministri verrà eletto un consiglio di amministrazione.

GIUGNO, 29: La più anziana donna vivente del mondo, Hendrikje van Andel-Schipper, compie 115 anni. Così, volevamo portarle un pò di sfiga.

LUGLIO, 1: la Gran Bretagna assume la presidenza dell’Unione Europea. La prima volta che una cattedra verrà spostata dietro una scrivania.

AGOSTO, 14: Giuliano Ferrara si amputerà il dito mignolo per venire incontro alle esigenze alimentari del Terzo Mondo. Quel che avanza verrà offerto alla sagra del maiale di Cesinali (AV).

SETTEMBRE, 1: sagra del maiale di Cesinali, Avellino.

OTTOBRE: elezioni parlamentari in Cecenia. Ossimoro triplo carpiato in avanti.

NOVEMBRE, 23: il presidente George W. Bush sceglierà il tacchino nazionale per il giorno del ringraziamento (4 dicembre). Una difficile sfida psicologica lo attende. Nel 2004 venne sconfitto dal tacchino in una partita a scacchi memorabile: il presidente chiedeva di continuo a Rumsfeld perchè diavolo nessun pezzo potesse bombardare dall’alto.

DICEMBRE, 31: scade il Patriot Act, la legislazione antiterrorismo entrata in vigore negli USA in seguito agli attentati dell’11 settembre 2001. Finalmente chiunque sarà libero di pisciare in un bagno pubblico newyorkese senza che un grassone della CIA pretenda di perquisirgli l’uretra.

Aspettiamoci il peggio, chè il meglio dev’essere già passato mentre stavamo vomitando.

auguri, strangeblog.

Check In

WASHINGTON – Più discrezione, e soprattutto mani più lontane da «posti sensibili», nelle perquisizioni corporali negli aeroporti americani per motivi di sicurezza. Lo ha ordinato una nuova direttiva dell’Amministrazione per la sicurezza nei trasporti (Tsa) dopo le numerose proteste per «l’eccessivo zelo» durante i controlli ricevuti soprattutto da parte di donne.

Per quanto riguarda le perquisizioni negli aeroporti le cose non stavano andando per il meglio.
Il mio cugino newyorkese, Strimberg Hanuskland (nato da una relazione extramatrimoniale fra un’attrice porno danese e uno stoccafisso di tredici mesi), di ritorno da un viaggio in Qatar, non appena sbarcato è stato perquisito con una sonda anale modello Wolfowitz’s Finger.
Oltre a un’ernia cervicale, un verme solitario in crisi depressiva e tracce di cerume “non americano” nell’orecchio sinistro, la sonda ha scoperto, nel polmone destro di Strimberg, un avvocato libanese di 32 anni con una domanda di asilo politico.
Fortunatamente i moduli compilati dal libanese sono risultati idonei per la concessione dell’asilo e mio cugino Strimberg è potuto tornare a casa in tempo per non perdersi l’ottimo brasato preparato da mia zia, Stella Goldenshower.
L’avvocato si trova ancora nel polmone di Strimberg che, tra le altre cose, fuma un pacchetto al giorno di SuperStrong ExtraLight (una nuova marca di sigarette che aggira qualche regolamento sulla pubblicità ingannevole).
La Philip Morris ha però dichiarato che, eventualmente, il caso in questione non può essere fatto rientrare nella casistica del fumo passivo.

Ora i 45 mila agenti di sicurezza negli aeroporti statunitensi dovranno tenere le mani lontane «dal perimetro del petto» (solo per le donne), evitando inoltre di toccare le zone genitali e il didietro (vale per tutti), a meno che gli strumenti non segnalino la possibile presenza di esplosivi nascosti in queste zone del corpo.

E’ una buona notizia, questa, se non ti chiami Elton John.

Ogni settimana negli scali Usa i passeggeri perquisiti direttamente sono circa 2 milioni, alcuni dopo essere passati due volte sotto i metal detector.

Harold Zobcheck, protagonista di un piccolo dramma giudiziario, detiene il record di passaggio attraverso un metal detector durante una singola perquisizione.
Dopo essersi svuotato le tasche, essersi tolto la cintura, le scarpe, il maglione, la camicia, i pantaloni, la collana, l’orologio, aver dimostrato di non possedere alcuna protesi metallica nè di essersi fatto impiantare denti metallici, all’ennesimo passaggio con attivazione dell’allarme è stato arrestato per detenzione illecita e criminosa di arma invisibile, secondo le nuove disposizioni della Corte Suprema del Texas.
Zobcheck, durante la prima udienza nel tribunale di Knocksville, ha sostenuto di non aver mai visto prima quell’arma.
Strategia difensiva grandiosa, direi.

Il terno di Schifani

Arriva dall’Unione europea un nuovo allarme sui rischi che comporterebbe l’uso del telefono cellulare, accessorio fra i più gettonati per il Natale 2004 in Occidente e in particolare in Italia.

Per questo Natale ho rinunciato alla Christmas Card Omnitel. “E’ giusto che io paghi per ogni singolo sms che mando” mi sono detto “per riuscire ad avere un bel tumore all’uccello”.

Le onde elettromagnetiche prodotte dai telefonini alterano il dna e danneggiano le cellule: è quanto emerge da una ricerca intitolata “Reflex” e commissionata dalla Ue. Che contiene, sì, dati concreti, ma anche qualche riserva: ci vorranno “altri cinque anni di studi – dicono i ricercatori – prima di esprimere un parere definitivo”.
Insomma, se alterazioni ci sono, non c’è però prova che rappresentino un pericolo per la salute.

A me sembra un’idea un pò da cerebrolesi, questa. Se metto in commercio un geniale dispositivo che fa smettere di piangere i neonati durante la notte, credo di dover essere io a dimostrare che il cuscino elettrificato a molla non reca danno alla loro salute. E dovrei farlo comunque prima che quei pochi, che per errore ne sono in possesso, abbiano l’età per andare in prima elementare.

I test hanno provato che, dopo l’esposizione a campi elettromagnetici, le cellule umane mostrano un aumento significativo nei danni al dna, che non sempre la cellula è in grado di riparare e che si trasmette alla generazione successiva di cellule. La mutazione cellulare, ricordano gli esperti, è una delle possibili cause di cancro.

E’ meravigliosa la cautela con cui certi “scienziati” usano certi termini. “Una delle possibili cause di cancro” sembra “il 53 a Venezia potrebbe uscire domani”. Ora, uno non è obbligato a giocarsi la casa al lotto (almeno l’opposizione è riuscita a correggere la Finanziaria su questo controverso punto) e, se lo fosse, non sarebbe consolante lasciarlo libero di scegliere quali numeri giocare (in realtà l’emendamento Schifani proponeva l’obbligo di giocare il terno secco 92-0,3-704 sulla ruota di Forlì).

Franz Alkofer, alla guida del gruppo che ha cooordinato la ricerca, consiglia di usare sempre, quando possibile, il buon, vecchio telefono fisso, per precauzione.

Ma cosa cazzo vuol dire? Che da domani Megan Gale mi può vendere mutande in fibra di amianto solo perchè quello stronzo di Alkofer ha detto che lui va sul sicuro con la licra? Voglio vederlo, Alkofer, se non risponde sul Gsm quando lo chiama Megan Gale proponendogli di uscire,”Franz, ma te la dò solo se indossi quelle magnifiche mutande Asbestos”.

Gli studi scientifici compiuti finora hanno dimostrato che le radiazioni dei cellulari possono avere effetti sul corpo, come un surriscaldamento dei tessuti o mal di testa e nausea, ma nessuno ha mai provato che causino danni permanenti. L’unico vero avvertimento, dunque, riguarda i più piccoli: “I bambini – stabiliscono i ricercatori – dovrebbero usare i cellulari solo in caso di emergenza”.

Tipo se d’improvviso si accorgono di avere un cancro all’uccello.

Enlarge your penis (if you’ll find it)

Anche se le «misure medie» dimostrano che è infondato, il 23% degli uomini della penisola si ritiene insoddisfatto delle dimensioni del pene in realtà senza averne motivo: le misure sono regolari e il problema è soprattutto psicologico.
La regolarità delle misure del pene le stabilisce un organizzazione apposita, l’International Board on Sexual Attributes, presieduta dal 1926 da Oswald Ngieremi Mbuto, un nano nigeriano. Non che la cosa torni a nostro vantaggio, ovviamente.
La Sia (Società italiana di andrologia) ha anche preso le misure agli italiani, conducendo il primo studio antropometrico dei genitali maschili. Questo spiega la processione incessante di donne col sexy-costume da infermiera venute a casa mia implorandomi di farglielo vedere. Almeno io credevo fosse un sexy-costume.
Ho optato per un atteggiamento di compassata indifferenza, sfoderando sorrisi di chi, a queste cose, ci è fin troppo abituato. Poi è arrivato l’energumeno travestito da andrologo-wrestler.
Lo studio ha coinvolto 2.392 uomini. 2.391 soggetti del campione non hanno opposto alcuna resistenza. Uno è stato bloccato e vinto grazie alla mossa del cobra volante durante il sesto round. Piero Angela non ha mai parlato di cobra volanti di 140 chili.
«La lunghezza media del pene a riposo – spiega Edoardo Pescatori, responsabile del servizio di andrologia dell’Hesperia Hospital di Modena – è risultata di 13,5 cm tra i 20 e i 49 anni e la circonferenza media pari a 9,3 cm tra i 20 e i 29 anni. Queste misure tendono ad accorciarsi con l’età e in presenza di patologie che mettono a rischio la funzione sessuale, come diabete, ipertensione, cardiopatia ischemica, colesterolo alto».
Io invece sono sano come un pesce. Dovrò sforzarmi di ricordare il giorno in cui uno scienziato pazzo mi ha colpito tra le gambe col suo raggio rimpicciolitore.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)