Author Archive for Aldo.Vincent

Caporetto!

TE LA DO IO LAMERICA. Il nostro Ministro per la Guerra Anthony Martin (lo ricorderete, è quello che ha rinunciato a comandare la NATO per non sacrificare la sua pennichella) ripresosi da perenne torpore si è detto amareggiato e ha provato «grande amarezza e dispiacere» per le dichiarazioni di John Kerry, secondo il quale «le condizioni dell’esercito iracheno erano talmente patetiche che persino l’esercito italiano avrebbe potuto prenderli a calci nel sedere». Kerry si è scusato pubblicamente e ne prendiamo atto, anche se chiunque abbia fatto il militare sa che un po’ di ragione, in fondo, ce l’ha.
Basti pensare che durante la guerra dichiarata da D’Alema alla ex Jugoslavia, la nostra Ammiraglia si areno’ davanti alle coste del “nemico” e ci vollero gli alleati per riportarla in mare aperto. Nella prima Guerra del Golfo prestammo dodici aerei alla Coalizione ma quattro non partirono. Una volta in volo cinque tornarono indietro perche’ non riuscirono a fare rifornimento in volo, di uno si sono perse le tracce e due li hanno catturati. Gli iracheni li hanno mostrati in televisione mentre dicevano cose indegne per un militare. E hanno fatto carriera. Ricordo al nostro ministro in pigiama (abbiamo anche un presidente del Senato che gira in mutande per casa per – dice lui – sentirsi libero) che con Kerry dovrebbero trovarsi d’accordo anche alcuni nostri comandanti se, è notizia di ieri, la procura militare ha chiesto l’archiviazione del procedimento penale contro i quattro piloti dell’Esercito che si rifiutarono di salire sugli elicotteri Ch47 Chinook per partecipare alla missione «Antica Babilonia» in Iraq per manifesta carenza di misure di sicurezza adeguate.
Sara’ una sentenza storica, che dara’ un calcio ai fantaccini di Caporetto, alla Folgore, ai martiri di El Alamein e a tutti quegli altri coglioni, che benche’ consapevoli delle carenze delle nostre Forze (dis)Armate, hanno perso la vita per difendere la Patria.

IGNobel 2004

Con una fastosa cerimonia sono stati assegnati anche quest’anno i Premi IgNobel per le invenzioni più scellerate…

Per la Medicina: Steven Stack of Wayne State University, di Detroit, e James Gundlach dell’ Auburn University, in Alabama, per aver pubblicato la loro ricerca su “La musica country e il suo effetto sui suicidi”
Per la Fisica: Ramesh Balasubramaniam dell’ University of Ottawa, e Michael Turvey dell’ University del Connecticut, per aver esplorato e divulgato la dinamica dell’Hula-Hop
Per la Salute Pubblica: Jillian Clarke del Chicago High School Dipartimento Scienze e Agricoltura, per aver investigato sulla validita’ scientifica della teoria “Dei 5 Secondi” il tempo utile cioe’ per raccogliere il cibo da terra e mangiarlo senza il pericolo della contaminazione da microbi.
Per la Chimica: La Coca-Cola inglese, per aver usato una sofisticata ed avanzata tecnologia per imbottigliare l’acqua inquinata del Tamigi e averla venduta come acqua da tavola.
Per l’Ingegneria: Donald J. Smith e suo padre Frank J. Smith, di Orlando Florida, per aver brevettato l Combover (U.S. Patent #4,022,227). Uno speciale phon per fare il riporto dividendo i capelli rimasti in tre sezioni.
Per la Letteratura: La Biblioteca americana di ricerche sul nudismo di Kissimmee, in Florida, per aver realizzato una biblioteca circolante con lo scopo di preservare la cultura del nudismo in America.
Per la Psicologia: Daniel Simons dell’ Universita dell’Illinois e Christopher Chabris dell’ Universita’ di Harvard per aver dimostrato con un video che una persona che scruta con attenzione un avvenimento (per esempio una partita di basket) non riesce a notare nient’altro (nemmeno una persona vestita da gorilla seduta tra il pubblico)
Per l’Economia: Il Vaticano, premiato per l’ingegnosa idea di affidare in «outsorcing» la celebrazione di messe richieste dai credenti Usa al clero indiano, data la penuria di celebranti che oramai affligge le chiese dei paesi occidentali.
Per la Pace: Daisuke Inoue di Hyogo, Giappone, per aver inventato il Karaoke, una nuova straordinaria via per insegnare ai popoli la tolleranza.
Per la Biologia: Ben Wilson dell’ University British Columbia, e Lawrence Dill della Simon Fraser University [Canada], Robert Batty dell’ Associatione Scozzese di Scienze Marine per la loro relazione sulle aringhe che apparentemente comunicano tra loro tramite scorregge.

Abbiamo decapitato Bin Laden

“Noi del gruppo Avanti con Gesù (nuovo gruppo socialista/cattolico) dopo aver tolto Bin Laden dalla sua grotta e nascosto nella suite dell’Hilton di Roma, tanto per fargli capire i disagi del capitalismo, gli abbiamo offerto di fuggire in aereo. Voleva decollare da Ciampino e l’abbiamo decollato. Fine del comunicato.”

P.S.
Mi scuso per il disagio, ma dato che ogni volta che un fuori di testa mette un post allucinato su di un Forum arabo, gli italiani vanno in tilt, cosi’ ho deciso di mettere un identico post su di un blog italiano e stare a vedere come se la fanno sotto gli islamici. Pan per focaccia.

Bush vs. Kerry, facciamo il punto

E’ una campagna elettorale aspra e molto incerta, di cui stiamo perdendo il filo.
Infatti sembra che per controbattere a Kerry che aveva insinuato che Bush si fosse imboscato e avesse fatto carte false per non andare in Vietnam, il Bushettino aveva reagito portando testimoni che accusavano Kerry di aver girato filmati falsi in Vietnam per apparire un eroe. A questo punto Kerry accusava Bush di aver usato prove false per attaccare Saddam ma visto che non saliva nei sondaggi, allora ha cambiato strategia affidandosi agli amici che hanno raccolto documenti con cui sono andati ad una popolare trasmissione televisiva, ma molti mettono in dubbio questi documenti dichiarandoli falsi.
Ora la situazione e’ la seguente: lo sfidante a causa di un video falso sfida un presidente che non ha vinto le elezioni grazie a qualche trucchetto e lo accusa di aver truccato il suo servizio nella guardia Nazionale, grazie a documenti che sono ritenuti falsi. Se ho sbagliato qualcosa, correggetemi.
Per fortuna, sotto novembre verra’ catturato Bin Laden e tornera’ tutto a posto. Vi avverto che la frase precedente e’ falsa. E’ falsa anche la frase precedente a questa.

Tragedia a Gedda

In 70.000 si sono presentati all’inaugurazione dell’ipermercato per 50 voucher da 150 dollari Ikea, tre morti nella ressa per avere i buoni sconto. Decine di feriti. Cosa vuoi farci? Noi gliela portiamo la democrazia, ma poi loro non sanno usarla bene…

Stendiamo una velina pietosa

Visto come e’ andata a finire la partita taroccata tra Svezia e Danimarca, allora aveva ragione Totti a sputargli in faccia, a quelli! Intanto i nostri campioncini continuano ad interrompere i film alla televisione con le loro prodezze: Del Piero tira in faccia a una sfigata in ascensore, Totti tenta di aprire una lattina, Vieri gioca col telefonino, qualcuno parla con l’uccello, qualcun altro cia’ li belli capelli, chi si sbrodola con lo yogurt e chi invece canta per beneficenza… Insomma non ce n’era uno che si allenava…
Evvabbe’, stendiamoci una pietosa velina sopra…

Bravi!

Abbiamo di sputato una buona partita.
Ma la squadra non saliva.
Totti aveva gia’ di sputato per conto suo.
Adesso ci mandano a casa tutti
a giocare nel campionato piu’ bello del mondo.
(ma il mondo, non lo sa).

Caro direttore

Caro direttore,
vado a lavorare in trasferta qualche giorno ma non me la sento di lasciare lei e i suoi lettori senza commenti sulla situazione attuale, cosi’ ho pensato ad un piccolo self-service. Si tratta di questo: quando domani evaporera’ l’emozione dell’aver rivisto i nostri eroi ingrassati per i cinquanta giorni di prigionia, se il lettore cerchera’ uno spunto di riflessione, voi pubblicategli il malloppone qui sotto, e lui si scegliera’ da solo la notizia del giorno e si fara’ quattro risate ironiche. Scusi per il disturbo, riprendero’ i commenti lunedi’.

MALLOPPONE:
“Messaggio di AlQaida. Venezia affonda. Un piano per Alitalia. Pensioni a rischio. Sciopero dei trasporti. I commercianti danneggiati dall’Euro. Le acque inquinate. I treni tardano. Il Paese in crisi. Gli studenti protestano. Rivolta nelle carceri. La riforma non va avanti. Napoli paralizzata. La crisi dei cobas. Il digitale terrestre. La crisi dei partiti. Il Mezzogiorno in crisi. Le regioni non funzionano. A Najaf, calma apparente.
I cinesi entrano nel mercato mondiale. Gli arabi preparano la democrazia. I negri muoiono. Il Centro destra in crisi. Il Centro-Sinistra in crisi. Ritorna il caldo. Ondata di freddo. Non sono piu’ le stagioni di una volta. La sinistra ha già vinto? Piano della società per convertire il debito. All’Onu intesa vicina. Arrestato il braccio destro. Fiom sciopera. Anche Franca Ciampi alla manifestazione. Sciopero della sete di Pannella. Bombe a Bagdad. Condono Ici. Risoluzione Onu sull’Iraq. Il viagra per le donne. Scienziati americani. Siamo i piu’ felici d’Europa. Forse.”

Ho capito!

Dio ti ringrazio perche’ hai aperto la mia mente e mi hai permesso di capire. Comincio’ tutto col mio viaggio in Germania con la 850 fiat. Si pianto’ sul Bernardino, mi soccorse un camionista dalle parti di Ulm e quando arrivai a Francoforte faceva cosi’ freddo che al mattino andavo a lavorare in tram. Tutti gli altri andavano in auto, perche’ la loro partiva, ma la mia, no. Ma non capivo.
Dopo un inverno al Nord, un giorno mi sedetti in auto e il fondo, reso marcio dal sale delle autostrade nordiche e dalla ruggine, si stacco’ facendomi sedere sull’asfalto. Ringraziai la fortuna che non aveva fatto cedere la lamiera marcita in autostrada, altrimenti starei scrivendo questo pezzo col sedere brasato. Ma nemmeno quella volta capii.
Tornai in Italia con una vecchia cinquecento, la miglior macchina mai venuta al mondo, ma la fiat aveva deciso di ritirarla per andare sul mercato con la nuova 126. La sorpresa venne all’autosalone: mi offrivano 750 mila lire per un’auto che stava tirando gli ultimi e che da nuova era stata acquistata per 560.000! Vuoi vedere che gli Agnelli si sono rincoglioniti? Mi sono chiesto. Poi ho chiesto il prezzo della 126: ottomilioni. Stesso motore, stesse ruote, stessi rumorini all’interno. Ottomilioni, che nel giro di pochissimo diventarono 10.800. Ma non capii nemmeno quella volta.
Comprai la 124 spider che beveva piu’ di Liza Minnelli ma mi piaceva. In autunno purtroppo constatai che ci pioveva dentro e andai a lamentarmi. Mi dissero che se non volevo che piovesse dentro l’auto, non dovevo comprare una spider col tettino di tela!! Mi parve una risposta convincente e la cambiai. Comprai una fiat Dino. La facevano in due versioni: una un po’ truzza per gli scemi, e l’altra piu’ ganza per gli scemi ricchi. Non teneva bene la strada e andai a sbattere sulla Milano Genova. Quando andai a ritirarla riparata, approfittai dell’assistenza Ferrari (erano gli stessi operai, ma con una tuta con dietro scritto Dino) e mi lamentai perche ‘ nelle curve strette a sinistra la macchina rallentava e perdeva colpi. Mi dissero che quello era un motore progettato per correre in pista che gira in senso orario se svoltavo improvvisamente in senso antiorario, la benzina che arrivava a caduta non forniva perfettamente gli ultimi due cilindri. Non capii nemmeno allora e mi comprai un Porche 911.
Successero un sacco di altre cose, nella mia vita. Vidi passare la Duna, la Barchetta, la Punto Spider, la Panda e pure la Multipla, ma continuai a non capire.
Quando la fiat acquisi’ anche la Lancia (per una lira!!) comprai una concessionaria all’estero e come rappresentanza mi presi una Lancia modello Beatrice Cenci. Non che si chiamasse proprio cosi’, ma quando viaggiavo col finestrino aperto tentava di avvelenarmi con tutta la famiglia coi gas di scarico, ecco perche’ me la ricordava… Poi persi tutti i soldi della mia vita con la concessionaria Lancia e finii pure in tribunale. Mi venne un sospetto, ma poi lasciai perdere. E nemmeno quando qui in Grecia entravo nell’autorimessa gestita dal mio amico Spiro e leggevo il cartello: “DOXA TO THEOS: Ringraziamo Dio, per aver creato le fiat e le lancia e le alfa romeo che con i loro problemi ci danno da mangiare tutti i santi giorni…” Nemmeno allora capii…
Poi finalmente venerdi’ scorso, come Saulle da Tarso, sulla strada per Damasco, ho visto la Luce: che se per diventare presidente della Fiat basta essere Montezufolo, allora finalmente ho proprio capito tutto!!!
Ma questo presidente di Confindustria, Fiat, Ferrari (tre miliardi al mese di stipendiuccio), Ieffe Holding, Fiera di Bologna, Federazione Editori, Charmes, Poltrone Trau, praticamente proprietario di due quotidiani e con un piede nel terzo, com’e’ che non c’e’ nessuno che ciocca per il conflitto d’interessi? Vuoi vedere che questa volta non c’e’ conflitto e che gli interessi vanno d’amore e d’accordo?

Infinito

Non e’ solo l’ermo colle leopardato, ma anche un concetto tra i piu’ problematici della matematica a cominciare da Zenone giu’ giu’ fino ai giorni nostri con i quadri di Cascella venduti da Telemarket, alla produzione di Schifano, dai reati di Berlusconi fino alle foto inedite di Marilyn Monroe. Chi volesse approfondire questo irrisolvibile concetto, potra’ andare al Museo Nazionale di Torino dove sono esposte le ultime (?) foto inedite di questa icona del ventesimo secolo (no, non Berlusconi, ma Marilyn). Se perdete la mostra, pero’, non preoccupatevi. Troveranno altre foto inedite…

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)