Author Archive for Fulvia Leopardi

Delitti e pregiudizi

Barbara Cicioni, la donna uccisa nel corso della rapina in villaBarbara Cicioni, 33 anni, è stata uccisa nel corso di una rapina in villa avvenuta a Compignano (Marsciano, provincia di Perugia). Secondo una prima ricostruzione, la donna si sarebbe opposta ai ladri, che per la seconda volta nel giro di pochi mesi si erano introdotti in casa sua. Il frutto della rapina è di 1500 euro. Quello che ha scosso le coscienze e agitato gli animi è il fatto che la donna fosse incinta, all’ottavo mese: i cittadini, infuriati, hanno subito chiesto la pena di morte per chi è stato, (“non importa se italiano o straniero”) puntando però il dito contro gli stranieri che hanno reso la zona invivibile.

Continue reading ‘Delitti e pregiudizi’

DisOnorevoli pensioni

«Montecitorio (dati 2006) ha in carico 2005 pensionati (reversibilità comprese): gli costano 127 milioni di euro a fronte dei 9 milioni 400 mila di entrate relative ai contributi versati dai deputati in carica. Altrettanto critica è la situazione al Senato che con le sue 1.297 pensioni spende ogni anno quasi 60 milioni a fronte dei 4 milioni 800 mila di entrate ricavate dai versamenti dei senatori in servizio. Un’autentica voragine con un ‘buco’ nel 2006 pari a 174 milioni di euro. Fino a quanto reggerà il sistema? “Noi nemmeno ci poniamo il problema”, spiega un funzionario del Senato. Ci pensa lo Stato a ripianare ogni anno il disavanzo.»
Onorevole si dia un taglio – L’Espresso

Se è vero che di bufale sui privilegi dei parlamentari ne girano parecchie, è anche vero che la realtà dei fatti supera la fantasia della bufala.
Mentre infatti discutono delle nostre pensioni, sullo scalone, e blablablabla, a “loro”, se deputati, bastano cinque anni di lavoro (una legislatura) per ritirare la pensione, arrivati alla veneranda età di 65 anni. Con due legislature, la pensione se la prendono a 60 anni, termine destinato a scendere addirittura a 50 anni per un senatore con tre legislature (se eletto prima del 2001).
…ma invece di parlare all’infinito sulla (non ancora, perché futura e soprattutto molto incerta) mia (e in generale nostra) pensione, perché non cominciate a tagliare le vostre? No, eh?

Darwin Awards 2006

Darwin AwardsPuntuale come le tasse e la morte (sgrat, sgrat) torna (per la prima volta in Italia…credo!) la traduzione delle nomination per le morti più stupide del 2006! Per chi ancora non lo sapesse, il Darwin Award è il premio dedicato alle persone meno evolute che castrandosi e/o eliminandosi fanno un favore al mondo, perché contribuiscono all’evoluzione della specie!

Nota: quest’anno non ci sono vincitori perché la storia originariamente scelta è stata squalificata in quanto: a) nessuno è morto, b) non sarebbe nemmeno accaduta nel 2006. Se siete curiosi la trovate (non tradotta) a questo indirizzo.

Continue reading ‘Darwin Awards 2006’

Slevin – Patto criminale

Slevin - Patto criminaleSlevin – Patto criminale è un film che lì per lì ti lascia un po’ allibita: sangue a profusione e uccisioni a tutto spiano solo nei primi 4 minuti di film (poi si calma, eh).
La trama è (apparentemente) semplice: dopo aver perso in un colpo solo lavoro, casa, e fidanzata, Slevin (Josh Hartnett) si trasferisce a casa del suo amico Nick, e viene scambiato per lui, rimanendo coinvolto nella guerra ordita da due capi criminali acerrimi nemici: “Il Rabbino” (Ben Kingsley) e “Il Boss” (Morgan Freeman). Il ragazzo si dimostrerà comunque all’altezza del suo nome (Slevin significa “cane rabbioso”)…anche troppo, direi!
Grazie ad un cast d’eccezione (oltre ad Hartnett, Kingsley, Freeman ci sono anche Bruce Willis, Lucy Liu, Stanley Tucci…) Paul McGuigan mette insieme un film niente male, che mischia thriller, noir e grottesco, senza dimenticare una citazione ai gangster movie e soprattutto a Quentin Tarantino. Il merito è anche della sceneggiatura di Jason Smilovic, che permette agli attori di esprimere tutto il loro potenziale: da segnalare la prova di Lucy Liu, davvero irresistibile nel ruolo di simpatica svampita coroner.

Un film davvero carino e divertente, imperdibile per gli amanti del genere ma consigliato davvero a tutti

E tu, a chi somigli?

Voi pensate quello che vi pare, ma da oggi in poi quando mi chiederanno “Come sei?”, io risponderò: “Mah, da piccola somigliavo a Jodie Foster (e non solo), da grande invece somiglio ad Ava Gardner (e non solo). Ah, e sia da piccola che da grande ho una vaga somiglianza con John Belushi, mica pizza e fichi!”.
Se anche voi avete la certezza di somigliare a qualche famoso, ma non riuscite a decidervi a chi somigliate di più, andate nel sito Myheritage.com, che scannerizzerà una vostra foto (con la faccia presa di fronte, e bene in vista) e vi dirà a quale vip somigliate.
Per me, sapere di somigliare a Jodie Foster & Ava Gardner è stata una consolazione. Non ci provate se pensate di somigliare a Naomi Campbell, ché potreste ritrovarvi un 100% di somiglianza con lo Whoopi Goldberg, e allora son delusioni grosse…al massimo se non siete soddisfatti potete sempre sfogarvi qui! [istruzioni per l’uso, ma non credo che vi servano]

Rivoluzione Francescana

Che la Chiesa di San Francesco ultimamente fosse diventata poco chiesa e molto sede politica (soprattutto di sinistra, ma anche di destra) si capiva lontano un miglio; era chiarissimo anche a chi, come me che abito ad Assisi luogo di chiese per eccellenza, fa di tutto per evitare di incrociare frati suore e chiese.
Il vescovo di Assisi (ora ex vescovo) Monsignor Sergio Goretti, era un prete che in giro non si vedeva quasi mai, a parte la mattina alle otto quando andava a comprare il giornale e benediva tutti quelli che incontrava. In effetti mi pareva strano che ad Assisi si parlasse più del Custode del Sacro Convento Vincenzo Coli che non di Goretti, fino a quando Goretti non se n’è andato in pensione e tutti abbiamo capito che fare il Vescovo ad Assisi ERA un po’ come quando ti danno qualche carica onoraria: tutto fumo e niente arrosto.
Ma adesso le cose cambiano, e cambiano in peggio. Se voi abitaste ad Assisi, come me, potreste vedere le facce scure dei frati francescani, che ovviamente non vanno a dire alla stampa “porca miseria, adesso siamo con le mani legate”, limitandosi ai sorrisi di circostanza e alle felicitazioni per il nuovo vescovo.

Continue reading ‘Rivoluzione Francescana’

Soluzione più comoda

Certe volte accade che un  bambino ne uccida un altro travolgendolo con una macchina. Questa volta però non è capitato in una di quelle villette bifamiliari, con cane, cancello e cortile, che si trovano nei quartieri "bene" della città. Questa volta è accaduto in un campo nomadi, a Roma, e

solo le indagini chiariranno se davvero sia stato un fratello a travolgerla, oppure se a bordo del camper – che risulta intestato a un pregiudicato italiano – c’era qualcun altro, e la soluzione più comoda sia stata quella di dare la colpa a un minore. Lo dirà l’inchiesta, nella quale probabilmente padre e madre verranno indagati.


Mai, negli altri casi in cui questa disgrazia è capitata, ho visto scritte le parole riportate sopra. Per carità, gli inquirenti avranno i loro buoni motivi per avere dubbi. Ma non vorrei che fosse solo l’ennesimo caso di una certa forma di razzismo per cui i comportamenti di chi indaga cambiano in base allo scenario (ricordatevi di Novi Ligure in cui si scatenò una caccia all’albanese, visto che Erika aveva accusato uno di loro).

 

L’intelligenza logora chi non ce l’ha

Sul fatto che i Bush non sia esattamente una famiglia intelligente, credo nessuno abbia dubbi, almeno per quanto riguarda Bush padre & figlio.
Giorgino riesce a non avere rivali, e a dare sempre il meglio di sé; nel quinto paragrafetto del discorso  tenuto all’aereoporto di Mobile, in Alabama si legge infatti:

The good news is — and it’s hard for some to see it now — that out of this chaos is going to come a fantastic Gulf Coast, like it was before. Out of the rubbles of Trent Lott’s house — he’s lost his entire house — there’s going to be a fantastic house. And I’m looking forward to sitting on the porch. (Laughter.)
TRADUZIONE: “…La buona notizia è — anche se per alcuni è difficile coglierla — che da questo caos sta venendo fuori un litorale fantastico del golfo, come era prima. Dalle macerie della casa di Trent Lott (senatore repubblicano amico suo) — che ha perso la sua casa — sta venendo su una casa fantastica. E sto aspettando con impazienza di sedermi sul portico. (Seguono risate)” (Grazie a WebGol per “avermi detto” chi è Trent Lott).

L’ex first lady Barbara Bush si merita invece una citazione d’onore.
Visitando insieme al marito George Bush gli sfollati a Houston (Texas), la madre dell’attuale presidente ha sottolineato che il trasferimento da New Orleans allo stadio Astrodome si sta «risolvendo molto bene» per alcuni dei rifugiati considerando anche il fatto «che si tratta, ad ogni modo, di poveracci». La ex-first lady ha fatto questa osservazione, giudicata poco sensibile dai media americani, durante una intervista al programma radiofonico «Marketplace».

Katrina? Punizione di Dio

La redazione di Salon ha ricevuto una email da parte di un gruppo fondamentalista cristiano anti-abortista secondo cui l’uragano Katrina sarebbe una punizione lanciata da Dio contro la Louisiana per via dei suoi “10 centri di interruzione di gravidanza, 5 dei quali si trovano a New Orleans”.  Secondo il gruppo antiabortista l’immagine satellitare dell’uragano presa alle 12:32 di Lunedì scorso avrebbe “la forma di un feto nelle prime settimane di gestazione".
L’articolo (lingua inglese) lo trovate qui.
[Segnalato via mail da Giorgio Baresi]

Oltre al danno la beffa

Leggo che Ann Coulter è stata licenziata dal giornale in cui lavora. Oltre al danno la beffa: per la “Fallaci d’oltre oceano”, che diventò famosa dichiarando: «Dobbiamo invadere i paesi musulmani, uccidere i loro leader e convertirli al Cristianesimo», e che è una sostenitrice di GW Bush, le Google Ads propongono bandierine anti Bush e spille contro la guerra.

Buffet

Le migliori foto di LondraNote sparse su alcune cose curiose
trovate a Londra

Le migliori foto di Berlino Do not walk outside this area:
le foto di Berlino

Ciccsoft Resiste!Anche voi lo leggete:
guardate le vostre foto

Lost finale serie stagione 6Il vuoto dentro lontani dall'Isola:
Previously, on Lost

I migliori album degli anni ZeroL'inutile sondaggio:
i migliori album degli anni Zero

Camera Ciccsoft

Si comincia!

Spot

Vieni a ballare in Abruzzo

Fornace musicante

Cocapera: e sei protagonista

Dicono di noi

Più simpatico di uno scivolone della Regina Madre, più divertente di una rissa al pub. Thank you, Ciccsoft!
(The Times)

Una lieta sorpresa dal paese delle zanzare e della nebbia fitta. Con Ciccsoft L'Italia riacquista un posto di primo piano nell'Europa dei Grandi.
(Frankfurter Zeitung)

Il nuovo che avanza nel mondo dei blog, nonostante noi non ci abbiamo mai capito nulla.
(La Repubblica)

Quando li abbiamo visti davanti al nostro portone in Via Solferino, capimmo subito che sarebbero andati lontano. Poi infatti sono entrati.
(Il Corriere della Sera)

L'abbiam capito subito che di sport non capiscono una borsa, anzi un borsone. Meno male che non gli abbiamo aperto la porta!
(La Gazzetta dello Sport)

Vogliono fare giornalismo ma non sono minimamente all'altezza. Piuttosto che vadano a lavorare, ragazzetti pidocchiosi!
(Il Giornale)

Ci hanno riempito di tagliandi per vincere il concorso come Gruppo dell'anno. Ma chi si credono di essere?
(La Nuova Ferrara)

Giovani, belli e poveri. Cosa volere di più? Nell'Italia di Berlusconi un sito dinamico e irriverente si fa strada come può.
(Il Resto del Carlino)

Cagnazz è il Mickey Mouse dell'era moderna e le tavole dei Neuroni, arte pura.
Topolino)

Un sito dai mille risvolti, una miniera di informazioni, talvolta false, ma sicuramente ben raccontate.
(PC professionale)

Un altro blog è possibile.
(Diario)

Lunghissimo e talvolta confuso nella trama, offre numerosi spunti di interpretazione. Ottime scenografie grazie anche ai quadri del Dovigo.
(Ciak)

Scandalo! Nemmeno Selvaggia Lucarelli ha osato tanto!
(Novella duemila)

Indovinello
Sarebbe pur'esso un bel sito
da tanti ragazzi scavato
parecchio ci avevan trovato
dei resti di un tempo passato.
(La Settimana Enigmistica)

Troppo lento all'accensione. Però poi merita. Maial se merita!
(Elaborare)

I fighetti del pc della nostra generazione. Ma si bruceranno presto come tutti gli altri. Oh yes!
(Rolling Stone)